Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

venerdì 20 gennaio 2012

Le alternative del diavolo

Il governo di Mario Monti è pronto a passare un piano finalizzato a sostenere la concorrenza e la crescita economica liberalizzando le corporazioni professionali, alcune delle quali risalgono all'era fascista. I governi europei preparano regole più dure sui deficit di bilancio nell'ultima bozza di un trattato...
fiscale che include alcune delle obiezioni della Banca centrale europea. I politici greci e i creditori privati sono al terzo giorno di trattative per trovare un accordo definitivo sulla ristrutturazione del debito.

Maurizio Piglia - Direttore investimenti della banca Savings & investments a Auckland, Nuova Zelanda: "Non c'è nessuna democrazia nell'Europa di adesso, l'euro da solo non doveva neanche cominciare, la Commissione europea deve essere eletta dai cittadini e l'imposizione fiscale guidata a livello centrale".

- Risposta a Gigi: "Tra pochi mesi avremo perso gran parte dei nostri risparmi e saremo sotto legge marziale?".


42 commenti:

  1. Grazie per tutti i video, ma un grazie più sentito degli altri per questo in particolare.

    Monti "non ha una maggioranza in Parlamento, quindi deve fare quello che può". Questo è il punto, qua Piglia comincia davvero bene.

    "La gente è contenta di ulteriori austerità fiscali?", poi domanda.

    Ricordo che qua in Italia, fino a ieri, si diceva che "le tasse sono una cosa bellissima" e chi osava sostenere il contrario veniva tacciato di parassitismo sociale, con tanto di spot tv.
    Non solo! Ancora oggi si invoca spesa pubblica e probabilmente chi lo fa, nemmeno si pone la domanda di come finanziarla.

    Luciano ha detto una cosa che, purtroppo, nessuno dei suoi ospiti ha mai detto: ci sono tempi storici, degli scalini per arrivare a un traguardo del genere.

    Ci sono ingiustizie e iniquità da accettare.

    Spunto di riflessione per chi ha sempre la parola "democrazia" in bocca: quella moderna europea, non si è forse affermata a partire dalla rivoluzione francese, con tanto tanto sangue, con tanti tanti sbagli, arrivando al suffragio universale dopo tanto tanto tempo?

    Da un mesetto a questa parte sento e leggo commenti sul governo Monti, che sembrano essere appena pronunciate dai Chicago boys. Dove eravate quando questo Stato produceva debito pubblico e ingessava l'economia mettendola nelle mani degli amministratori locali?

    Riconoscere a Monti che sta facendo quello che può e che, sicuramente, qua in Italia nessuno ha mai fatto prima, non significa sposarselo a vita. Mi sembra un semplice e umile atto di realismo.

    Vi siete già dimenticati di come si stava solo un mese fa? Di chi c'era prima?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non ci siamo dimenticati di come si stava prima e siccome voglio un'Italia che funzioni ho terrore che nel 2013 si ritorna a sentire litigi su litigi senza mai concludere niente per il nostro paese.
      A me non interessa lo spread o le agenzie di rating, mi interessano i fatti e questo(Monti)in 2 mesi si sta muovendo nella direzione giusta.
      Ma che stesse 4 anni!

