Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

giovedì 20 settembre 2012

Poca liquidità e troppe tasse negano la ripresa prevista da Monti (La coperta è corta e ognuno la tira dalla sua parte)

L'accelerazione della fuga dei depositi dalle banche dei paesi più colpiti dalla crisi del debito coincide con l'aumento presso gli istituti del centro Europa. Un flusso che causa la frammentazione del credito e un sistema bancario sbilanciato su due livelli che blocca la ripresa economica e riduce l'efficacia delle...
politiche monetarie della Banca centrale europea.

Stefano Cordero di Montezemolo - Direttore scientifico della European School of Economics a Milano: "La difficoltà ad aumentare la liquidità nel sistema e la pesante tassazione subita da imprese e famiglie non indicano una ripresa, come dice Monti, per l'anno prossimo, se non per un fattore puramente tecnico di apparente rilancio dell'attività industriale".



5 commenti:

  1. Scusate io sono nauseato se il problema per l'Italia è il debito perchè continuarlo a emetterlo ? Cosa gli operatori sono deficenti ? Ma che si licenziano 3000000 di dipendenti pubblici e si modernizzi lo stato ... cosa c'è ne facciamo di questo personale ... sappiamo tutti che lo stato ha assunto per creare occupazione ... ma non siamo nel'800 ,,,,
    esiliato.scusate.ma.questa.storia.è.assurda

    RispondiElimina
  2. scusate l'irrascibilità ... ma dopo che l'italia ha perso 800.000 posti di lavoro mi domando se era necessario ... bisogna tagliare e tagliare nell'ottica di rilanciare con canoni moderni la politica economica ... non aumentare le tasse per mantenere la classe burocratica.
    esiliato.veramente.stufo

    RispondiElimina
  3. Ma davvero la situazione dell'economia reale in Francia e' simile a quella italiana?
    Io direi di no.
    Poi magari la Francia finira' anche lei nel tritacarne , ma per ora in Francia la crisi non si sente come in Italia.
    Non c'e' nessun mistero sui tassi di interessi.

    RispondiElimina
  4. Purtroppo mi trovo in montagna con pochissimo campo e non riesco a vedere i video di Vloganza, ho potuto solo leggere i testi introduttivi ed i commenti, e mi pare che ci siano state novità ed innovazioni. Pazienterò fino al mio ritorno a casa e poi commenterò a ragion veduta, mentre questo è solo un piccolo sfogo di un frustrato ed un'occasione per inviare un caro saluto a Luciano e a tutti i suoi estimatori e fruitori di Vloganza

    RispondiElimina
  5. Ma che europa è questa che protegge solo Francia e Germania? ma che moneta unica è sto euro se in ogni paese ci sono differenti tassi di interessi attivi e passivi e, again, i migliori sono in Francia e Germania? Ma che unione economica e libera concorrenza è se le imprese francesi e tedesche sono favorite nel credito? In sintesi: con la scusa del debito pubblico Germania e Francia ci stanno succhiando i soldi. Allora chi sono i maiali?
    Le cose dette dal professore io le avevo già lette sul blog di Beppegrillo. Il professore mi conforta sulla bontà delle cose che leggo sul suo blog.

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".