Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

lunedì 25 febbraio 2013

Pre-elezioni: preferenze degli investitori e prospettiva di ingovernabilità

Gli indici azionari di Borsa italiana salgono mentre i rendimenti delle obbligazioni statali tendono a diminuire prima del risultato delle elezioni politiche. Gli investitori preferiscono lo status quo, ritengono che il vincitore manterrà le misure di austerità imposte per calmare la tempesta finanziaria che si era abbattuta sulla terza...
economia della zona euro, anche se difficilmente le elezioni potranno produrre sia stabilità che riforme.

Gianluca Braguzzi - Responsabile finanziario di PairsTech Capital Mgmt da Mantova: "Temo che l'esito elettorale sarà un qualcosa di estremamente confuso sopratutto al senato, dove il voto  potrebbe produrre ancora più frammentazione a causa di  questa legge che assolutamente andrebbe cambiata, e temo la prospettiva di ingovernabilità e quindi un ritorno alle urne abbastanza ravvicinato".



15 commenti:

  1. fino a quando si faranno distinzioni tra quello che é bene per gli investitori e quello che é bene per il paese non si andrà da nessuna parte... mi stupisce che simili commenti arrivino proprio da un investitore

    sono d'accordo invece su una probabile ingovernabilità... gli italiani che credono nelle favole continuano a votare berlusconi... quelli che credono nei ciarlatani spingono grillo e gli illusi danno fiducia a bersani

    non rimane molto altro... né santi né poeti né navigatori

    RispondiElimina
  2. Eman, dici che chi ascolta Grillo - che invece è M5S - ascolta un ciarlatano...

    Io non ne posso più di sentire Grillo al posto che M5S. O meglio, capisco che una persona che non segua da vicino confonda Grillo col movimento. Grillo è da ringraziare e tra 20 anni verrà ricordato nei libri di storia come colui che sarà riuscito a ridare una speranza agli italiani, anche se paradossalmente grosso del merito è da attribuire alla crisi. Ma proprio perché stiamo attraversando un momento storico difficile bisogna approfittarne. E' questo il momento in cui possiamo gettare le basi per nuovi Mattei, Olivetti, Togliatti, Montanelli. E' cambiato il modo di concepire la politica, di partecipare, di informarsi. Vloganza ne è un positivo esempio. Pensi di avere buone idee e poterti confrontare? Pensi davvero di essere migliore di un ciarlatano come me che segue il Movimento? Bene, vai al MeetUp della tua città, entra e spiega le tue ragioni. Se sono valide verrai ascoltato, ti inserirai e diventerai un punto di riferimento perché verrai riconosciuto come persona che esprime idee e concetti coretti per il bene dei cittadini. Altrimenti continua a lamentarti.

    Ciao
    Marco R.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. marco se vivessimo nel mondo delle fate... allora forse anche l'utopia, il populismo, le illusioni e la demagogia di grillo o del movimento, se preferisci, potrebbero trovare il loro bel laghetto con la spiaggia di verde fiorito

      purtroppo la realtà é diversa ed é una sola... l'italia ha 2000 miliardi di euro di debito e un rapporto debito pil al 126%... o convince al più presto i creditori che sarà in grado di ripagare oppure si apre il baratro del default e l'austerità che abbiamo conosciuto in questi mesi sarà ricordata come il nostro periodo di maggiore splendore

      l'affermazione elettorale di grillo o del movimento, se ancora preferisci, rappresenta una corsa verso il baratro... tutto il resto é aria in bocca