      Elimina
    2. Alberto, nessuno vuole più tasse. I cittadini finanziatori dello Stato, vogliono che le tasse che pagano vengano gestite nell’interesse pubblico. Il problema non sono i soldi che mancano allo Stato, visto che con tasse dirette ed indirette ogni cittadino è messo peggio di un mezzadro,visto che ai tempi il capitale lo metteva il proprietario, mentre lo Stato non mette niente. In Italia le tasse non solo superano la metà del reddito, ma viene tassato anche il bene patrimoniale che serve a produrre reddito sia come coefficiente di tassazione, sia come IMU, che come reddito catastale, sia come reddito presunto . A questo vanno aggiunte tutte le tasse indirette come IVA, accise varie, e balzelli regionali e provinciali, come passi carrabili, o tasse di bonifica ed altre amenità. Lo Stato questi soldi li sperpera, utilizzando in modo perfettamente bipartisan, i soldi pubblici per consensi elettorali, sprechi, enti inutili, corruzioni, cricche, sistemi gelatinosi di varia specie e natura, o per creare posti di lavoro (inutili) in cambio di voti. Per questo perplime che “gli imparati” messi al Governo, abbiano alzato le tasse e non rivisto la gestione della spesa pubblica. Le persone non vogliono la cassa integrazione, ma vogliono lavorare, e vogliono che lo Stato crei le condizioni affinchè le imprese possano investire creando lavoro. Non credo che mettere banchieri, abituati a creare ricchezza con investimenti paragonabili ormai alle bische clandestine, e mettere il popolo in mutande per garantire le perdite delle banche (ovvero di imprese private) con i soldi dello Stato, questo non per salvare l’Italia, ma l’Euro, ovvero una moneta privata gestita da una associazione di banchieri con compasso in mano e l’idea di Governance globale, dove i global commons, sono la loro carta magica, anzi nemmeno vogliono più le spese della carta, in un’economia virtuale vogliono moneta virtuale, garantita dai fessi che il reddito lo devono fare dall’economia reale, e con la parola magica….credibiità-.
      I vari capi europei , come Van Rompuy, che insieme alla BCE dettano le austerità ai vari Stati, non sono stati eletti….percio’ nessuno dovrebbe togliersi il pane di bocca per rispettare i loro dictat. Come dicevano gli americani agli inglesi “"No taxation without representation", ed hanno fatto pure una rivoluzione per affermare questo. Non è legittimo nemmeno Monti, visto che non una delle persone in Parlamento è stata scelta dal popolo sovrano percio’ quel Parlamento non rappresenta proprio nessuno se non sé stesso e la cricca intorno.
      Monti non ha fatto nulla di quello che andava fatto. Ovvero detassare e riformare la Giustizia e la Legge elettorale e rivedere gli sprechi nella pesa pubblica. Creare una legge per rendere imprescrivibile il reato di corruzione e concussione. Monti è un massone e nessun massone dovrebbe gestire la cosa pubblica se si vuole veramente una gestione onesta e democratica, nell’interesse di tutti e non solo delle lobby se non si vuole andare a passo di corsa al medioevo prossimo venturo.
      A proposito di “ Vi siete ricordati di chi c’era un mesa fa” ? http://www.youtube.com/watch?v=n9lHaMVnPCs

      Elimina
    3. Cara Neriana, fai degli ottimi interventi e riflessioni che leggo volentieri; ma quando secondo me ti attacchi a "principi utopistici" non ci siamo, cioè quando non vuoi vedere com'è la real politik.
      Quando dici quello che dovrebbe fare Monti cioè detassare e riformare la Giustizia e Legge elettorale... è tutto molto giusto ma lo sai benissimo che queste deve porle a giudizio di un Parlamento non rinnovato come noi vorremmo, ma con quello della Lega, con quello del Pdl dei Cosentino eccetera, è questo Parlamento non scordiamocelo. Si sarebbe dovuti andare a nuove elezioni? e con questa legge cosa ne sarebbe riuscito? e con questa concentrazione di potere, senza un conflitto di interessi, in mano a una sola persona? e poi in questa situazione di stallo e di pressione nell'Europa con terremoto con epicentro Italia?
      Dobbiamo essere un pò realisti secondo me, comunque tutto quello che dici sullo sperpero dello Stato, sull'Euro che serve a salvare le Banche... tutto molto giusto.
      Anche la Governance, hai ragione... ma tu lo sai cosa ha detto Monti al Financial Time l'altro ieri, l'unico Primo Ministro d'Europa? ”L’Italia non chiede nulla a nessuno, nemmeno alla Germania, ma va migliorata la governance dell’Eurozona, che non è adeguata alla sfida”.
      Beh è l’unico Primo Ministro d’Europa che dice che l’indirizzo del “direttorio” europeo, vedi Merkl e Sarkozy, non è all’altezza della situazione!
      Notevole, non credi?
      ps guardatevi questo se non è attualissimo: http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=GTYb2bo4GnA

      Hans Castorp

      Elimina
    4. Neriana, "Non una delle persone in Parlamento è stata scelta dal popolo". Questa è una delle cose che sento più spesso ripetere e mi lascia incredulo. Forse il senso era dire "Governo", perché il Parlamento è quello eletto nelle politiche del 2008. Ma anche intendendo "Governo", quale "Governo" è mai stato scelto dal popolo? Eleggiamo i rappresentanti alla Camera e al Senato, i quali voteranno la fiducia all'esecutivo. E nessuno degli eletti è vincolato a votare per l'intero mandato la fiducia al partito con cui è stato eletto, tant'è che quasi tutte le legislature hanno visto succedersi due o più esecutivi diversi.

