Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

giovedì 17 maggio 2012

L'euro si spacca o si sostiene

La Banca centrale europea blocca i prestiti ad alcune banche greche per limitare la sua esposizione al rischio e il Presidente Mario Draghi parla per la prima volta della possibile uscita del paese dall'euro. La Federal Reserve indica la possibilità di ulteriore stimolo monetario per proteggere l'economia degli...
Stati Uniti. Il mercato azionario europeo registra la quarta giornata di ribasso mentre i rendimenti di Spagna e Italia si avvicinano a livelli critici.

Giulio Baresani Varini - Responsabile pianificazione del risparmio di Millenium Sim: "L'ipotesi di una Grecia fuori c'è ma sarebbe una situazione incontrollabile, non si esce uno alla volta, o lo si spacca completamente o lo si sostiene l'euro".


6 commenti:

  1. ottimo come sempre Baresani Varini.
    L'unico appunto che posso trovargli ma anche a diversi commentatori di Vloganza era l'abbastanza convinta risalita dei mercati circa 1 mese, 1 mese e mezzo fa...forse si pensava che LTRO fosse stata la panacea di tutti i mali...

    RispondiElimina
  2. Commento chiarissimo........

    RispondiElimina
  3. complimenti come sempre per l'analisi sempre perfetta della situazione. I nostri politici purtroppo non stanno facendo nulla per risolvere la situazione. Credo che oltre che ingordi siano anche stupidi se non hanno ancora capito che siamo sull'orlo del baratro.
    complimenti ancora
    marco

    RispondiElimina
  4. UN'IDEA PAZZA......
    PERCHE' NON TENTARE DI ESCLUDERE LA GERMANIA DALL'EURO, FARLA TORNARE AL MARCO E FINALMENTE DARE LA POSSIBILITA' ALLA BCE DI POTERE STAMPARE MONETA?

    RispondiElimina
  5. Si dice che gli eurobond siano la soluzione alla crisi finanziaria europea. La germania accetterebbe solo se gli stati europei si "germaniazzassero". beh allora è mission impossible. Come chiedere allo scorpione di cambiare natura e non pungere più. Lasciando perdre la fallita grecia, guardiamo all'Italia: è impossibile che possa diventare come la Germania. Al massimo possiamo diventare come la Grecia.

    RispondiElimina
  6. Oggi scrive Giavazzi nel suo editoriale sul corriere: "...Gli Eurobond non servono a nulla, se non a diffondere l'illusione che i trasferimenti fiscali siano una comoda alternativa alle riforme. Servirebbe invece un Fondo europeo di garanzia dei depositi bancari..."
    Io quoto al 100%. Aggiungo che la crescita non si alimenta con altro debito in paesi non efficienti, se ciò avvenisse sarebbe un ennesimo calcio al barattolo. L'allentamento della politica di rigore deve avvenire solo dopo le riforme, e il rigore imposto sia da stimolo all'attuazione delle riforme.

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".