Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

giovedì 11 luglio 2013

L'Italia è il vero malato d'Europa

Standard & Poor's declassa l'affidabilità creditizia dell'Italia fino a due scalini sopra il livello spazzatura, con prospettive negative, a causa di un atteso indebolimento dell'economia e dell'alterato sistema finanziario del paese. S&P sottolinea che la produzione dell'economia italiana nel primo trimestre del 2013 è risultata inferiore dell'8 percento a quella dell'ultimo...
trimestre del 2007 e continua a rallentare. S&P e il Fondo monetario internazionale peggiorano le stime di crescita del Pil italiano per l'anno in corso, solo una settimana fa un Enrico Letta giubilante annunciava: "Ce l'abbiamo fatta!"

Francesco Saraceno - Ricercatore OFCE, centro di ricerca in economia di SciencesPo da Parigi: "È molto importante oggi ripensare alla distribuzione del reddito non solo come uno strumento di equità più o meno accettabile ma come un veicolo di gestione della domanda aggregata, dando reddito a chi lo spende e togliendolo a chi non spende si può fare ripartire l'economia nei paesi in cui la spesa pubblica non può aumentare".



2 commenti:

  1. Trovo corretto l'utilizzo della politica redistributiva per far rilanciare la domanda aggregata. Tuttavia il nodo gordiano la produzione e la produttività: cosa e come si produce in Italia. La struttura produttiva determina la mappa della distribuzione del reddito. Saluti

    RispondiElimina
  2. Ottima intervista condivisibile in massima parte. Sono d'accordo che la spesa pubblica non debba essere tagliata nel suo complesso ma DOVREBBE essere rimodulata ELIMINANDO la componente IMPRODUTTIVA e indirizzando tali risorse per lo sviluppo. Gli sprechi sono sotto gli occhi di tutti e sono stati analizzati sotto tutti i punti di vista negli ultimi anni. Il punto vero e' che i privilegi della casta e delle lobbies rimangono nonostante il voto di protesta degli italiani. La situazione e' ogni giorno piu' grave ma la nostra classe politica pensa solo a litigare, anche all'interno degli stessi schieramenti, senza curarsi minimamente della situazione del paese.
    complimenti a Vloganza
    marco

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".