      ciao

      Elimina
  3. Sarebbe opportuno andare a fare un giro su Youtube e sentire la voce di alcune persone che verranno elette in Parlamento nel movimento 5 Stelle.
    Il livello di preparazione è statosferico e quello comico è garantito. Meglio mille volte la provocazione di Pannella quando mise la Cicciolina in Parlamento , almeno in questo caso tutti sapevano che mestiere praticava la fanciulla , lei stessa fu così onesta da non farne mistero.
    Qui invece la cosa comincia ad essere pesante e staremo a vedere come il comico riuscirà gestire il numero. Non basta fare leva sullo scontento, tutti siamo scontenti, ma bisogna anche ragionare con la testa e qui, invece , hanno solo ragionato con la pancia. Marco R. dice che se vai in un MeetUp a spiegare le tue ragioni e se queste sono valide verrai ascoltato.
    Le idee si ascoltano sempre a prescindere . Qui invece si sostiene che ti ascoltano solo se hai delle idee valide per...loro. In questi MeetUp evidentemente deve esserci un comitato di censori giudicanti che decidono il bene e il male. Prova a chiedere loro da che parte sta il manico della tazzina da café, ma pretendi una risposta rapida, così potrai fare un rapido test d'intelligenza sui soggetti a cui metti in mano il tuo destino.
    Nessun inciucio ! Questo ha detto il divino Grillen. Già un certo sentimento di timore si nota sul viso del comico dopo l'altissima percentuale inaspettata.Non vuole festeggiare la vittoria! Accidenti, qui ci troviamo di fronte ad un nuovo Agrippa. Agrippa , costruttore di strade acquedotti, architetto, generale romano , conquistatore di popoli per Roma sotto Augusto rifiutò l'alloro del trionfo. Fra parentesi il Phanteon a Roma è opera sua. Che voglia imitare Agrippa? Oppure l'atteggiamento del rifiuto denota solo paura e incapacità perchè, un conto è spararle aggregando il mal contento , ma poi ci si trova nella pratica burocratica delle leggi, dei commi, delle burocrazie nazionali ed internazionali, di...Roma. E Roma, la Gran Meretrice, ingloba, romanizza, succhia e modifica tutti i DNA.
    Guarda cosa è capitato alla Lega con lo slogan "Roma Ladrona"!

    Auguri e...figli maschi !

    RispondiElimina
  4. Caro Giorgio,

    ho sempre letto i suoi commenti e continuerò a farlo con grande interesse perché esprimono intelligenza e grande preparazione. Purtroppo Grillo è visto dall'esterno come un dittatore, e mi trovo a ripeterlo, ahimè è questo il messaggio che passa.

    Percepisco il livello di preparazione di alcuni o parte degli elementi M5S, ma essendo un movimento giovane, nato dalle strade e dalle associazioni non collima spesso con lauree e master, anche se qui può toccare invece un felicissimo esempio contrario http://www.youtube.com/watch?v=5TMzPbI5NVc

    Certamente quello che invece muove e ha mosso le persone è la coscienza, la voglia di cambiare, la solidarietà, sono persone vigili e attive sul territorio stufe marce di essere prevaricate e sistematicamente svuotate nella dignità.

    Poi certamente la grande onda di seguito arriva anche dalla protesta, ma d'altronde gli Italiani che hanno dato voto al Movimento non sono le stesse che votavano prima Bersani Berlusconi Casini e Bossi? Cosa significa che prima erano nobilitate dal fatto di aver votato per figure "preparate"? Purtroppo siamo sempre lì, gli Italiani votano la faccia e non il contenuto.

    Beppe Grillo è il primo a dire che se dai il voto a M5S devi metterti in gioco, partecipare, dubitare e ricercare, perché se intendi dare una delega allora vota tranquillamente un altra forza politica. In una sola frase viene espressa una onestà intellettuale enorme. Certamente poi ci sono concetti criticabili, discutibili, inesatti, ma alla base di tutto ci sono partecipazione, voglia, buona volontà. Non dico onestà perché qualcuno cadrà nella trappola di Roma, non sarà mica un caso che il Vaticana comanda da 2000 anni...

    Lo sforzo che le chiedo, se mai ne avrà tempo, è quello di guardare da più vicino questo fenomeno, di respirarne l'aria, di portare la sua esperienza e il suo sapere. Ce ne è un gran bisogno, c'è bisogno di tutti.
    Poi se non è d'accordo ne dissentirà pubblicamente spiegando le tue ragioni. Sono passati 3 anni da quando il Movimento è nato, è necessario del tempo per trovare la quadra.

    Grillo non è nascosto, non è vero che commenta. Non lo fa in televisione o sui giornali finanziati da denaro pubblico -chiediamo a Luciano cosa ne pensa in merito-, ma lo ha già fatto attraverso il canale streaming del suo Blog http://www.beppegrillo.it/lacosa/ dove si discute di tematiche importanti, e sarà lo strumento di divulgazione del Movimento.

