Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

lunedì 14 maggio 2012

Succhiati in un buco nero d'incertezza

Il mercato azionario europeo è in deciso calo mentre si interroga sull'esposizione ai derivati della JP Morgan, sulla possibilità che la Grecia esca dall'euro e sulla sconfitta del partito del Cancelliere Angela Merkel nello stato più popolato della Germania. Il rendimento dell'obbligazione decennale spagnola...
sale al 6,30%. L'Italia vende €5.25 miliardi di Btp e registra un aumento della domanda. Il debito pubblico sale a record nel mese di marzo, secondo i dati pubblicati dalla Banca d'Italia.

Roberto Malnati - Responsabile gestione di Global Opportunity Investments a Lugano: "Finché la Grecia non decide se rimanere o uscire dall'euro sia il costo per assicurarsi sulla possibilità di insolvenza che la volatilità rimarranno alti, e quando la volatilità è alta tendenzialmente i mercati scendono".


15 commenti:

  1. Malnati , come sempre , ha le idee molto confuse. Jpmorgan ha venduto protezione su questo prodotto: CDX.NA.IG che e' una serie markit sulle investment grade usa ... ha venduto protezione esattamente per il motivo CONTRARIO che dice malnati. Pensavano infatti che lo spread (rischio) delle imprese americane si abbassasse e non certo che venisse contagiato dall'europa (come sostenuto qui ...). Precisiamo inoltre che l'asset usato da jpmorgan in questa operazione e' stato il differenziale o, meglio, parte del differenziale tra depositi- loans - risk free investments. La strategia non era cosi' campata in aria (e in precedenti quarterly ha prodotto ottimi results...). Stavolta hanno perso, ma visto si parla di asset minimali di 150 bln $ .. non e' un disastro ... sono gli europei che si spaventano ... con il loro sistema bancario pietrificato ... non sono nemmeno in grado di PENSARE ...queste attivita' dinamiche... STUDIA MALNATI STUDIA ... CHE hai bisogno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, questo è un ottimo esempio di commento non gradito. Arrogante senza basi credibili e per di più anonimo.

      - CDX.NA.IG.9 è un oscuro indice di derivati sul credito che possiamo dire ha contribuito alla perdita della J.P. Morgan Chase. Quanto e come abbia contribuito non ci è ancora dato di sapere. La stessa SEC (Securities and Exchange Commission, l'organo di controllo sul mercato mobiliare Usa) ha appena iniziato la revisione delle posizioni della JPM.

      - Senza una profonda conoscenza delle posizioni di JPM, e delle molte protezioni (hedges) che ha applicato, è impossibile dire se ci saranno o meno ulteriori conseguenze sulle finanze della banca.

      - Il calo delle azioni di JPM in seguito all'annuncio della perdita ha cancellato circa $20 miliardi di capitalizzazione.

      - Domenica 13 maggio il Wall Street Journal titola: J.P. Morgan's Efforts to Shield Itself From European Market Fallout Prompted Disastrous Bets. Attribuendo le perdite di JPM al tentativo di proteggersi dalla caduta dei mercati europei, come riportato nel video.

      - Se proprio vuoi parlare inglese senza moltiplicare il numero di inesattezze... you must either talk of "previous quarters" or "quarterly results". Quindi studia anonimo, studia.

      Infine, un anonimo arrogante in una parola sola si chiama codardo. Se ripassi, tieni presente.

      Elimina
    2. Ina Drew, l'ex capo degli investimenti di JP Morgan, secondo il New York Times avrebbe chiesto al gruppo CIO di eseguire operazioni in grado di coprire la banca dalla crisi del debito europeo. E' infatti visto che la strategia "non era campata in aria" è stata accompagnata alla porta.

      Probabilmente 2 o 3 bio di perdite son noccioline, come sostiene l'anonimo detrattore, e verranno per l'ennesima volta presto dimenticati. Ma c'e' sempre una goccia che fa traboccae il vaso. E il vaso è colmo.

      Elimina
    3. Commenti un errore Luciano,la serie CDX.NA.IG.9 (anche se e' quella erroneamente riportata da alcuni giornali) non e' quella corretta perche' e' scaduta. La perdita di jpmorgan e' avvenuta sulla serie 18. Per i tuoi lettori un breve sunto dei principali (e ti assicuro conosciuti) indici cdx, riporto i piu' tredati per volume:
      CDX.NA.HY (serie 18) CDX North American High Yield (100 nomi)
      CDX.NA.IG (serie 18) CDX North American Investment Grade (125 nomi), SU QUESTO E' CADUTA JPMORGAN
      CDX.NA.IG.HVO (serie 18) - CDX North American Investment Grade High Volatility (30 nomi scelti tra quelli investment grade
      CDX.EM (serie 17) - Markit CDX Emerging Markets (15 nomi) ora e' uscita la versione diversificata con 40 nomi
      Le banche che fungono da market maker sono 14 (naturalmente nessuna italiana ... sono cose troppo avanzate per loro). Tutto e' tredato elettronicamente e per large size. Niente di oscuro. Comunque mi scuso per l'arroganza (e' vero) ma basta dare addosso alle merchant bank, non e' corretto. Fanno il loro mestiere. Quanto all'allontanamento della Drew ... ancora devo non essere d'accordo con malnati. E' chiaro che e' una mossa puramente politica per calmierare la massa in una anno di elezioni. Ciao.