      E' sempre stato così, ma solo ora diventa un attentato alla democrazia. La stragrande maggioranza degli italiani ha sempre avuto i governi che meritava e sono sicurissimo che presto tornerà ad averlo.

      E' assai debole la pretesa che vedrebbe sufficiente un colpo di bacchetta per trasformare l'Italia, da quello che è (la cristallizzazione della corte di Maria Antonietta, dove al posto dei parrucconi abbiamo dipendenti pubblici in sovrannumero, lavoratori protetti dall'art.18 che non è affatto detto che siano più meritevoli di chi protetto non è, pensionati sessantenni, "professionisti" garantiti da albi, autonomi che operano in regime di oligopolio) a quello che mi piacerebbe che fosse, cioè una società dall'elevatissima mobilità sociale, in cui ogni individuo è responsabile di ciò che fa senza protettori e senza protezioni, in perenne e quotidiana costruzione della propria vita.

      Da quando è arrivato Monti, la scuola austriaca ha visto impennare il numero di adesioni. Me ne rallegro e mi auguro che tale numero non diminuisca quando se ne andrà, ma temo che assisterò a una ripida flessione.

      A Monti viene rimproverato di non aver scelto la vendita del patrimonio pubblico, anziché tassare. Boom! E perché non vendere la fontana di Trevi ai turisti americani, come faceva Totò?

      A questo link http://www.lavoce.info/articoli/pagina1002650.html si trova qualche spunto per riflettere sull'insensatezza di quello che viene spacciato per essere un dato certo.

      L'obiezione di Luciano secondo la quale serve tempo per togliere le incrostazioni, dovrebbe essere accolta come un'immensa banalità. Tutto, invece, lascia pensare che non sia un dato acquisito dalla sensibilità comune. Ed è preoccupante.

      Da noi vince chi polemizza di più, chi gioca più sporco, chi preferisce far notare la pecca senza nemmeno citare il progresso. Fa più fico ed è un modo collaudatissimo per farsi notare e rimettere in pista ex-comici, ex-magistrati, imprenditori con problemi con la giustizia e tanti altri ancora.

      E' invece polveroso e si presta più facilmente alla derisione chi guarda la realtà per quello che è, cercando di costruire un nesso di causalità con le ragioni che l'hanno originata, fissare un obiettivo, stabilire dei passi che permettano di raggiungerlo, verificarli, il tutto prestando attenzione ad evitare rivolte di piazza o tranelli di palazzo.

      Diciamo le cose come stanno: quelli che erano in odore di pensionamento sono incazzati come delle iene, quelli che fino a un mese fa pensavano di trascinarsi per tutta la vita nel tran-tran dello stesso lavoro a cui non tengono se non per lo stipendio si stanno innervosendo, tutti gli altri beneficiari di prebende e rendite di posizione avvertono un attentato alla democrazia. Questo è il motivo per cui Monti è diventato da eroe castiga-Gates a fantoccio dei poteri forti.

      Elimina
    5. @Hans: il video e il discorso sono molto divertenti. Ma siamo così sicuri che, cinquant'anni dopo quel video, anche la figura del proprio pari come "rappresentante" non abbia mostrato più di un limite?

      La Lega è formata proprio da topolini. I movimenti populisti di mezza europa sono composti da cittadini "normali", non accademici. Anche una come la Palin, potrebbe essere scambiata per una topolina.

      Un grosso problema che vedo è che nelle forme di governo della società, così come in altri settori (l'istruzione, ad esempio), non abbiamo fatto un solo passo in avanti rispetto al pensiero di più di duecento anni fa. Pensiamo ancora a società composte da classi, anziché da individui.