    Manca ancora qualcosa, qualcosa come questo strumento che mi auguro prima o poi venga implementato http://www.avoinministerio.fi/

    Al di là delle simpatie politiche o meno, credo che anche il modo di fare politica stia cambiando spostandosi da canali di comunicazione tradizionali alla rete. Questo sarà un cambiamento epocale, che dovrebbe garantire perlomeno più trasparenza e democrazia. Ripeto ancora, Vloganza ne è uno splendido esempio, senza di essa - e modestamente alla mia voglia di capire- oggi darei ancora credito a chi parla di Signoraggio...

    Buona Giornata
    Marco R.




    RispondiElimina
  5. Caro Marco,

    ti ringrazio per la risposta articolata. Capisco perfettamente che i sistemi di far politica siano in fare di cambiamento e che una democrazia partecipativa che sale dal basso possa avvicinarsi ad una idea di moralità a cui noi tutti tendiamo. Capisco pure la rabbia dettata dalle continue vessazioni verso il nostro desiderio di libertà. Vessazioni che alla fine si identificano in profonde sottrazioni di denaro dal nostro portafoglio , in mancanza di servizi oppure in servizi resi , ma a costi fantasia. Bene! Tutto questo desiderio alla fine si scontra con la sua possibilità reale di realizzazione. Per ottenere questi risultati il sistema democratico così come lo intendiamo noi come partecipazione dal basso ( Grillo ), d'interessi particolari lobbistici o di vecchi idealismi, secondo me non fa elevare di un millimetro la voglia di crescita dell'individuo. Per uscire fuori da questo sistema che concede e toglie aumentando a dismisura il livello burocratico del sistema , il suo costo e la passione degli addetti - non tutti per la verità - al far poco o niente , si fa tabula rasa decollando l'Idra oppure si deve creare una classe dirigente politica di livello. Chi vuole entrare in politica deve passare uno specifico esame a livello universitario. Un Sindaco deve saperne come si costruisce una strada, saperne di finanza e destreggiarsi con le leggi. Ovviamente deve essere persona onesta. Si devono per forza mettere dei paletti. Diversamente avremo eletti in Parlamento maestre elementari nel PD che danno 10 in tutte le materie ai due gemelli Saporito mentre si meritano un 6 scarso e 7 di ginnastica ai medesimi che giocano al pallone come attaccanti e si allenano tre volte alla settimana. Cosa potrà capire la madama sindacalizzata del PD che domani dovremo pure chiamare Onorevole ? Cosa faranno i pulcini di Grillo che scenderanno in massa in Parlamento con il loro bel fiocchettino e la cartella nuova per il loro primo giorno di scuola ? Chi insegnerà loro procedure e comportamenti ?
    Grillo avrà grossi problemi di gestione e se Napolitano per riceverlo gli dirà di tagliarsi i capelli e di mettersi una camicia bianca su completo scuro, vedrai che dramma mediatico subirà la sua immagine.

    RispondiElimina
  6. Caro Giorgio,

    grazie per avere risposto. Il punto a mio avviso focale, è che qui non si è fermi alla sola protesta, ma si è progrediti alla proposta, e ce ne sono parecchie. E' sufficiente fare una ricerca sul programma del movimento. Tra alcune propositive e non distruttive (tagli ai costi della politica,abolizione dei finanziamenti pubblici ai giornali), ci sono la costruzione del sistema Rifiuti Zero, l'introduzione nella costituzione di referendum propositivi, il sostegno alla scuola e sanità pubblica,... ce ne sono centinaia di cose buone che si possono fare da subito! E non ci vuole una laurea per farle, nonostante un buon numero di eletti M5S l'abbia. Aggiungo che personalemente non condivido tutti i punti, ma pienamente lo spirito.

    Sarebbe invece certamente utile una laurea inerente tematiche più articolate, ma anche qui, credo e spero di non sbagliarmi, che l'onestà intellettuale del Movimento riconosca che se ha bisogno di sostegno su una tematica, la chieda. Qui mi vengono in mente Piglia, Gawronsky, Corsano, Scacciavillani, chi lo dice che queste persone non possono avvicinarsi al Movimento, proporsi e portare la loro competenza? Lo stesso Braguzzi ha segnalato (in video precedenti) la leggerezza con cui le banche procastinano determinati comportamenti, che poi andranno a svantaggio direttamente o indirettamente della comunità.
    Qui c'è da rifare un paese, sono convinto che sarebbero ben felici di poter contribuire! Poi se si accorgono di relazionarsi con una gabbia di matti, lo diranno, e la gente ne prenderà le distanze. E comunque segnalo che una sera ho assistito in streaming ad un dibattito tra due economisti sul canale streaming de "la cosa", che dialogavano e rispondevano in diretta alle domande dei cittadini.

