Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

venerdì 27 gennaio 2012

Promesse sul gas, minacce sul petrolio, attese sull'oro

Il Presidente degli Stati Uniti, Barak Obama, appoggia l'uso del gas naturale come combustibile per i trasporti, è più pulito, più a buon mercato e molto più abbondante del petrolio sul territorio americano. Alcuni paesi europei potrebbero attingere alle riserve strategiche di petrolio dal prossimo luglio...
in seguito all'embargo sulle esportazioni iraniane. Il prezzo dell'oro potrebbe salire per la quarta settimana consecutiva ed allungare il migliore inizio anno degli ultimi 30 anni.

Lorenzo Paloscia - Trader e Gestore di Etruria Capital Mgmt a Chicago, Illinois: "L'eventuale divieto di importazione di petrolio dall'Iran penalizzerebbe proprio i tre paesi che sono nell'occhio del ciclone della crisi, Italia, Spagna e Grecia, significherebbe alzare il prezzo in Europa per fare un bel regalo alla Cina che se lo ritroverebbe a buon mercato".


7 commenti:

  1. è sempre un piacere ascoltare il bravo Lorenzo al quale vorrei chiedere anche come interpreta il crollo del baltic dry index e se tale indice anticipa il movimento dei prezzi delle materie prime o se non c'è correlazione.
    Grazie

    RispondiElimina
  2. Grazie Lorenzo. Sempre interessanti i tuoi aggiornamenti.

    RispondiElimina
  3. Riguardo il petrolio iraniano ci sono alcune novità interessanti. In primo luogo gli iraniani non accetteranno più i dollari americani e forse anche gli euro, prediligendo come valuta d'acquisto quella nazionale e come valute estere pregiate lo yuan e il rublo, con cui stanno fissando un concambio diretto senza passare dal dollaro americano. In secondo luogo, fatto a mio avviso emblematico e che potrebbe avere risvolti al momento difficilmente valutabili, nazioni come l'India pagheranno il petrolio iraniano in oro fisico... per approfondimenti suggerisco di visionare l'European Union Times, l'India Times e le testate giornalistiche cinesi.

    RispondiElimina
  4. Intervista interessante; non credo che, per il momento, il gas naturale inverta il trend ribassista!
    Financial Markets LAB

    RispondiElimina
  5. @Lux74 ho scritto sul BDIY un blog proprio ieri
    http://livingstone.finanza.com/2012/01/29/commodities-28-gennaio-2012-crollo-del-baltic-dry-index/

    spero che possa rispondere alla tua domanda

    @Andrea
    Non mi meraviglio che l'Iran voglia abbandonare l'euro, meno sicuro che sia in effetti interessato ad abbandonare del tutto anche il dollaro. Cmq questo articolo di zerohedge confermerebbe quello che dici, ovvero che l'Iran sarebbe intenzionato a trovare sbocchi diversi per il suo petrolio http://www.zerohedge.com/news/iran-blinks-delays-vote-european-crude-export-halt-even-us-escalates-military-developments-agai

    @Financial
    Credo che il gas avra' difficolta' a superare i 4$ - 4.5$ quest'anno ma oggettivamente non credo che possa scendere troppo sotto i 2$. L'offerta e' in effetti ancora elevata e la domanda langue, ma la stagionalita' punterebbe ad un minimo in febbraio per varie ragioni (manutenzione centrali nucleari e carbone, chiusura pozzi in anticipazione della riduzione della domanda primaverile, potenziali gelate tardive in Marzo, inizio coperture dei consumatori per la stagione estiva).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Cmq sembra che questro embargo abbia degli "esentati" in ambito europeo. Le motivazioni dell'esenzione dal rispettare l'embargo trovo che siano assolutamente opinabili...

      http://nuovediscussioni.blogspot.com/2012/01/londra-e-parigi-decidono-che-sara-roma.html

      Elimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".