      Elimina
  2. Ci volevano dei cosiddetti "tecnici" al governo per risolvere i problemi attuali AUMENTANDO LE TASSE ... Con molta calma il buon Roberto Malnati ha ribadito un'ovvietà, che oltre un certo limite di tassazione si danneggia l'economia e quindi si riducono gli incassi derivanti dalla tassazione, sia perché si riducono i consumi e sia perché aumenta l'evasione e/o si chiudono le attività che non sono più sostenibili. Quindi il fisco oppressore ottiene solo il risultato di distruggere l'economia di un paese, e la colpa non è degli evasori, ma dei parassiti che governano o simulano di farlo. Quando apriranno gli occhi gli italiani? Quando la smetteranno di farsi depredare e prendere in giro indicando loro capri espiatori e false soluzioni che in realtà aggravano i problemi?

    RispondiElimina
  3. Mi ricordo di nottate intere a giocare a SIM City, uno dei giochi per PC più coinvolgenti . In pratica si doveva costruire un villaggio che doveva diventare metropoli, e già lì, giocando si capiva lo strano equilibrio fra tasse e possibilità di crescita. Più c’erano tasse, più spariva l’industria. L’equilibrio perfetto erano tasse sostenibili e servizi. Se non c’avete mai giocato, ve lo consiglio, anche se un difetto…ovvero di passare nottati a gestire la città perdendo il senso del tempo ( e sonno). Percio’ non credo che i “professoroni di economia” aspengoldmansachianibocconioni e via cianciando non lo sappiano. Con tutte lA mio vedere pero’ questo caos programmato sta sfuggendo di mano ai burattinai e sta creando una deindustrializzazione irreversibile.

    RispondiElimina
  4. più aumenti le tasse e meno rendi il paese interessante per lo sviluppo

    Ovvio anche per un bambino, ma evidentemente per un professore di economia no.

    Bravo Malnati come sempre del resto.

    RispondiElimina
  5. Se dopo 17 volte che esce il nero alla roulette io scommetto sul rosso ,la "strategia "non è così campata in aria ,ma per farlo vado al casinò non in banca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maurizio Piglia16 maggio 2012 07:11

      Non importa quante volte esce il nero...la probabilita' che al prossimo lancio esca il rosso e' sempre la stessa, il 50% , anche se il nero e' uscito 34 volte o 86 volte di fila.
      Nella roulette e nel "lancio della moneta" le probabilita' sono esattamente le stesse a ogni lancio.
      Vale a dire che non importa affatto quante volte e' uscito il rosso o il nero prima.
      Quello che hai appenqa annunciato e' una sequenza di variabili randomiche chiamata appositamente "martingala" basata sul fatto che la conoscenza degli eventi passati non ti porta nessun beneficio e nessun vantaggio nella predizione dell'evento futuro. I lanci della roulette sul rosso e nero e il testa o croce sono eventi stocastici per eccellenza.

      Elimina
    2. L'unica conoscenza degli eventi passati che potrebbe apportare qualche beneficio e vantaggio nella predizione degli eventi al di là da venire è infatti da ascrivere alla storia (che considero una disciplina e non una scienza). Se gli italiani conoscessero ad esempio anche solo il periodo dal Regno di Sardegna alla formazione del Regno d'Italia leggendo da varie fonti ed interpretazioni storiche fino a giungere agli studi più recenti di sociologia, economia e politologia degli anni 80 (subito censurati) sulle origini del clientelismo in Italia, capirebbe che questo paese era MARCHIATO MEFITICAMENTE fin dalle origini e non poteva che finir male

      Elimina
  6. La "curva di Laffer" descrive come la pressione fiscale, superata una certa soglia, deprima il gettito.

    Sia la curva che Laffer sono stati sbertucciati per trent'anni.

    Ora che l'ottimo Monti ha deciso di pestare duro con l'imposizione, scopro con gioia che molti miei concittadini vedono nel prelievo fiscale il primo problema da affrontare.

    Pure quelli che applaudirono quell'enormità pronunciata dal povero Padoa Schioppa "le tasse sono una cosa bellissima" ora sudano freddo immaginando il salasso che sta per arrivare con l'IMU.

    Dopo la riforma delle pensioni, quello di aver reso molto più concreto e molto meno ideologico il rapporto tra cittadini e fisco, è il più grande successo che ascriverei a questo governo.