    Io sono convinto che i matti siano quelli che hanno dato ancora fiducia a Berlusconi, o a politici come Bersani perché una cosa è chiara: che se un ciarlatano ha governato per anni è anche per "merito" di chi si doveva opporre. E se chi si doveva opporre gli ha concesso reti televisive all'1% del fatturato, ha votato assieme lo scudo fiscale al 5% mentre i cittadini annegano nelle tasse, merita di essere sfiduciato tanto quanto il ciarlatano.

    E il riassunto di questa situazione lo ha ben dato Monti quando chiese ad uno sceicco perché non investisse in Italia, disse che la risposta fu di una sola parola: corruzione. Che non è di destra ne di sinistra, è trasversale.

    Ancora a riguardo della competenza leggevo tempo fa un passaggio sulla vita di Henry Ford. Un intellettuale lo discriminava perché non era colto e aveva alcune lacune, accusandolo moralmente di non meritare i soldi che guadagnava. Lui rispose che non era necessario avere estrema competenza in tutto, quanto avere capacità di gestire e raggruppare intelligenze da fare lavorare assieme per raggiungere il migliore risultato. Sarà che sono di parte perché non ho una laurea, ma mi sento molto vicino a queste parole

    Il Pd ora è alle prese con un grande banco di prova. Dovrà decidere se seguire le nostre idee a favore dei cittadini, o decidere se continuare a perseguire interessi personali. Il problema per loro è che questa volta non potranno più sbagliare.

    Abbiamo tracciato una strada nuova - che Grillo piaccia o meno -, ma dobbiamo costruirla tutti insieme, altrimenti questa grande occasione andrà perduta. Sarò giovane, sarò ingenuo e ignorante, ma non voglio smettere di crederci. Se pensate che abbia detto fesserie aiutatemi a capire dove sbaglio nei miei ragionamenti.

    Buona serata a tutti
    Marco R.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco,

      il Movimento 5 stelle ha preso in contopiede tutti e sono convinto che anche all'interno del movimento non si aspettassero un numero simile. Questa cosa ha sparigliato le carte dimostrando che il mondo politico e con esso una marea di opinionisti faziosi si sono comportati da scemi. Ora si eviti un comportamento da pazzi. La campagna elettorale è terminata e cerchiamo di non sprecare - vista la gravità del momento - l'occasione del voto.
      L'urna ha decretato tre blocchi circa dello stesso peso. Due composti da una insalata mista diversamente variegata, ma pur sempre miscela di fogliame. il terzo blocco da altra insalata più o meno in purezza, ma pur sempre insalata è. Vediamo come queste verranno condite.
      Personalmente non mi piace nessun gusto delle tre tipologie, ma siccome il gusto piace ad altri ne prendo atto.
      L'Italia ha bisogno per ripartire di profonde riforme tendenti alla semplificazione burocratica ,di riforma elettorale, di legalità , di certezza della pena, di meno tasse, di lavoro e di governi stabili. Il sistema è vecchio e va riformato in una visione di apertura al mondo sempre più globalizzato grazie alla comunicazione ed a nuove linee di trasporto. Piccola parentesi.
      Essere contro la TAV, ma usufrire della rete è una contraddizione perchè tutti e due sono mezzi di trasporto. Il primo trasporta merci e persone mentre il secondo idee.
      Ma ritorniamo ai piatti d'insalata.
      Il primo mette in luce che ci sarebbe bisogno di una sinistra che non pice alla sinistra. Hanno allontanato Renzi ( il nuovo ) per riproporre il vecchio e stantio.
      Il secondo conferma che attorno a Berlusconi c'è un zoccolo di gente che non si fa intimidire da nessun untore che continua a puntare il dito sul Cavaliere. Berlusconi il diavolo e colpevole anche delle corna che la madama del terzo piano fa al marito.
      Il terzo " Grillo " sottolinea una rabbiosa vendetta di chi pose le sue speranze nei due poli bastonati dalle urne.
      Cosa capiterà ? Ci sarà governabilità o continueranno tutti a misurarsi il pipino ?
      Vista la situazione tutti dovrebbero fare almeno tre passi indietro, sedersi attorno ad un tavolo e parlare di " grossa coalizione ". Farebbe bene ai mercati e alle nostre tasche.
      Che ne pensi ?