      Elimina
    6. Caro Hans, sarà che sono affascinata dal "DR.Quantum" e dall'elettrone che va dove pensi che vada, in quel misterioo mondo quantico. Ora sono certa che se si crede davvero in una cosa, questa avviene, semplicemente perchè la generi o meglio generi la possibilità che questa cosa accada. Io penso fortemente che questo inganno globale deve cessare e cesserà , per ritornare ad una economia a misura d'uomo e non a misura di oligarga e accoliti. Insomma " No pasaran"

      http://www.youtube.com/watch?v=nKDC9g0YgYk
      Ringrazio sinceramente il sig. Luciano per la pazienza a questo post, non propriamente da trader : )

      Elimina
    7. Luciano ci scuserà, credo, poi a mercati chiusi...

      Lo SPERO anch'io Neriana. La tua energia è notevole.

      ps. l'esperimento del "Dr.Quantum" credo si chiami "il principio del non-localismo" accertati da Alain Aspect nell'82. Rappresenta una delle tappe più sconvolgenti della scienza.
      Hans Castorp

      Elimina
    8. Anch'io sono ammirato dal pensiero di Neriana, ma aggiungo che la scienza quantistica del pensiero che si traduce in realtà necessità socialmente e politicamente per realizzare cambiamenti (sogni?) di una massa critica, che non è facile preventivare in che percentuale debba essere, può essere anche minima, ma deve esserci, una sorta di contagio positivo che orienta l'atteggiamento, motivazioni e prospettive in una certa direzione. In Italia è piuttosto difficile che avvenga tra gli homo videns demens che hanno preso il sopravvento ed occupano tutti i gangli istituzionali

      Elimina
  2. Giusto per parlare di parlamentari europei non eletti e visto che questo è un canale di economia, mi sembra che l'italia sia molto ben rappresentata sul fronte di politiche monetarie ed economia in generale.
    Chi se non la famosa conduttrice di Ok il prezzo è giusto poteva non esserci.... la grande Iva Zanicchi...

    Per incitarla a fare del suo meglio, ora tutti in coro e applaudendo gridiamo:"Cento, cento, cento....olè"

    Scusate ma era più forte di me.

    Siete comunque dei grandi, continuate così....

    RispondiElimina
  3. forse troverai questo sarcastico ma è realistico, la gente in Italia sta oggi esattamente come stava 1 o 2 fa. Intendiamoci, non sono berlusconiano e non intendo difenderlo ma dire come hai fatto tu che nell'ultimo mese stiamo meglio perchè c'è Monti è una favoletta.

    RispondiElimina
  4. Nessuno si è dimenticato di chi c'era prima, infatti son ancora lì tutti in parlamento e se guardi la tv -io per fortuna non lo faccio- ci sono sempre le stesse facce...qualche volto nuovo però c'è, qualcuno che manovrava nell'ombra e che è uno dei responsabili dello stato di cose attuale, leggi "banchieri tecnocrati", che son stati messi alle cariche più alte del governo non solo in Italia ma un pò qua e là in tutta Europa. E son quelli che bastonano i pensionati, ma non toccano la casta. Tutte le "incredibili" manovre di Monti non ce le sognavamo minimamente, ma nemmeno nei nostri peggiori incubi! Non avevamo bisogno di un altro mentecatto che si bagna la bocca con parole come "equità", etc...
    Nessuno ha eletto questi strozzini, e nessuno li vuole. Il buonismo a forza non salverà l'Italia: è vero!
    L' Europa è una bell'idea di cui ci si può di sicuro innamorare ma imporre un' idea è profondamente sbagliato ed ha portato sempre a gravi conseguenze. Dice bene Piglia: non c'è nessun eurocrate eletto, nemmeno uno!

    RispondiElimina
  5. Compiti a casa: scrivere cento volte "Forse non tutti sanno che Draghi e Monti sono uomini di Goldman Sachs"

    Mi raccomando, è importante! Ci vuole qualcuno che faccia informazione vera e, soprattutto, di sostanza.

