Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

giovedì 12 gennaio 2012

Un po' qui un po' là questo spread scenderà

Il Tesoro vende 12 miliardi di debito, l'obiettivo massimo della prima asta dell'anno, il rendimento sul Btp a un anno cala al minimo di sette mesi e di oltre la metà in confronto all'asta del 12 dicembre. La Banca centrale europea mantiene i tassi di interesse stabili dopo due tagli consecutivi, le indicazioni su un...
periodo di calma della crisi del debito sovrano lasciano spazio per una pausa. La Consob, l'organo di controllo sul mercato mobiliare italiano, estende il divieto sulle vendite allo scoperto sui titoli finanziari fino al 24 febbraio.

Giulio Baresani Varini - Responsabile pianificazione del risparmio di Millenium Sim: "Un po' alla volta i differenziali di rendimento possono ridursi, il mercato vuole vedere che passiamo almeno una buona parte delle aste di febbraio, non è questione tanto del se ce la facciamo ma piuttosto a che prezzo ce la facciamo".


4 commenti:

  1. Ottimo come sempre Baresani Varini.

    Hans Castorp

    RispondiElimina
  2. Complimenti a Luciano per le domande sempre stimolanti e nel contempo al dott. Baresani Varini per la semplicità e la competenza con la quale affronta e spiega le varie problematiche. Questa è vera informazione e per i risparmiatori è molto più facile avere una visione chiara dei mercati e regolarsi di conseguenza. Un GRAZIE sincero!!!!! Piero.

    RispondiElimina
  3. In questa intervista si è anche parlato della liquidità concessa alle banche x 3 anni al tasso dell'1%; per il peso dei troppi crediti deteriorati le banche stanno tagliando fuori da nuovi finanziamenti una quota rilevante (30-40%) delle piccole/medie imprese, che sono le imprese con i rating peggiori della media.
    La conferma arriva addirittura dall'interno di una banca e la circolare è sttata "raccolta" e pubblicata da MF-Dow Jones.

    "Al momento, la nostra banca ha un eccesso di credito
    rispetto alla raccolta diretta. Lo squilibrio e' notevole e ci impone sia
    di limitare l'espansione in modo selettivo scegliendo le operazioni che ci
    interessano di piu' in termini di ritorni commerciali e reddituali sia di
    migliorare la qualita' del credito".

    Inizia cosi' un documento, di cui MF Dowjones e' entrata in possesso,che e' stato distribuito qualche giorno fa alle filiali di Unicredit per
    fornire indicazioni generali in merito all'erogazione del credito".
    http://www.milanofinanza.it/news/dettaglio_news.asp?id=201201091132081268&chkAgenzie=PMFNW

    Con questo mercato e questa predisposizione, con una crescita negativa e liquidità scarsissima si sono poste le premesse per cui molte altre imprese andranno a infrangersi sugli scogli.
    Il sistema bancario sta facendo a gara a chi esce prima dai fidi ‘pericolosi’,ma di questa gara a lasciare il cerino in mano agli altri sarebbe opportuno che prendesse atto anche il Ministro dello Sviluppo e lavorasse su qualche ammortizzatore.

    Della circolare di Unicredit non riesco a capire questa frase "Non ci sostituiamo al debito delle altre banche o al leasing".
    Perchè in tempo di crisi questa operazione diventa difficilissima?

    RispondiElimina
  4. il sistema economico è fallito x andare dietro al petrolio!LE BANCHE SONO SOLO UN MEZZO X SPREMERE IL POPOLO ! X CUI O SI VEDE COSA FARE CON IL SOSTITUIRE LA MATERIA PRIMA ? OPPURE CI ASPETTA UNA GUERRA MONDIALE CON TUTTI I RISCHI DEL CASO ESTINZIONE DI MASSA !

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".