Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

lunedì 21 maggio 2012

Qualcosa sta cambiando in Cina

L'impegno del Premier cinese Wen Jiabao a concentrarsi sul sostegno alla crescita, alimenta le aspettative sull'arrivo di stimoli finalizzati a combattere il rallentamento della seconda economia mondiale. La Cina ha intenzione di velocizzare l'approvazione di qualificati investitori istituzionali stranieri che...
intendono comprare nel suo mercato dei capitali.

Roberto Malnati - Responsabile della gestione di Global Opportunity Investments a Lugano: "Se le aziende italiane venissero aiutate una parte importante delle esportazioni, così come accade per la Germania, potrebbe essere verso il mercato cinese che cerca il bello, il lusso e l'innovazione".

- Correzione al video: al minuto 3:57: "...i requisiti patrimoniali delle banche sono già stati tagliati due volte di 50 punti base". Non 0,50 punti base.


7 commenti:

  1. grazie per la possibilità di informazione che ci date

    rov

    RispondiElimina
  2. Ciao rov,

    grazie a te e benvenuto su Vloganza.tv!

    RispondiElimina
  3. Si sta cambiando anche il sea power ... nulla di buono all'orrizonte non vorrei che il ritiro dentro la muraglia sia una ripicca contro il Giappone ... la disputa sino-giapponese per le senkaku-diaoyu mi lascia un pò perplesso, pensavo, e tuttavia lo penso ancora dopo la crisi del maremoto, che cinesi e giapponesi fossero più che amici, ma probabilmente il mio ragionamento fa un pò di acqua ... appunto sea power. Mi piacerebbe sapere cosa ne pensa Roberto Malnati, ovvero se questa tensione sia solo passeggera come penso ( e per di più c'è anche il contenzioso con il viet-nam ) tutto per stabilire propietà su eventualii giacimenti off-shore. Ciao e grazie di un'eventuale risposta.
    esiliato.economico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tensione tra cinesi e giapponesi ha origini lontane. Il massacro di Nanchino, conosciuto anche come stupro di Nanchino non è stato dimenticato. Per i cinesi (padri della lingua scritta usata anche in Giappone) il tradimento dei "figli" giapponesi è culturalmente imperdonabile. Questo pero' non ha impedito agli opportunisti cinesi di consentire ai giapponesi di spostare alcune unita' produttive strategiche in Cina appena dopo il terremoto.

      Le questioni territoriali riguardanti le Isole Senkaku/Diaoyutai non si risolveranno siano a quando Taiwan rimarra' sotto l'influenza della politica USA .... e i diritti di pesca o di estrazione gas sono solo scuse :)

      Elimina
  4. Grazie per il chiarimento.

    RispondiElimina
  5. Purtroppo appartengo a quella categoria di italiani onesti e lavoratori autonomi (esistono, nonostante i diffusi pregiudizi) che hanno lavorato per oltre 35 anni ogni anno fino a novembre per pagare le estorsioni bancarie (fido sul conto corrente a tassi di interesse quasi usuraio) e le vessazioni fiscali, per me e la famiglia rimaneva solo il mese di dicembre, per cui non dispongo di denaro da investire, altrimenti sarei tentato dal mercato cinese, con un interlocutore e punto di riferimento come Roberto. Come direbbero mercanti arabi (e non solo) "dare pecunia, vedere cammello" ... ma di questi tempi non lo si vede neppure nella cruna di un ago, pur ricorrendo a tanta fantasia mistica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio nonno andava col camello mio padre in mercedes io in elicottero e mio figlio andrà col camello. Detto arabo.
      Speriamo che l'epoca dei camelli sia solo localmente distribuita sul glogo. Non centra niente con il resto ma la tentazione è stata forte Ciao Maciknight.
      esiliato.economico

      Elimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".