    Comunque tranquilli, che presto torneranno gli eletti e assieme a loro la democrazia. Non ne posso più di vedere questi gendarmi che fanno su e giù sotto la mia finestra, al passo dell'oca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che quando ci sarà la prossima manovrina "equa" di Monti e si dirà che causa recessione è divenuta necessaria tu ti possa altrettanto compiacere... allora spero che invece dei gendarmi sotto casa tua scorra un fiume di italiani che vuol cambiare le cose davvero. Finchè non ci sarà la coscienza di volere cambiare ritorneremo alla democrazia del cavalier banana e degli altri coattori che popolano il parlamento. Ripeto: le idee non si possono imporre e tantomeno a suon di austerity.
      ps: non vedo cosa c'entri Goldman Sachs, i tuoi compitini a casa e il giudizio sulla sostanza...probabilmente credi chi non la pensa come te o è complottista o è un'inetto. Fondamentale per avere un confronto, ahah :)

      Elimina
  6. da quando seguo v caro piglia da lei o sempre sentito catastrofi basta i soldi si fanno con i mercati sara sempre cosi flavio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maurizio Piglia23 gennaio 2012 04:08

      Mi spiace deluderti..forse non te ne eri accorto, ma il mercato e' un classico gioco a somma zero, per ognuno che vince, simmetricamente qualcuno perde....

      I soldi non si "fanno".

      Ti auguro di essere tra quelli che vincono, ma statisticamente....quelli che vincono per lunghi periodi sono pochini.

      E vai pure a rivedere i video precedenti...una buona parte delle "catastrofi" sono cronaca...adesso.

      Elimina
    2. Borsa .... Somma Zero??? Ma e' d'accordo chi ti ha assunto come gestore, e i clienti? Boh forse non ho capito bene? Ciao Maurizio da Santiago Cile, ti guardo sempre, ti apprezzo molto, sei fikissimo mi fai sempre fare un paio di risate di gusto.....

      Elimina
    3. Forse per un dilettante e' somma zero! Giusto?

      Elimina
    4. Maurizio Piglia25 gennaio 2012 14:12

      Cosa ci fai in Cile, vecchio vagabondo?? sei in vacanza?? o lavori anche li? quando capiti qui?

      Lo sai bene che il solo fatto che si possa dividere in dilettanti e professionisti ne fa un gioco a somma zero...nel senso che i dilettanti forniscono quel che i professionisti sono pagati per estrarre, ma anche li', i Peter Lynch sono un'eccezione felice...Buon viaggio!

      Elimina
    5. Hey, Murizio questo sarebbe un bel contraddittorio far me e te su VLOGANZA ? Stravincerei io!

      Elimina
    6. Maurizio Piglia31 gennaio 2012 05:14

      E' chiaro che stravinceresti tu!
      Tu sei per "le magnifiche sorti e progressive"...a me tocca la parte dell'Avvocato del Diavolo!!

      Elimina
  7. Attenzione,,,,,solo per dirlo che da ieri il contatore del debito pubblico italiano ,e' ripreso a salire di circa 25000 euro ogni tre secondi
    Gran brutto segno,oppure qualche conto ce lo dicono taroccato
    Saluti vivissimi
    Ivano

    RispondiElimina
  8. Interessante, ma il giornalista parla troppo. Lasciate parlare di più Pigla che è veramente forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maurizio Piglia23 gennaio 2012 04:04

      Serve il contraddittorio...da solo divento noioso!
      Un saluto

      Elimina
  9. Quello che sta facendo il Governo Monti si sarebbe dovuto attuare decenni fa; siamo dovuto arrivare sull'orlo del baratro per attuare unan serie di misure che i governi passati non sono stati capaci di fare in decenni. Ma chi voterà alle prossime elezioni per questa classe politica? La questione non è solamente quella di una nuova legge elettorale ma anche la possibilità di spazzare via tutta la vecchia nomenklatura di incapaci!
    Financial Markets LAB

