Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

lunedì 17 giugno 2013

Favole & Numeri, punti di svista sull'economia italiana

In questo video Alberto Bisin, discute i punti principali del suo ultimo libro Favole & Numeri che, se confrontati con la generale povertà e mancanza di comprensione del dibattito pubblico sull'economia in Italia, finiscono per essere alquanto controversi... "È come se in Italia si fossero formate delle sette religiose il cui credo è una delle varie favole... 
economiche".

Il professore di economia dell'Università di New York, offre indicazioni su come smascherare favole e numeri a favore di moduli e dati, spiega perché è preferibile seguire le ricette di chi si attiene alla disciplina economica piuttosto che accontentarsi delle cure all'olio di serpente degli economisti stregoni. Individua i principali problemi economici del paese e avverte che... "La moneta filosofale non ci aiuterà, e nemmeno ci aiuteranno le politiche anti-cicliche, la lotta di classe, e gli appelli a politiche fiscali e salariali espansive in Germania".

Favole & Numeri. L'economia nel paese di santi, poeti e navigatori, é una porta d'ingresso nel mondo della logica economica e, per chi finora si è perso tra gli ingressi secondari, è un'opportunità di disintossicazione dalla cattiva economia perché... "La cattiva economia è come la cattiva medicina, può fare molto male, anzi peggio".



10 commenti:

  1. Complimenti per lucidità e onestà intellettuale. Un ottimo video che svetta in mezzo ai chiacchiericci e ai piagnistei che popolano internet e non solo.

    RispondiElimina
  2. Altro ottimo video e altro ottimo intervento del professor Bisin...
    Avanti così Vloganza!!!!!

    Continua a diffondere vera Cultura finanziaria...

    bruno

    RispondiElimina
  3. Salve Luciano, avrei una domanda: cosa pensi delle risposte di Alberto Bisin?
    Tu hai letto una serie di affermazioni, alcune delle quali composte a loro volta da gruppi di affermazioni contrastanti fra loro. Dal modo con cui le leggevi e dal titolo del post (Favole & Numeri, punti di svista sull'economia italiana) sembravi voler anticipare quelle che per te erano risposte ovvie e scontate. Alberto Bisin commentandole ha sollevato dubbi e sottolineato rischi, ma guarda che non ha praticamente mai detto che quelle affermazioni da te lette erano pure castronerie, nonostante fossero state lette con toni che ne ingigantivano gli aspetti complottistici. Ecco, tutto qua, cosa pensi delle risposte di Bisin?
    Ti ringrazio.
    Salvo da San Francisco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Salvo,

      sollevi dei punti interessanti legati alla costruzione e ricezione del video, questo per me è molto intrigante e ti ringrazio. Cerco di farla semplice anche se non breve.

      È un'intervista all'autore di un libro, Alberto Bisin, che si intitola "Favole e Numeri. L'economia nel paese di santi, poeti e navigatori". Un titolo che non ha bisogno di molte spiegazioni, dice chiaramente: attenzione in Italia si stanno raccontando un sacco di balle sull'economia e questo libro vi dice quali sono.

      Il video è composto da tre parti principali che ti elenco in modo classico con:

      1) Introduzione, breve. Viene detto perché il libro è stato scritto. Viene ricordato che le favole sono piacevoli ma non vere. E vengono date indicazioni su come si riconoscono le favole in economia.

      2) Svolgimento, lungo. Inizia con vediamo alcune di queste favole e prosegue con un elenco di 12 punti, una lista delle favole che sembrano piacere di più agli italiani in questo periodo. Alcuni di questi punti hanno un seguito, come ad esempio: "L'uscita dall'euro" è legato a "I guadagni dell'euro" e "Sei un liberista!" è legato a "Gli anni di liberismo in Italia".

      3) Epilogo, breve. Viene rinforzato il concetto del perché sono favole: per quale ragione bisogna credere a chi come Bisin dice che sono favole e non agli altri che le raccontano. Viene considerata la difficoltà del fare capire alla gente che sono favole, con un rapidissimo accenno a uno dei meccanismi base del complottismo. E infine qualche indicazione su come acquistare il libro.

      Quando tu dici "informazioni contrastanti" immagino ti riferisca alle foto ricorrenti della copertina del libro che riporta una serie di frasi dal libro stesso. È una sorta di esperimento che ho voluto provare ma mi rimangono dei dubbi perché può finire per aumentare la confusione piuttosto che assecondare la chiarezza. La ragione è che le frasi del libro riflettono sì il concetto che viene dibattuto in quel punto del video ma con parole diverse da quelle che vengono dette. Chi guarda e ascolta si trova ad affrontare una dissociazione tra le parole che sente e quelle che vede. Questo può fare apparire quelle informazioni "contrastanti" ma non lo sono. Ripeto, il concetto espresso è lo stesso, ho solo, forse, spinto troppo sull'acceleratore. Se tu metti in pausa il video, leggi la frase e poi riprendi il video capirai che è così. Dall'altra parte le foto rappresentano punti di riferimento visivi dell'inizio di ogni capitolo del video.

