Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

mercoledì 28 ottobre 2015

Draghi indica nuovo stimolo a dicembre, possibile più QE e azione sui tassi

Le preoccupazioni su crescita e inflazione spingono il presidente Mario Draghi a dare un'indicazione chiara sulla possibilità che nuove misure di stimolo all'economia arrivino a dicembre, un'opzione che include il potenziamento del programma di acquisto di obbligazioni e un'ulteriore riduzione del tasso di deposito. L'azionario europeo sale verso il...
massimo di due mesi, il rendimento delle obbligazioni tedesche a due anni tocca il minimo dal 1990 e l'euro cala al minimo di tre settimane contro il dollaro. La Bce dovrà valutare anche il tempismo della Federal Reserve sul suo primo rialzo dei tassi di interesse dal 2006.

Fausto Panunzi - Professore di economia politica dell'Università Bocconi, da Milano: "È una notizia importante che Draghi abbia sentito il bisogno di ribadire che il QE può essere potenziato in caso di peggioramento dell'economia, ed è arrivata inaspettata l'ammissione che il tasso sui depositi delle banche presso la banca centrale potrebbe essere ulteriormente ridotto nel tentativo di stimolare i prestiti, questi due annunci rivelano una determinazione all'agire di Draghi che naturalmente viene da una valutazione più pessimistica delle condizioni economiche".


1 commento:

  1. luciano,xchè così pochi video?cmq complimenti. giancarlo

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".