    RispondiElimina
  10. Alberto,non una delle persone in Parlamento è stata scelta dal popolo, in quanto le persone elette sono state scelte dai partiti. Il popolo ha solo messo una X al partito. Paradossalmente le persone nominate dal partito,possono migrare in altri partiti, senza obbligo di dimissioni, stravolgendo de profundis la residua volontà popolare. In poche parole il politico non deve nemmeno sorridere all’elettore, viene nominato dal partito. Paradossale che un elettore del PD si trova Calearo o la Binetti o uno del PDL si ritrova Scillipoti o una cima come Antonio Razzi.
    ( Aggiungo che non amo la democrazia,anzi , alla Gaber potrei dire che mi irrita http://www.youtube.com/watch?v=bSrnnU8j9oc )
    Io non credo che sia sana l’elevatissima mobilità sociale, in quanto le persone hanno bisogno di certezze non granitiche, ma accettabili per potere programmare la propria vita. Un posto di lavoro tranquillo permette di investire su casa, famiglia, figli e di dare alla persona un senso di stabilità che crea appunto appartenenza, ad una città, ad una comunità, ad un Patria. L’alta mobilità al contrario crea incertezza, insicurezza individuale ed economica, ma soprattutto senso di non appartenenza oltre ad una impossibilità di investimento. Concordo con lei che l’art. 18 è un crimine. Tutti devono essere assunti a tempo indeterminato e tutti devono essere licenziabili, ovviamente tranne i lavori stagionali o realmente a progetto. La perenne e quotidiana costruzione della propria vita,non è per tutti, non tutti sono animali alfa, chi è portato, già lo fa. Interessante un saggio di Richard Sennett ( The corrosion of character ) dove si analizzano i danni dell’alta flessibilità. Penso che molte persone vorrebbero vivere come i Simpson, con il giardinetto, la tagliaerba, la lite col vicino, la birra al bar.
    Per quanto riguarda i beni pubblici, io non sono affatto d’accordo sulla vendita, si figuri che ero contraria anche alla vendita dell’IRI, in quanto una comunità di persone, che formano uno Stato, possono essere legate se hanno beni pubblici in comune. Sottointeso che i beni pubblici dovrebbero essere gestiti con dovizia e managerialità, in poche parole, con onestà.
    Non posso stimare una persona che ha detto questo :
    http://www.youtube.com/watch?v=wifCgI4gagM
    o questo
    http://www.youtube.com/watch?v=Rxab33fRl9E
    Non amo chi pensa Ordo ab Chao, a costo di mettere intere popolazioni sotto scacco, in nome di un NWO, o di Governance verticiste.

    RispondiElimina
  11. Immenso Maurizio, come sempre, mi sa tanto che ti raggiungerò in New Zeland very soon :)
    Pierantonio Fabrizio Maria

    RispondiElimina
  12. Alberto,
    quando lasci da parte il "diamo tutto ai privati ad ogni costo" guadagni in autorevolezza. Personalmente trovo difficile una solida critica a quanto scrivi.

    Neriana,
    cosa e perché esattamente non ti piace del primo video di Monti, a parte il titolo da quotidiano nazionale? Il secondo video non mi sembra affidabile.
    Monti dice: "Non dobbiamo sorprenderci che l'Europa abbia bisogno di gravi crisi per fare passi avanti che sono per definizione cessioni di parti di sovranità nazionali a livello comunitario, il potere politico ma anche il senso di appartenenza dei cittadini ad una collettività nazionale possono essere pronti a queste cessioni solo quando il costo psicologico e politico del non farle diventa superiore al costo del farlo perché c'è una crisi in atto".

    Marco Avignano,
    per quanto l'organizzazione dell'Europa possa essere imperfetta ricordo che le elezioni per il parlamento europeo si sono tenute il 4 e il 7 giugno 2009 nei 27 stati membri dell'Unione per 736 parlamentari.

    Hans Castorp,
    se c'è una cosa sulla quale possiamo forse essere tutti d'accordo è che questa è una crisi della politica, particolarmente evidente in Italia, i commenti delle persone sono più appropriati di quelli dei traders e affini.

    Alessandro Venturi,
    che l'Italia in circa due mesi abbia riconquistato una qualche affidabilità e che il governo abbia avviato un piano contro i privilegi della casta sono dati di fatto, magari possiamo aspettare un po' più a lungo e vedere che succede prima di dare del mentecatto a Monti.

    Ivano,
    gli ultimi dati sul debito pubblico della Banca d'Italia sono quelli del 16 gennaio riferiti a novembre: debito pubblico, sceso a 1.905,012 miliardi di euro, rispetto ai 1.909,1 di ottobre.

    Immagino abbiate letto il VlogaQuote di Cipolla, non è sufficiente per almeno suggerire un modo di pensare basato su autocritica, priorità e modestia?

    Grazie a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maurizio Piglia23 gennaio 2012 04:28

      Il Parlamento Europeo e' eletto, si..ma non promulga i regolamenti europei, ne' elegge la Commissione Europea, de facto il Governo d'Europa.