      Ciao
      Giorgio

      PS. Hai citato Ford, ma Ford ha generato il " fordismo "ed ha segnato un'epoca. I secoli di questi personaggi ne stampa pochi. Diciamo che sono una rarità.
      Sulla preparazione per accedere in politica avrò modo di spiegare meglio il mio pensiero.

      Elimina
  7. Caro Giorgio,

    è sempre un piacere leggere le tue risposte. L'ingovernabilità sembra essere una prospettiva più che chiara. La domanda è quanto resisteranno ancora gli Italiani in questa situazione? Non ne ho idea, ma non credo molto, anche perché i media pigiano ogni giorno su questo tasto come iene in attesa che il leone lasci la carcassa. Ciò mette in cattivissima luce M5S, che passa come il bastone tra le ruote, come colui che impedisce la governabilità. In tutto questo vedo un aspetto positivo, che in tv iniziano a passare i concetti che vengono proposti dal movimento (sempre col sorrisetto sotto i baffi, e con quell'aria molto fastidiosa di chi crede di saperla più lunga).

    Questo potrebbe contribuire a fare aprire gli occhi agli italiani -a mio modestissimo parere- che ancora nulla sanno dell' M5S, e fare capire dove esattamente risiedono le responsabilità della situazione tragica a cui l'Italia è costretta. Il mio forte, fortissimo desiderio sarebbe quello di vedere una maggioranza M5S che possa governare autonomamente, rendendomi perfettamente conto che ciò non può prescindere da una immediata prova di maturità, su determinate convergenze comuni da affrontare con Pd. Mi chiedo solo se Pd&C. in un momento di emergenza come questo saranno disposti a rinunciare a rimborsi elettorali, a dimezzare il numero di politici e ridursi lo stipendio del 75%. Poi per abolizione dei vitalizi, doppi incarichi e max 2 mandati ci arriviamo in un secondo momento.

    Una nota tecnica. Da dati non ufficiali (che mi sono apparsi sulla bacheca di Facebook) M5S è la forza politica con età media inferiore, con il maggior numero di laureati, e con il maggior numero di donne. Nella Regione Sicilia in 3 mesi, da quando è all'opposizione con i suoi 15 eletti, ha quasi raddoppiato il proprio elettorato portandolo al 30%.
    Hanno rinunciato ai rimborsi elettorali. Si sono ridotti lo stipendio del 75% da destinare a funzione di microcredito alle piccole e piccolissime imprese Siciliane. Hanno proposto 2 ore settimanali obbligatorie sull'antimafia da inserire come materia scolastica, e propongono tante altre cose. Se non è questa politica, cosa lo è?

    Io spero col cuore che queste persone riescano ad andare al governo di questo paese, ne abbiamo estremo bisogno. Poi, anche i mercati, ci premieranno come il nostro grande paese merita. Davvero non ci meritiamo chi ci ha rappresentato fino all'altro ieri, lo dico col cuore in mano. Io non ce la faccio più a credere che bisogna ascoltare ancora Bersani o Gasparri o Letta e la Carfagna...

    Poi sui temi e programma possiamo parlarne punto per punto e per ore, sono sicuro che avrei tanto da imparare.

