Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

venerdì 1 giugno 2012

Prezzi in discesa mercato in attesa

I redditi delle 10 maggiori banche che trattano materie prime sono crollati del 33 percento nel primo trimestre. Il prezzo del petrolio Brent cala sotto i $100 per la prima volta in quasi otto mesi. Le preoccupazioni sul peggioramento della crisi del debito in Europa causano il calo dei prezzi del rame...
fino al minimo dell'anno.

Lorenzo Paloscia - Trader e gestore di Etruria Capital Mgmt a Chicago, Illinois: "Quando cominciano a scendere i prezzi ci sono sempre meno interessati a entrare nel mercato, la maggior parte dei traders preferisce uscire piuttosto che prendere posizioni ribassiste come fanno i professionisti".


2 commenti:

  1. Cara Merkel pensavi di compensare le esportazioni verso l' Europa con quelle verso la Cina come volevasi dimostrare da buon politico non hai capito assolutamente nulla.

    RispondiElimina
  2. natgas...croce e delizia...

    le società americane (moribonde) continuano con la loro "politica oscura" senza tagli alla produzione, perchè "secondo me" foraggiati dall'attuale governo che punta molto sull'energy low cost...x le prossime elezioni....
    non vedo altro motivo che possa spiegare l'attuale prezzo del gas americano e soprattutto il non fare nulla delle società estrattrici...
    Non dimentichiamoci il gap enorme che c'è tra il gas americano e quello nel resto del mondo.

    Sempre un piacere ascoltarti Lorenzo.

    Saluti

    jackis

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".