      Inoltre, sono d'accordo che l'Italia abbia riguadagnato una parziale fiducia, ma dissento vivacemente dal fatto che Monti si sia mosso contro i privilegi della casta, corruzione e ruberie di funzionari pubblici.
      Questa mancata azione e' quello che costituisce il suo maggior sbilancio, a mio parere.
      Forse perche' e' ostaggio di un Parlamento che non rappresenta piu' la nazione, che si abbarbica al potere rifiutando le elezioni, ma che comunque ha messo in atto un sistema elettorale truffaldino.E' assolutamente vero che in Italia il popolo non sceglie piu' i parlamentari, ma e' costretto a dare assegni in bianco a partiti che tutto hanno in mente,fuorche' il bene della Nazione.
      Monti ha avuto coraggio...a meta', e' stato forte coi deboli...ci faccia vedere che e' forte coi forti. Il Paese dietro ce l'ha, usi l'opinione pubblica e agisca , deciso, contro la Casta.
      A qualunque costo.

      Il Paese reale lo seguira'.

      Elimina
    2. Maurizio Piglia
      Purtroppo secondo me Monti è costretto a dare un colpo al cerchio e uno alla botte.
      Io dico Santo lo SPREAD alto, meglio al 5 o 6%, perchè senza quella clava, senza la paura di essere oramai sul precipizio, le cose che dovremo fare noi Italiani rimandiamo a farle, solo con quello Monti può far passare cose che questo Parlamento non accetterebbe, a cominciare come dici te da loro.
      Ho visto l'intervista che l'Annunziata gli ha fatto ieri e devo dire che mi è piaciuto. Sembrerebbe che non sia così neo-liberista come magari si dice.
      Ho visto anche lo scandalo di cui parli di Fonsai-Unipol, che non si legge in giro...ma tutte queste Autority che fanno nessuna che interviene?
      Saluti
      Hans Castorp

      Elimina
  13. Monti avrebbe toccato la Casta ops Cosca ?

    Cavoli e quando, dove, mi dite che cotrollo ?

    Grazie.

    Davide

    RispondiElimina
  14. Sig.Luciano, le cessioni di Sovranità, rendono sempre meno praticabile il controllo dei cittadini sul loro territorio. I paesi più democratici sono quelli piccoli, vedi Svizzera,Finalndia,Svezia,Norvegia, Islanda ecc. Cedere sovranità significa rinunicare alla democrazia ed al senso di cittadinanza per far vincere quel modello socio/economico lobbistico. Abbiamo già perso identità a Sentinum contro modelli sociali verticisti, non possiamo più permetterci di lasciare vincere il verticismo.

    RispondiElimina
  15. Gianluca Braguzzi23 gennaio 2012 09:29

    Due sole cose:
    Grande Neriana ormai privatizzazioni e liberalizzazioni sono stonate e fuori tempo visti gli esiti di liberismo deregulation eccetera.
    Monti fa parte di una casta sopra la casta caratterizzata dalle stesse caratteristiche di privilegio.

    RispondiElimina
  16. Maurizio Piglia23 gennaio 2012 16:02

    "Quando si chiedono sacrifici alla gente che lavora ci vuole un grande consenso, una grande credibilità politica e la capacità di colpire esosi e intollerabili privilegi. Se questi elementi non ci sono, l’operazione non può riuscire.“
    (Enrico Berlinguer, dall'Intervista sulla Questione Morale, Eugenio Scalfari, 28 luglio 1981)

    Semplice, preciso, senza equivoci...come tutto di quest'uomo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La democrazia è due lupi e un agnello che votano su cosa mangiare a colazione. La libertà un agnello bene armato che contesta il voto."

      Benjamin Franklin, un genio

      Elimina
    2. Computer,globalizzazione,moneta unica: la classe operaia ci ha guadagnato qualcosa?

      Elimina
  17. Maurizio Piglia23 gennaio 2012 16:37

    Monti sara' credibile quando operazioni come FonSai/Unipol, condotta da autentici banditi, tutti individuabili con nome e cognome, e in spregio a ogni decenza e regolamento, saranno soggetti a sommaria e veloce giustizia , tale e quale quella servita con solerzia a pensionati e proprietari della casa in cui vivono.