    Con affetto
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Marco,

      tu capisci che per un vecchio liberale il quale nel suo studiolo ha l'immagine di Cavour, l'accettare Grillo mi disturba dal punto di vista storico, ma questa roba è cosa che appartiene al mio realismo storico. Il quotidiano va accettato come momentaneità e criticato in relazione ai radicalismi che esprime. Come vedi questi "ismi" finiscono sempre d'impadronirsi degli individui e generano sempre correnti velleitarie. Comunismi, fascismi,leberismi estremi, Berlusconismi ed ora Grillismi. Senti il monotono ritmo musicale delle sirene che cantano in "ismo" ?
      S'impara dalle scuole di pensiero che sono localizzate per il tempo: arcaico,antico,presente, vecchio e... leggendo dei libri, non certamente da programmi di partiti o di movimenti nati dai soliti pifferai in odore sessantottino.
      Di tentativi rivoluzionari rusciti questi ultimi due secoli ha visto solo quello della Rivoluzione Francese che fu preparato dai Lumi. Il resto è solo bassa presunzione di quelle correnti sopra menzionate. Il fatto è che tutti noi dobbiamo sforzaci a migliorare noi stessi e tendere al " Bene dell'Umanità". Questo avviene in pochi casi, ma se la strada di M5S ( sigla oltretutto che richiama a servizi segreti ) riesce nel suo intento di moralizzazione senza lasciarsi attrarre da stupide esagerazioni faziose - pensa ad esempio al folle idealismo di Zingales che anche per un giusto principio ha bruciato idee e voti -, ma tende a praticare il concetto di "Uguaglianza", essere di destra piuttosto che di sinistra risulterebbe un non senso e ci metterebbe tutti in una condizione di equilibrio.

      Immagine pittorica di Uguaglianza.

      Galleggiano su un mare piatto una infinità di bottiglie
      di tutti i colori e forme. Gialle, rosse, verdi e variegate . Lunghe e strette , grosse e panciute.

      Il mare è una livella - pensa alla poesia di Totò - mentre le bottiglie sono gli esseri viventi: "tutti".
      Tutti siamo diversi eppure tutti siamo uguali ad esempio in rapporto all'alimentazione. Una formica per vivere necessita di due grammi d'erba al giorno mentre l'elefante ne ha bisogno di un quintale. Io invece per vivere, tutti i giorni necessito di tre pacchetti di sigarette, quattro bistecche da 1 kg e 2 litri di vino ed ho una pressione sanguigna di 80/120, mentre tu tre grammi di patate, due fili di pasta in bianco e mezza pera pur avendo la mia stessa pressione sanguigna di 80/120.


      Come vedi ogni uomo ha necessità diverse.

      Riguardo al fatto che tu non ce la fai più ad ascoltare i tizi che hai nominato pensa che tutti questi provengono dal partito della spesa pubblica, che hanno nel tempo partorito con leggi e leggine un sistema burocratico che oggi vanta più o meno 3.500.000 persone. Per ridurre il debito monstre che abbiamo bisognerebbe lasciarne a casa metà ( non spendere soldi , politica della lesina chiamala tu come ti pare ), ma non si può fare in nessun modo perchè ti troveresti i forconi in casa. Nello stesso tempo e sempre per la loro estrema fantasia burocratica, si sono dimenticati della produzione lasciando gli individui senza una direzione di marcia ( idee, innovazione, nuovi mercati, regolarizzazione interna dei processi di sviluppo, ect ). Tu pensi che Grillo sia in grado di stravolgere una roba che ormai è come una matassa aggrovigliata e trovarne il bandolo ? Permettimi di dubitare !

      ti ricambio il mio affetto

      Giorgio



      Elimina
  8. Caro Giorgio,

    gli "ismi" non penso facciano parte del Movimento 5 stelle. C'è molta più sostanza di quanto viene percepito, c'è una struttura nella quale vengono convogliate idee e proposte che possono trasformarsi in referendum propositivi. Nascerà la piattaforma web partecipativa che mi auspico venga messa in piedi quanto prima. Grillo stesso fonda le sue convinzioni non su ideologie strampalate, ma che nascono da anni di ricerche, colloqui, incontri con esponenti più autorevoli della società civile. Il problema è che non è riuscito a comunicarlo bene, ripetendo ipnoticamente uno-vale-uno, che accende animi ed entusiasmi e fa prendere voti, ma alla prova dei fatti potrebbe non essere sufficiente per partorire proposte valide eticamente ma che stiano in piedi economicamente e strutturalmente. Ci vuole un direttivo in grado di elaborarle, e in questo caso non c'è nulla di strano, funziona in questo modo da sempre in tutti i partiti e movimenti.

