Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

giovedì 19 luglio 2012

ESM italiano

Il Parlamento concede l'approvazione finale al fondo di salvataggio europeo permanente. L'ESM, che nelle intenzioni dovrebbe raggiungere una potenza da €500 miliardi di euro, deve ancora essere ratificato dalla Germania prima di diventare operativo. I politici europei valutano di usarlo per prestare direttamente...
alle banche mentre per l'Italia rappresenta lo scudo anti-spread.

Vanni Lucchelli - Consulente indipendente e socio di Compagnia Fiduciaria Lombarda: "I 400 miliardi del fondo non sono sufficienti a fronteggiare una crisi sui fondamentali del paese, ma questo rapporto potrebbe cambiare qualora venisse consentito all'ESM di aumentare il suo potenziale di fuoco ricevendo finanziamenti dalla Banca centrale europea".


9 commenti:

  1. In un film di spionaggio il direttorio era una sezione deviate della cia .... ma stiamo dimenticando il problema di fondo : 1 la moneta è uno strumento in funzione dello stato 2 il capitalismo quindi è una forma di servizio offerto allo stato 3 dire fare una patrimoniale all'un per cento mi viene da ridere 4 censured
    esiliato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ovvero patrimoniale alla Hollande basta giochi la funzione espressa dalla libertà dell'economia è una funzione concessa dagli stati, in questo caso UE, la sicurezza sociale e l'ugualianza sono la causa dello stato non il capitalismo che è solo funzione secondaria legata alla moneta e alla causa primaria. Dopo si faranno i conti ok ma dopo ...
      esiliato

      Elimina
  2. Considerazioni da aggiornare. Oggi tempesta: borsa a picco, spread a 500, va tutto giù: azioni, bond, eur/usd. Dicono che è l'inizio del contagio via Spagna. La cd tempesta perfetta. Questo fondo scudo antispread non è stato ancora deciso, solo parole, promesse rimangiate. La CDU bavarese non lo vuole. Tempi troppo lunghi: l'unica certezza è che non hanno deciso nulla di concreto coi soldi. Ora si balla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sto aspettando che eurusd rompi una resistenza di medie per vedere un rialzo-ribalzo che ancora fa fatica se parte al ribasso farà fatica dopo a salire. Ma come facevano i maya a prevedere il futuro ? Non è che ci sono in giro è rimasto ancora qualche documento da studiare ?
      esiliato

      Elimina
  3. Le ultime notizie sulle intenzioni di offensiva di Draghi sono state passate da due funzionari della BCE ai giornalisti il 27/7.

    La proposta Draghi comporterebbe l'uso dei fondi di salvataggio per comprare obbligazioni, di Spagna e Italia, sul mercato primario a cui si aggiungerebbe l'acquisto di obbligazioni da parte della BCE sul mercato secondario. La BCE potrebbe considerare anche altri tagli dei tassi di interesse e prestiti a lungo termine alle banche.

    Oggi 30/7 l'informazione nazionale strombetta il magnanimissimo permesso della Merkel all'acquisto di obbligazioni da parte della BCE.

    Anche questo video, come gli altri delle prime pagine, è ancora straordinariamente attale. Vi raccomando almeno due punti: la differenza e i pericoli dell'intervento sul mercato primario e sul mercato secondario dal minuto 10:40; le battute sul fatto che l'uso del fondo corrisponda a una sorta di salvataggio internazionale piuttosto che a un miracolistico "scudo anti-spread" al minuto 8 - un salvataggio a cui corrisponderanno delle condizioni.

    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luciano, nel video (12:20) tu dici che l'acquisto sul secondario premierebbe i creditori anziché i debitori. Inoltre (16:20) definisci un intervento sul mercato primario come "appropriato" e "più efficace".

      Io pensavo esattamente il contrario. Aiutami a capire.

      Il famigerato spread BTP-Bund (aldilà dell'importanza che gli si voglia dare) è il differenziale tra gli interessi pagati per l'acquisto di BTP e di Bund a 10 anni sul mercato >>>secondario<<<: giusto?

      Se compero 1000 euro di BTP sul primario e lo spread si alzasse dopo l'asta, significherebbe che sul secondario potrei acquistare lo stesso valore nominale a meno: ad oggi, sul secondario, un lotto di 1000 euro di BTP-01ST22 li compero con 970 euro circa.

      Se quello che ho scritto fin qua fosse vero (e, auspico, comprensibile), l'azione più efficace da parte della BCE sarebbe acquistare titoli italiani sul secondario per due motivi:

      1) qualunque somma la BCE decidesse di investire, le consentirebbe di acquistare un pacchetto di titoli dal valore nominale superiore

      2) acquistando titoli sul secondario, cioè là dove viene calcolato il differenziale tra gli interessi pagati per vendere il debito italiano e quello tedesco, lo spread diminuirebbe in virtù della regola aurea che quando la domanda aumenta, il prezzo sale e, nel caso di obbligazioni, il tasso d'interesse scende.

      Luciano, prima che io invii a Draghi la mia proposta, saresti così gentile da dirmi dove sto sbagliando?

