Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

giovedì 10 maggio 2012

È necessario un euro più debole - Forex

L'euro dopo avere registrato otto giorni consecutivi di calo, la sequenza più lunga da settembre 2008, tratta vicino al minimo di tre mesi contro il dollaro e al livello più basso da febbraio contro lo yen giapponese. Le difficoltà della Grecia a formare un nuovo governo fanno temere che la nazione possa lasciare l'unione...
monetaria europea.

Gabriele Vedani - Direttore generale Italia di FXCM a Legnano: "Un avvicinamento alla parità dei poteri d'acquisto, con un euro a 1,17 dollari, non causerebbe forti pressioni inflazionistiche e aiuterebbe le esportazioni dei paesi in difficoltà sul mercato domestico".


4 commenti:

  1. Come si fa a far dimunire l'euro/dollaro? il tecnico non l'ha spiegato, scusate l'ignoranza ma son qui per imparare elementi di economia :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la richiesta di banche crea la domanda e se diminuisce e aumenta l' offerta il prezzo scende. Penso che sia così. Ciao

      Elimina
  2. Grazie della domanda, ha ragione, non ne abbiamo parlato!
    Sostanzialmente sono due le alternative che una Banca Centrale può utilizzare per influenzare il valore di una moneta:
    1. (la più efficace - anche se nel medio lungo periodo)una politica monetaria più espansiva, per semplicità diciamo tassi di interesse più bassi e maggior liquidità circolante. Aumentando infatti la quantità disponibile di un bene (l'euro in questo caso) e diminuendone il rendimento (il tasso d'interesse sugli attivi posseduti) se ne diminuisce il valore.
    2. gli interventi diretti sul mercato, tramite la vendita della moneta che si vuole indebolire in contropartita di acquisti della moneta nei confronti della quale si vuole "aggiustare" il tasso di cambio. Questo è un intervento che escluderei per l'Euro perchè il livello attuale non giustifica una forzatura di questo tipo che viene riservata alle situazioni di vera emergenza e perchè non è nel DNA della BCE (la BOJ invece è solita vendere Jpy quando ritiene che la moneta domestice si stia apprezzando oltre il lecito). Trattasi infine di interventi che hanno effetti immediati sul prezzo ma che, se non reiterati, possono addirittura sortire l'effetto contrario, perchè il mercato spinge in direzione contraria per testare la reale determinazione della banca centrale.
    Grazie per avermi dato la possibilità di precisare.
    Gabriele Vedani

    RispondiElimina
  3. cosa ne pense del dollaro australiano? Le risulta che sia molto collegato al renmimbi, essendo quello cinese il principale mercato di esportazione dell'australia, e dunque che abbia ancora possibilità di proseguire al rialzo o almeno mantenere , tra alti e bassi, il suo valore sul dollaro, dal momento che il renmimbi tende ad apprezzarsi?

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".