Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

lunedì 16 aprile 2012

Cina pro domo sua

La Cina allarga la banda di contrattazione dello yuan contro il dollaro per la prima volta dal 2007 e aumenta la quota a disposizione degli investitori finanziari stranieri di oltre il 160 percento. Una valuta più flessibile potrebbe aiutare la banca centrale cinese a controllare l'inflazione e a sostenere un'economia...
che la Banca mondiale stima in crescita del 8,2 percento quest'anno.

Roberto Malnati - Responsabile gestione di Global Opportunity Investments a Lugano: "La Cina continua imperterrita a fare i propri interessi, allargare il tasso di cambio è un passo obbligato per evitare che la finanza cinese si chiuda in se stessa".


2 commenti:

  1. "invita il mondo a mettere il proprio cippino", suggestiva la metafora pokerista

    anche sentire che la Cina ha oramai una delle natalità più basse al mondo, fa un certo effetto

    sempre ricco il contributo di Malnati

    RispondiElimina
  2. L'europa periferica sta arraccando in modo drammatico ... il viaggio di monti in cina e' stato un fallimento ... lui e' andato a chiedere la sottoscrizione di debito pubblico ... quelli hanno chiesto di diventare proprietari di aziende (senza golden share e stupidate varie ...) ... per cui non se ne e' fatto nulla .... tenere bonos e bond oggi e' troppo troppo rischioso

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".