      Grazie e ciao

      Elimina
    2. Alberto,

      in ritardo da connessione lenta ma ci sono. In questo video passiamo da una serie di concetti importanti, alcuni non sono stati spiegati a sufficienza e quindi le tue osservazioni sono, al solito, ben fatte e benvenute.

      I punti da chiarire sono: l'intervento sul secondario premierebbe i creditori anziché i debitori, sarebbe meno efficace e meno appropriato.

      Prima di tutto. Si chiama crisi perché lo stato paga interessi troppo alti per accedere ai finanziamenti di cui ha bisogno. Se il rendimento del BTP10 fosse ancora intorno al 4%, tutto avrebbe potuto continuare com'era. Avremmo ancora Berlusconi che pensa ai fatti suoi e non ci staremmo interrogando sul come cambiare il nostro stile di vita. È il rendimento che ci interessa, non "lo spredde". Il rendimento sono i soldi che lo stato deve sborsare per vendere il debito che gli permette di funzionare, il differenziale con il Bund10 è si importante ma è solo una misure del rischio di insolvenza che gli investitori attribuiscono al paese. Lo stato paga il rendimento, non lo spredde. Bisogna abbassare il rendimento, lo spredde di conseguenza potrebbe restringersi.

      Come abbiamo detto, il mercato primario è quello delle emissioni, il mercato secondario è quello delle contrattazioni.

      Un intervento sul primario finanzia direttamente lo stato in cambio delle obbligazioni che emette (cosa che la BCE non può fare e primo punto di discordia con i tedeschi). Contribuirebbe ad abbassare il rendimento in modo diretto. È più efficace.

      Un intervento sul secondario, oltre a essere meno efficace, premierebbe i creditori invece del debitore perché finanzia le banche che hanno già comprato obbligazioni emesse dallo stato (cosa successa nei precedenti interventi della BCE). Contribuirebbe ad abbassare il rendimento in modo indiretto e in relazione alla potenza finanziaria a disposizione, cioè sarebbero necessari acquisti molto elevati per cambiare il prezzo delle successive emissioni. Inoltre servirebbe agli investitori esteri rimasti per uscire dal debito italiano, per limitare le eventuali perdite a sfavore degli italiani.

      Per capire come mai un intervento sul secondario sarebbe anche meno appropriato bisogna ribadire che il rendimento alto è dovuto a delle basi reali e non alla speculazione brutta e cattiva. Nonostante gli sforzi fatti, gli investitori dubitano della capacità dell'Italia di proseguire il risanamento, per i motivi che abbiamo sottolineato in tanti video, tra cui spicca il rischio politico. Comprare sul secondario corrisponde a infilare il termometro nel secchio del ghiaccio per abbassarne artificialmente la temperatura. Tende a distorcere i segnali del mercato e a eliminare la pressione politica. Ha del disonesto.

      L'idea, attribuita a Draghi, di usare il fondo di salvataggio per intervenire sul primario mente la BCE sostiene sul secondario, appare brillante nell'ottica del compriamo tempo per proseguire con il risanamento e, nel caso, non verrà gratis.

      Infine, bisogna intendersi sul significato delle cose e delle parole che si usano per descriverle. È un fondo di salvataggio non uno scudo anti-spredde, l'uso del fondo corrisponde a un salvataggio, l'Italia è in crisi per delle difficoltà reali non a causa della speculazione. I danni che ha fatto e sta facendo la pessima informazione nazionale sono incalcolabili. I luoghi comuni usati quotidianamente e a man bassa da giornali e tivvù mantengono il paese nell'ignoranza, che è la vera causa della crisi, e limitano gli sforzi dei pochi che cercano di capire.

      Saluti

      Elimina
  4. Grazie Luciano

    solo una perplessità quando dici "[...] Tende a distorcere i segnali del mercato e a eliminare la pressione politica.[...]": penso che questa considerazione valga per qualsiasi tipo di intervento la BCE abbia intenzione di fare.

    Comunque (ore 15.30) sto vedendo cosa è successo appena Draghi ha parlato.

    Tra le altre cose pare abbia detto: "le mie frasi di Londra della settimana scorsa son state "fraintese" dai mercati"

    E vabbè, se adesso pure lui si mette a fare il peracottaio ...

    RispondiElimina
  5. Alberto,

    si potrebbe argomentare che un intervento sul primario del EFSF/ESM sarebbe un salvataggio con regole e condizioni e che un intervento della BCE sarebbe una comune monetizzazione del debito (che ripeto la BCE non può fare). Ma in definitiva la tua perplessità rimane, insieme al sollievo comunque limitato che queste operazioni potrebbero portare.

    Oggi traders e investitori, che si aspettavano qualche tipo di azione immediata, sono rimasti delusi da un Draghi che ha dato linee guida invece di dettagli. È davvero una grande sorpresa?

    Tra gli argomenti discussi durante la conferenza stampa uno esce con chiarezza: né la BCE né i fondi di salvataggio potranno intervenire sul mercato del debito, per abbassare il costo dei finanziamenti dello stato, a meno che Monti richieda un programma di aiuto e accetti le condizioni legate al programma.

    Ciao

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".