    Chissà se sentirò ancora quelle parole: "Le tasse sono una cosa bellissima". Clap, clap, clap.

    RispondiElimina
  7. "Ora che l'ottimo Monti ha deciso di pestare duro con l'imposizione, scopro con gioia che molti miei concittadini vedono nel prelievo fiscale il primo problema da affrontare."

    Le metto in evidenza questa parte del commento xchè devo ammettere che mi ha colpito, non capisco Alberto xchè usa termini come "gioire" e "pestare duro", a casa mia sa molto di fascismo.

    Le tasse sono anche una cosa bellissima visto che ha voluto citare Schioppa ma anche il sacrificio richiesto dal fisco ha ormai raggiunto livelli a rischio di rottura; in Italia Alberto il carico fiscale che insiste su cittadini e imprese è pesante,ma guardiamo i dati che forse è meglio.
    Secondo lo studio Doing Business 2012, ogni anno condotto da Banca Mondiale e International Finance Corporation, le aziende italiane pagano il 22,8% di tasse sugli utili a cui si aggiunge il 43,4% per contributi previdenziali e costo del lavoro e impiegano qualcosa come 285 ore l'anno per assolvere i doveri fiscali. Il che pone il Paese al 134esimo posto su ben 183 economie prese in considerazione nella particolare classifica della qualità del rapporto con il fisco. Non è una bella posizione.

    Come vede Alberto non c'è niente da applaudire o da compiacersi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non bisogna nemmeno dimenticare che oltre alle tasse dirette, al costo del lavoro ci sono una pletora di balzelli, come i consorzi di bonifica per alluvioni avvenuto nei secoli scorsi, le accise per guerre che ormai non ricorda nemmeno più la storia, ed altre amenità. Carino anche che il "tecnico" Mazzamuto pagato come espertone che ci fa spare che ha votato a favore del falso in bilancio a sua insaputa, in quanto ingannato dagli uffici legislativi del ministero.
      Da non credere.... : )
      Altro che la lira, qui è già grasso che cola se avessimo le figurine panini , visto il livello della politica.

      Elimina
  8. @ commento anonimo delle 06:31

    "il sacrificio richiesto dal fisco ha ormai raggiunto livelli a rischio di rottura".

    >>>Ormai<<<? Le tasse sono diventate alte da qualche mese?

    A mio modo di vedere, le tasse sono insostenibili da almeno VENT'ANNI!!!

    Il problema è che a saperlo e a sentirlo prima degli altri sono solo coloro che maneggiano il lordo dei propri compensi.

    Gli altri, un po' per la fatica di leggere la busta paga, un po' perché in buona parte sgravati da imposte (come l'IRAP o come due terzi di INPS), hanno sempre visto chi chiedeva meno tasse come l'evasore parassita.

    Nel mio commento mi rivolgevo proprio a questa differenza di sensibilità da parte di due metà della nazione.

    La superficialità e la retorica di buona parte dei cittadini su questo argomento, ha prodotto almeno due mostri:
    1) ha spinto un'altra buona parte a rifugiarsi tra le braccia di Berlusconi.
    2) si è accorta che il debito pubblico è un problema solo quando sono arrivati a toccare privilegi acquisiti (articolo 18, calcolo retributivo della pensione) e a mettere mano nel loro portafoglio con un po' più di vigore.

    Monti ha cominciato a "pestare duro" colpendo tutti ("solleticare" avrebbe reso meglio l'idea?) e per tale ragione, senza ironia, attribuisco a questo governo il merito di aver aperto gli occhi a un po' di gente su quanto costi lo Stato.

    Rinunciare a un po' di Stato (fatto 100 il totale, personalmente direi di arrivare a toglierne ... 100, ma mi accontenterei anche solo di 90), per avere libertà di scelta su dove e come spendere i propri soldi, è il mio auspicio e dalle nozioni di storia nazionale in mio possesso questo mio desiderio è quanto di meno mussoliniano si possa pensare.

    Infine una domanda: da quando in qua "gioire" è un termine fascista?

    RispondiElimina
  9. Vorrei innanzitutto scusarmi con lei Alberto perchè se a casa mia un certo tipo di linguaggio sa di fascista lei può essere benissimo uno di sinistra ed io ho solamente travisato l'espressione del linguaggio, insomma mi spiace.
    Le confesso Alberto che anche se sono di sinistra se fossi stato francese avrei in questo momento votato Marine e sa perchè?
    Perchè le parole che lei ha usato, Debito Pubblico, Stato, Berlusconi ecc dal mio punto di vista sono prive di senso/suonanovuote o x essere più precisi sono prive di dati economici.
    Sono le parole che ci passano la tv e i giornali da mesi.

    Per questo se lei vuole la invito su Goofynomics.
    Saluti Rosso Alloro.

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".