Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

giovedì 5 aprile 2012

L'Italia non può sbagliare una mossa

Le obbligazioni italiane e spagnole guidano le perdite del debito governativo ad alto rendimento in seguito ai timori sulla possibilità che la spinta data dal programma LTRO della Banca centrale europea, stia svanendo. Il mercato azionario europeo estende la perdita maggiore delle ultime quattro settimane, gli...
investitori ritengono che la zona euro debba ancora riuscire a contenere la crisi del debito.

Giulio Baresani Varini - Responsabile pianificazione del risparmio di Millenium Sim: "L'Italia sta facendo il suo, comprare tempo ha senso e non è criticabile, prendere tempo per fare delle riforme una dietro l'altra, ancorché edulcorate per farle passare, è un metodo giusto".


3 commenti:

  1. Domanda per tutti i tuoi commentatori: Perchè se l'Italia aveva a fine anni 90 un rapporto debito/pil oltre 130% oggi è un problema averlo al 118% (il giappone lo ha oltre il 200%!!)? La germania....la storia ci insegna che Mitterrand e Kohl, per diversi motivi, hanno aderito all'Europa solo per togliersi di mezzo la concorrenza degli altri paesi (Italia compresa).Vedi o senti Alain Parguez

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perché purtroppo abbiamo rinunciato al potere di stampare moneta. Nessun Paese che stampa moneta può fallire, basta stampare e rimborsare i titoli, a meno che non abbia debito in valuta estera.
      Noi utilizziamo l'euro, siamo nella stessa dell'Argentina quando usava il pesos con il cambio fisso con l'USD.

      Non abbiamo speranza, prima o dopo falliremo.

      Mario

      Elimina
  2. Complimenti a Giulio Baresani Varini che come sempre sa' fare un quadro preciso e chiaro della situazione. Condivido totalmente le sue affermazioni ma credo che la fiducia deve essere conquistata. Credo che sarebbe utile e sempre piu' necessario un taglio VERO dei costi della politica nonche' la sostituzione IN TOTO degli stessi politici corrotti e collusi. Sino a che l'esempio non sara' dato dall'alto come puo' uno straniero avere fiducia nell'Italia ? Ogni giorno emergono scandali di corruzione e distrazione di fondi. Ma possibile che nonostante continue denunce di questo stao di cose da parte dei media non comabi mai nulla ? Cosa si deve fare per poter cambiare la situazione che gia' e' difficile economicamente per la concorrenza spesso sleale dei paesi emergenti ma in Italia diventa assolutamente ingestibile a causa della corruzione, evasione e sprechi assurdi. A cio' si e' aggiunto un incremento del prelievo fiscale che sta impoverendo sempre piu' le famiglie che stanno dando fondo ai risparmi per sopravvivere (per i bisogni essenziali).
    Speravo che in questi momenti gravi emergesse un po' di moralita' e dignita' nella classe politica. Sembra pero' che a parte pochissime eccezioni la casta si consideri al di sopra della gente quasi degli dei che possono fare tutto cio' che vogliono. BASTA !! Mi VERGOGNO di essere Italiano.
    Dopo questo sfogo auguro a tutti Buona Pasqua.
    marco

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".