Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

giovedì 28 febbraio 2013

Il mercato americano sale anche se i politicanti italiani cincischiano

L'economia degli Stati Uniti riesce a crescere appena dello 0,1 percento nel quarto trimestre ma cancella la stima di contrazione rilevata a gennaio. L'indice Dow Jones Industrial Average é al massimo di cinque anni e lo Standard & Poor's 500 mantiene un guadagno del 6,3% da inizio anno. Il mercato azionario americano recupera in due giorni la...
flessione dell'1,8 percento del 25 febbraio seguita al risultato delle elezioni italiane.

Marco Bonelli - Responsabile relazioni estere di CL King & Associates da Santo Domingo: "Le elezioni hanno fatto scordare a tempo record i veri problemi e non mi aspetto nessun miglioramento della situazione economica del nostro paese, il mercato azionario americano ha fatto un sussulto ma continuerà a salire, del resto non ho mai sentito che i guai di una serie C italiana influenzino l'andamento della Champion League".



2 commenti:

  1. Usa e Germania praticamente sui massimi storici a livello di borse nonostante tutti i problemi sul tappeto.. O siamo ciechi e non ci accorgiamo che il rialzo che ci aspetta sarà notevole nei prossimi anni oppure ci aspetta un trappolone davvero fastidioso.. Sicuramente personalmente sarei piu preoccupato nel comprare e mettere nel cassetto un titolo di stato a lungo termine piuttosto di un buon titolo azionario ad alto dividendo e con poco debito.. Anche se con la possibile inflazione che ci aspetta negli anni a venire (inevitabile visto il pompaggio di denaro scritturale che prima o poi entrerà in circolo) credo sia importante come mai parlare di rendimento reale.. Insomma, se le borse dovessero salire nel lungo periodo ma meno dell'inflazione, beh.. saremmo comunque davanti ad una perdita reale... E prevedo molte perdite reali nei portafogli negli anni a venire... Quindi come non mai ciò che conta è lo stock picking, e il buon Bonelli in questo pare un maestro... Avanti così Vloganza!!

    bruno

    RispondiElimina
  2. In tema di elezioni per Marco, do il mio voto per eleggerlo candidato premier, visto che qui non si ha la più pallida idea di cosa ci aspetti.
    Una speranza viene dalle analisi di Marco, in quanto se gli USA proseguono nella salita per forza di cose anche il nostro piccolo mercato seguirà ma con una performance maggiore, dato il livello raso terra.
    Bellissime le conclusioni riguardanti Bill Gross e la sua Pimco.
    Grazie Marco e a presto, goditi un po' di sole....

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".