    Quando i banditi che siedono in Mediobanca e rovinano da decenni qualsiasi iniziativa di imprenditoria sana e produttiva col concetto dei "salotti buoni", che permettono l'ascesa di figure come Raul Gardini, passato alla Storia perche suo suocero Serafino Ferruzzi gli lascio' un impero con 1,000 Miliardi liquidi e lui si suicido' lasciando 10,000 (e piu') miliardi di debiti e piu' nessuna traccia di Montedison, quando quegli stessi banditi saranno nel mirino per operazioni come FonSai Unipol come i tassisti e i farmacisti sono nel mirino adesso....allora credero' che un cambiamento, anche epocale, sia vicino, allora daro' credito e tempo all'agente del cambiamento.

    Altrimenti non c'e' nulla di piu' facile per il potere che sostituire un suo servo ormai impresentabile, con un altro servo del potere ancora decentemente presentabile.

    Per ora , Monti e' solo un altro servo del potere, un altro volto in quella fila di servi del potere, interrotta quasi mai e solo casualmente da uomini di valore eliminati in fretta, che e' la Storia della disastrata Repubblica Italiana..e forse dell'umanita' intera.
    Giudicato dalle sue azioni e quelle dei suoi, a tutt'oggi.

    Saro' il primo ad essere felice di essermi sbagliato e fare pubblica ammenda...quando vedro' le sue azioni che mi dimostrano che, almeno per lui, La Legge e' Uguale per Tutti.

    Ma se la Legge e' sempre e solo lo strumento della solita oppressione, anche per il Prof. Monti...allora Sic Semper Tirannis, anche per l'ultimo servo del potere.

    RispondiElimina
  18. @Maurizio piglia
    Monti un servo del potere? Ma per cortesia smettiamola di fare DIETROLOGIA!
    Financial Markets LAB

    RispondiElimina
  19. @ Maurizio Piglia, hai ragione. Ma non vedo Monti come un servo del potere. Passera magari un furbo che ha sfruttato conflitti in varie opportunita'... Eppoi non solo SAI Unipol ma BPM. Ma Alitalia? BPM Incomprensibile per chi guarda dall'estero, perpetuano il gruppo che ha distrutto valore. Come e' possibile che uno come Ligresti sia stato al timone di una societa' quotata? O Callisto Tanzi e compagnia bella.

    Se L'Italia si continua come nei ultimi 25 anni, il risultato e' la rottura del paese, e' l'uscita dell'Euro. Questo portera' ad ulteriore riduzione nella democrazia del quel rimane nel paese.

    Speraimo che Monti abbia "los Huevos" per chiedere il conto a chi ha abusato dei propri privilegi. Non solo Mediobanca, ma Notai, grtauppi monopolistici, Intesa Sa Paolo, Unicredit [per favore basta con la difesa della "Banca Universale"] Edison ENEL ENI etc.... La mezzadria e' stata abolita. Cosi i privilegi delle caste che non vivono del loro lavoro ma da posizioni di monopolio.

    RispondiElimina
  20. Bello questo tuo intervento Maurizio. Ma Monti non e' un servo. Alcuni dei suoi ministri odorano molto di "Conflitto di Interesse." Si L'Italia d'oggi e come durante la mezzadria. Le riforme servono. Come per la Mezzadria. E la democrazia andra nello scarico dello sciaqquone se si esce dall'Euro. L'Italia si spacca.

    RispondiElimina
  21. @ Maurizio... Vorrei chiarire questo tuo commento:

    Il differenziale della produttivita' di paesi [PIIGS] deve essere ammortizzato dal differenziale nel cambio.

    L'Euro qed, non ha permesso questo. L'Euro aggiungo io, ha portato ad un enorme surplus in Germania.

    La soluzione per me, e' il riciclo di questo surplus nei PIIGS. Semplice. Dalla Germania ai paesi che hanno bisogno di investimento. Questo in teoria... In pratica, come dici ci sono mille ostacoli, imposizione fiscale centrale... Ma alla fine vanno anche armonizzati standards di governance. Quelli Greci e Italiani non sono accettabili. E qui casca l'asino. Democraticamente questo sara' dura....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maurizio Piglia31 gennaio 2012 05:18

      L'ipotesi e' plausibile Phil...ma vedi che la Germania in primis non sembra interessata a dividere niente, ma a continuare posizioni di rendita...sue. Senza dividere con nessuno...
      Si, sara' dura..durissima.

      Elimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".