      Il titolo del video si riferisce alle "sviste" di chi racconta e crede alle favole. Bisin generalmente inizia la risposta con un "no" alla favola proposta. Le risposte di Bisin mi sembrano molto logiche, efficaci e comprensibili. Ti dirò di più, mi sembrano anche molto umili. Non c'è pavoneggiamento nelle sue risposte ma uno sforzo di semplicità e di chiarezza. Bisin vuole comunicare, arrivare al punto e convincere, insegnare, e sa che per farlo deve essere il più limpido possibile.

      Spero di avere chiarito. Ora tu magari puoi dirmi perché mi hai fatto quella domanda, quale è stata la tua impressione?

      Un'ultima nota. Credo che un libro, e un video, su questi argomenti sia stato scritto, e fatto, solo perché siamo italiani: santi, poeti, navigatori, allenatori di calcio e da qualche anno anche tutti economisti.

      Saluti,

      Luciano

      Elimina
    2. luciano ho apprezzato molto questo tuo commento... devo dire che a me il video è sembrato abbastanza chiaro guardandolo ma leggere quello che hai scritto accende un'altra luce che da una parte rende il tutto ancora più semplice e dall'altra fa intravedere la complessità della fase di pre-registrazione di cui noi siamo totalmente inconsapevoli... la preparazione e la costruzione del video, immagino ci saranno 1000 decisioni da prendere ogni volta... oltre a questo ci sarà certo anche un discreto lavoro tecnico da fare prima , durante e dopo la registrazione

      vloganza è decisamente unico, speciale e prezioso grazie alla tua esperienza, professionalità e senso di direzione

      ho trovato questo video ottimo sia per contenuti che per esposizione e chiarezza... e bisin è un mito

      continua così

      Elimina
    3. Ciao Luciano,

      La tua risposta mi ha fatto capire meglio come hai costruito il video e ti ringrazio.
      Sono d'accordo: Bisin usa toni umili e pacati e questo e' apprezzabile. Molti economisti e decision maker "rigorosi e scientifici" quando descrivono o implementano le loro manovre pragmatiche usano invece toni assoluti e spesso presuntuosi. L'economia non é la Fisica, per fare un esempio: non ci sono le equazioni di Maxwell che ti dicono cosa succederà con esattezza al campo elettromagnetico nel tempo e nello spazio.

      Venendo al motivo della mia domanda.....
      si é vero, in Italia si raccontano un sacco di balle sull'economia ed è encomiabile che Vloganza e Bisin lo sottolineino, quello che però penso in generale ( e secondo me il video lo fa trasparire un pochino) é che le favole non sono favole al 100% e che i metodi rigorosi e scientifici non sono metodi rigorosi e scientifici al 100%. Volevo sapere se anche te la pensi così.

      Grazie.

      Salvo

      P.S
      Ogni tanto mi viene da pensare che in un futuro non così lontano i nostri pronipoti si ricorderanno dell'economia di questi decenni come all'alchimia. La Chimica ha da venire.

      Elimina
    4. Salvo,

      e se non è il 100% che percentuale è? E chi la determina? Secondo quali criteri? Forse quello a cui ti riferisci si chiama semplicemente "libero arbitrio", ogni persona è libera di fare le sue scelte nel bene o nel male, preferibilmente senza impattare la mia possibilità di scelta.

      Credo che questo video sia un buon pezzo di informazione, che è la ragione per cui ho fatto Vloganza.

      Ciao

      Elimina
    5. Ciao eman,

      si la situazione è un tantinello più complessa di quella che può essere la percezione generale. Hai fatto degli ottimi punti e ti ringrazio.

      Elimina
    6. Si, anch'io penso che questo video sia un buon pezzo di informazione. Ciao e buon lavoro.
      Salvo

      Elimina
  4. Pur non essendo un economista, sono per molti aspetti d'accordo con Bisin.
    Si può svalutare, si possono azzerare i tassi per fornire liquidità, si può espandere il bilancio pubblico; ma ogni azione di politica economica comporta "effetti collaterali", alla lunga sgradevoli e potenzialmente nocivi.
    L'aspetto fondamentale che crea crescita economica, L'UNICO da tenere presente, è la combinazione di due fattori: la crescita della produttività e la crescita della forza lavoro. Sono le due determinanti della crescita economica nel lungo periodo. E vale per tutti gli stati e per tutte le economie.
    Molto modestamente, in passato qui su Vloganza ("I cardini della crescita economica e l'azionario che rallenta") ho mostrato una prova empirica di questo aspetto (http://www.vloganza.tv/2013/02/analisi-tecnica-i-cardini-della.html#.UcdJF9ineuM, all'incirca dopo il 2° minuto).

    Quanto all'importanza di un moderno ed efficiente mercato finanziario, si pensi a cosa sarebbe stata l'Italia se non avesse potuto disporre di un mercato con il quale collocare il suo debito; oppure, per restare a tempi recenti, si pensi all'accartocciamento della crescita economica cinese, dovuta secondo molti all'inefficienza allocazione del capitale. Il credito rappresenta il 40% del PIL in USA; addirittura il 120% in Cina, senza considerare lo shadow banking system. Se ci fosse stato un mercato azionario degno di questo nome, le aziende avrebbero impiegato più efficientemente il risparmio nazionale, evitando le distorsioni, le inefficienze e il calo della produttività che, assieme al fattore demografico, costringono Pechino ad una traiettoria calante di PIL.

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".