Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

lunedì 29 luglio 2013

Le materie prime rallentano con l'economia cinese

I piani della Cina, che intende ridurre la capacità manifatturiera in eccesso per spostare l'economia verso una crescita più lenta e sostenibile, e le indicazioni di un accelerazione della crescita economica negli Stati Uniti, in Germania e in Gran Bretagna guidano i prezzi delle materie prime. Il greggio Wti registra la prima settimana di calo in...
oltre un mese. Il rame segna la perdita maggiore delle ultime tre settimane. Il gas naturale cala a New York, è la prima perdita settimanale da giugno a causa delle temperature più miti del normale.

Lorenzo Paloscia - Trader e Gestore di Etruria Capital Mgmt da Chicago: "Non credo sia rimasto molto spazio per un ulteriore rialzo delle materie prime per quest'anno, potremmo avere un picco ad agosto sopratutto per le materie prime energetiche, non mi aspetto un grande andamento dell'economia globale e il rallentamento della Cina è reale, potrebbe avere un impatto sui prezzi dei materiali grezzi".



1 commento:

  1. Concordo per quanto riguarda i metalli industriali, i metalli preziosi e l'energy, meno per agricoli e coloniali che fanno discorso a se.

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".