    Non a caso diceva sul palco che stava collaborando con un grande fiscalista, tale Marongiu, che non conosco assolutamente. Ma se lo dice Beppe tendo a credergli. Perché ragiona come un semplice cittadino, come un padre di famiglia. Perché sono andato a verificare altre cose di persona, e aveva ragione. Ad esempio la lotta contro inceneritori e gassificatori, nata dalle ricerche del Professor Montanari che ha scoperto le nanoparticelle (di ferro, vetro, ecc), trovandole addirittura nei Pan di Stelle della Mulino Bianco. Queste nel corpo provocano malattie gravi, tumori. Che colpa ne ha la Mulino Bianco? probabilmente nessuna, le particelle girano nell'aria, perché sono state "incenerite" ad altissima temperatura da un inceneritore. A queste cose si riferisce quando dice che bisogna riprogettare. Ed ecco la proposta "rifiuti zero".

    Queste invece sono le prime proposte immediatamente attuabili, ma verrano appoggiate dagli altri partiti? Travaglio li riassume in questo articolo tanto semplice quanto realistico http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/03/01/grillo-e-papello/517018/

    Mi chiedi se il Movimento 5 stelle ce la farà. Non lo so, ma questi politicanti indegni, questa crisi logorante porta le persone a badare al sodo e non sopportare più certe condizioni. Sono inoltre convinto che se non ci fosse una informazione palesemente manipolata (ci davano al 16-18%), queste elezioni le avremmo già portate a casa.

    In Irlanda se non ricordo male hanno portato un taglio sulla spesa pubblica impressionante pur di far quadrare i conti e rimanere nell'euro. Avevano un debito pubblico quasi a zero prima del '08, ora è al 120% del Pil (si dice cosi?). Eppure le persone sembrano averlo accettato.

    un caro saluto,

    Marco


    RispondiElimina
  9. Prendo atto che il grillismo è favorevole al " modello siciliano ".

    Sempre che tu abbia voglia, vai in rete e clicca Davide Giacalone e leggiti la sua articolata analisi su il "Modello siciliano". Poi , se vuoi , potremo commentare la cosa.


    gf

    RispondiElimina
  10. Ciao Giorgio,

    l'ho letto e provo a risponderti in due minuti, purtroppo non il tempo che meriterebbe. M5S ha un suo programma che se fosse al governo porterebbe avanti. Se dal Pd vengono proposte idee che coincidono verranno appoggiate, perché sono nell'interesse dei cittadini, altrimenti no. Se il modello Siciliano sta bene a PD ben venga, significa che tutti noi ne trarremmo giovamento, anche perché spero di non sbagliarmi, molti punti del programma M5S convergono con quel che diceva Renzi in campagna elettorale.

    E' comprensibile percepire che il modello Siciliano non da una immagine di grande forza e consistenza, ma è colpa nostra se loro seguono le nostre idee perché sono valide? E' colpa nostra se si trovano "costretti" a farlo perché devono dimostrare ai cittadini che finalmente devono lavorare per loro e non a loro discapito?

    Gli è stata tolta parte della maschera, della menzogna, delle giustificazioni, il 25% per l'esattezza. Vediamo ora cosa risponderanno ai cittadini.

    a presto

    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marco !

      Hai letto cosa ? E se hai letto cosa hai capito ?

      gf

      Elimina
  11. Buonasera Giorgio,

    Ho letto questo articolo http://www.lealiallasicilia.it/2013/03/modello-siciliano/

    Ho capito in buona sostanza quanto ho letto velocemente stamani. L'autore è perplesso sulla sostenibilità del governo Siciliano, e secondo me ha ragione. Crocetta ha una maggioranza debole che deve confrontarsi con il Movimento. Certamente non è una condizione per poter governare in modo sereno e autonomo, proprio per questo il movimento si pone l'obbiettivo di avere i numeri per avere una maggioranza forte in un futuro prossimo.

    L'autore prosegue con l'elogiare le iniziative di M5S riguardo i tagli agli stipendi e finanziamenti pubblici, e rimane perplesso su ciò che l'accoppiata Pd/M5S potranno fare, pronosticando il baratro.

    Per capire cosa vuole fare M5S è sufficiente dare uno sguardo al programma. E' tutto sostenibile? non lo so, ma "a naso" non mi sembrano proposte buttate all'aria, ma sopratutto ho fiducia che nel caso riuscissero ad avere i numeri per governare, tenterebbero di realizzare col massimo impegno. Questo il programma M5S per regione Sicilia, scritto non da Beppe Grillo e Casaleggio, ma da persone che vivono sul e il territorio.
    http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/sicilia/programma.html

    Un caro Saluto
    Marco

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".