Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

martedì 25 giugno 2013

Il rischio Italia aumenta dopo la mossa della Fed

Le obbligazioni italiane e spagnole calano da sette settimane, la sequenza di perdite più lunga dal novembre 2011, le prospettive di una fine dello stimolo monetario della Federal Reserve pesano sugli attivi ad alto rendimento. Il Ministro delle finanze Fabrizio Saccomanni e il suo collega spagnolo minimizzano dicendo che l'aumento dei rendimenti delle...
obbligazioni statali non durerà a lungo ma per l'Italia un costo del debito più alto, in mancanza di un simile tasso di crescita economica, si traduce in un maggiore pericolo per la sostenibilità fiscale.

Vanni Lucchelli - Consulente indipendente e socio di Compagnia Fiduciaria Lombarda da Milano: "La mossa della Fed, che peraltro era prevedibile, spinge di fronte all'evidenza e alle responsabilità i paesi che devono introdurre le necessarie riforme e ristrutturazioni per avviare l'economia sul sentiero della crescita, ma prima delle elezioni tedesche è difficile immaginare un regolamento dei conti nei mercati più significativo di quello a cui abbiamo assistito".



Nessun commento:

Posta un commento

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".