Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

martedì 10 aprile 2012

Cina da invidia, Italia per terra

La Cina registra un inatteso surplus commerciale a marzo, la crescita dei beni importati inferiore alle stime sottolinea il rischio di un rallentamento più marcato della seconda economia mondiale. L'Italia e la Spagna, in competizione per aggiudicarsi i fondi degli investitori internazionali, subiscono l'aumento...
del costo dei finanziamenti e del differenziale con i bund tedeschi.

Roberto Malnati - Responsabile gestione di Global Opportunity Investments a Lugano: "Il problema dell'Italia è l'incapacità totale e assoluta di essere competitiva, l'Italia è per terra, a Monti contesto la faciloneria con cui ha detto che il paese ha superato la crisi".


6 commenti:

  1. Complimenti al sig. Luciano per la vignetta : ) Un vero capolavoro. Che dire, Roberto Malnati dice con eleganza quello che in maniera più vernacolare esprime Maurizio Piglia. In sintesi in Italia troppe tasse per permettere di pensare ad una ripresa economica, un Governo troppo fuori dai problemi d'impresa, vuoi perchè bocconiani, vuoi perchè impiegati statali in qualità di professori, vuoi perchè "think" ma sopratutto tank, dell'Aspen, vuoi perchè tutti i sottosegretari sono scelti con spada e non per merito, vuoi perchè i parlamentari come ha ben etto Malnati sono li solo per mungere risorse al Paese. Nessuno, e dico nessuno, si è mai dimesso anche se è stato trovato con il sorcio in bocca. Tutt'alpiu si dimenttono da qualche incarico, tipo Bossi che da segretario passa a presidente, o tipo Stefani che da inquisito passa a tesoriere, o tipo Scaiola e tanti altri....o meglio dire,come tutti gli altri. Insomma, in poche parole il vaso di Pandora non ha più coperchio e dunque è fuoriuscita anche la speranza. Il mercato dovrà mirare a quei settori di "sopravvivenza", percio' alimentari senza crioconservazione, case prefabbricate adatte alla mobilità, e tutto quello volto l risparmio energetico. Pare anche che ci si è venduto l'oro...e senza quello difficile che si possa ancora tirare fuori il jolly dalla manica. Prima si rinegozia il debito, ed è già tardi, meglio è. L'unica condizione sarebbe quella di un commissariamento di tutta la classe politica in toto, se no, anche la rinegoziazione del debito ci lasceebbe comunque a "kulinudi".

    RispondiElimina
  2. Certo, ha ragione Malnati il problema non è l'art.18 ma la competitività, quando la giustizia non funziona, la burocrazia per qualsiasi pratica è macchinosa lunga e costosa, la corruzione dilaga hai voglia di gap con gli altri paesi! In più il costo del denaro che le aziende chiedono è il triplo almeno confrontati con i Tedeschi e gli Inglesi...come si fa a crescere!
    Comunque per me ha ragione Beppe Grillo più di una legislatura un politico non deve fare, non può vivere di politica perchè poi impara come si deve "mangiare" e si alza anche lo stipendio e tutti i privilegi. Andare laggiù deve essere visto con l'ottica di spirito di servizio verso il paese!

    RispondiElimina
  3. ... credo che le affermazioni sulla valutazione della borsa cinese siano esatte e come sempre il tempo darà ragione ai fondamentali .. per l'italia invece continuo a pensare come Neriana su una ristrutturazione del ns. debito , zona 80 .

    .. chissà se vedremo questo passaggio ... che comunque potrebbe essere un forte male subito , invece di una lunga agonia ..

    Saluti a R.M. fiorentino dispettoso

    RispondiElimina
  4. Complimenti per la lucidita' e chiarezza dell'analisi. Tutto sacrosanto! Riguardo ai politici italiani come possiamo fare per cacciarli in toto?
    Per il fatto che le imprese non riescono ad incassare i crediti vs la pubblica amministrazione io credo che a questo punto in italia non vi sia piu' un problema di liquidita' ma di insolvenza come da tempo sostiene Maurizio Piglia.
    L'unica soluzione e' emigrare all'estero??
    grazie e cordiali saluti a tutti.
    marco

    RispondiElimina
  5. Complimenti a Roberto Malnati. Ottimo intervento.

    Mario

    RispondiElimina
  6. nulla di nuovissimo ... ma certamente tutto vero ...

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".