Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

venerdì 30 dicembre 2011

Saluti al nuovo anno e a un'altra occasione per farla giusta

Avvenimenti eccezionali hanno caratterizzato l'anno che sta per finire dal terremoto in Giappone al contagio della crisi del debito dell'Italia con la caduta di Silvio Berlusconi e la nomina di un governo tecnico, dalla perdita della massima valutazione creditizia degli Stati Uniti alla nascita di Occupy Wall Street...
dalla primavera araba con la morte del dittatore libico Gheddafi all'uccisione del capo di al-Qaida Osama Bin Laden e alla scomparsa del genio della tecnologia Steve Jobs, dalla debolezza delle economie occidentali al rafforzamento dei mercati emergenti.

Maurizio Piglia - Direttore investimenti della banca Savings & Investments a Auckland, Nuova Zelanda: "In cinese che tu possa vivere in tempi interessanti è una maledizione non è un augurio, il 2011 è stato un anno interessante, l'unica cosa che potrebbe rendere il 2012 più interessante è che i Maya avessero ragione a dire che con il 21 dicembre 2012 abbiamo chiuso".


28 commenti:

  1. Grazie ancora una volta a Maurizio Piglia per le sue lucide e sempre nitide considerazioni.
    Grazie ancora a Luciano Giovannetti per regalarci questi rari momenti di vera informazione in un mondo dove i mass media sono spesso teleguidati dall'alto, contribuendo alla drammatica "narcotizzazione" degli italiani.
    Auguro a tutti quanti un buon 2012 (Che ne abbiamo bisogno...)
    Mauro A.

    RispondiElimina
  2. Sta finendo questo 2011, anno che verrà ricordato non solo per la crisi delle banche e dell’euro e di un sistema capitalista basato sulla crescita e sulle leve criminose della finanza e su questo finto liberismo che ruba ai poveri per salvare i banchieri. Quest’anno ha pero’ aperto gli occhi su fatti importanti.
    1) E’crollato l’assioma che gli Stati occidentali non possono fallire
    2) E’ crollato l’assioma che il nucleare se fatto in Giappone è certamente sicuro
    3) E’ crollato l’assioma che gli aiuti dell’FMI vanno solo al III mondo ( o meglio, il terzo mondo sta diventando l’occidente)
    4) E’ crollato l’assioma che puo’ esistere la crescita infinita
    5) E’crollato l’assioma che gli USA sono democratici e che Obama è una “brava persona”
    Oltre a questi fondamentali è bello pensare che ‘FMI si è rivolto ai paesi emersi del sud America per chiedere fondi. E’ bello pensare che l’India ha diminuito la miseria. E’ bello pensare che forse si è vicini alla fusione fredda, facendo chiudere quest’era del petrolio e delle guerre per il petrolio. Se non altro si è capito l’importanza di diversificare e di risparmiare energia per produrre in modo ecologico e competitivo. E’ bello pensare che gli sprechi sono visti ormai come offese a tutta l’umanità.
    Non m’intendo di astrologia, ma se l’era dei pesci e dell’economia cristianista è alla fine, forse non è poi un male. Ci si augura che i paesi emergenti, vista la fine del’occidente siano piu lungimiranti nel programmare a lungo termine economie e produzioni.
    L’Italia ha imboccato la strada volontaria e caparbia della recessione, dopo avere imboccato per un ventennio la strada del vippismo granfratelliano , e si è passati dai baccanali del berlusconismo ai baccanali dei banchieri montiani . Un giro fraterno di poteri con scambio di grembiuli e grembiulini. Niente di nuovo sotto al sole che resta in tasca a quelli di sempre, mentre piove sugl’altri.
    Economicamente , moralmente e socialmente parlando, è una fortuna non avere radici come gli alberi e tutti dovrebbero lasciare il paese, lasciando ai soli vecchi che imperano in Italia a baloccarsi fra di loro nella loro imperitura ed inamovibile casta che dovrebbe trasformarsi in pensionato. Neriana

    RispondiElimina
  3. sulla bozza del decreto mille proroghe 2012, discussa nel Consiglio dei Ministri lo scorso 23 dicembre, tra le altre cose, all’art. 48 che riguarda la proroga della partecipazione dell’Italia ai programmi del fondo monetario internazionale per fronteggiare la crisi finanziaria tramite la stipula di un accordo di prestito bilaterale.



    In sostanza, lo Stato autorizza la Banca d’Italia a trattare con il FMI per chiudere un accordo di prestito di ben 23 miliardi e 480 milioni di euro, soldi che la Banca d’Italia presterà al FMI a fronte di una garanzia prestata dallo Stato concernente il rimborso del capitale, il pagamento degli interessi e la copertura del rischio di cambio. Nello stesso articolo è autorizzata l’eventuale confluenza di questo importo in uno strumento denominato NAB che è uno strumento per la salvaguardia dei paesi in difficoltà finanziaria a cui aderiscono anche paesi extra UE. Nella relazione tecnica allegata, viene specificato che il contributo del 23 miliardi e 480 milioni di euro è a carico della Banca d’Italia e quindi non graverà sul bilancio dello Stato, ma, è altresì specificato, che sarà necessario prevedere l’attivazione in favore di Banca d’Italia della garanzia dello Stato a fronte dell’impegno assunto in sede internazionale. In definitiva la Banca d’Italia dovrà essere preventivamente essere autorizzata dallo Stato a stipulare l’accordo con il FMI, e, tale accordo, diventerà esecutivo, solo dopo che sarà stata concessa la garanzia dello Stato. Inoltre, l’estensore della relazione tecnica a corredo della bozza del decreto, aggiunge che, è da ritenere che dagli obblighi assunti dallo Stato, quale garante della restituzione del prestito, non dovrebbero derivare (è scritto proprio con formula dubitativa) effetti negativi, considerando che il rischio di insolvibilità del FMI è pressoché nullo. Pertanto gli unici esborsi eventuali che andrebbero a gravare sul bilancio dello Stato potrebbero derivare da rischi connessi agli interessi e alla variabile cambio.



    L’aspetto più curioso della faccenda è che la Banca d’Italia ( la banca è partecipata da banche italiane private per il 90% e dall’INPS per il 5%) presta soldi al Fondo Monetario internazionale e lo Stato Italiano presta garanzia a favore della Banca d’Italia mentre il FMI prende soldi gratis senza colpo ferire.

    L'altra curiosità è data dal fatto che è stata appena varata una manovra di lacrime e sangue che al netto vale più o meno lo stesso importo che prestiamo al Fondo Monetario...

    Insomma Noi italiani, prestiamo soldi a organismi internazionali come il FMI e contemporaneamente ci garantiamo da soli. Mi viene in mente la storiella del tizio che faceva assegni a iosa, fino a che, viene chiamato dal direttore della banca che lo avvisa che deve ripianare il conto perché è finito in rosso.



    Il tizio gli risponde allegramente: che problema c’è! Le faccio un assegno e siamo a posto!
    mi interesserebbe una vostra considerazione su questa cosa. grazie e buon anno

    RispondiElimina
  4. Auguro a tutti un buon 2012...incrociamo le dita

    RispondiElimina
  5. Grazie a Luciano, apprezzatissimo lavoro il tuo.

    L'augurio per il 2012 è che il tam-tam della rete porti Vloganza al maggior numero di persone possibili.

    Viva Vloganza

    RispondiElimina
  6. Buon anno che arriva a tutti, vincitori e perdenti,
    sfigati e fortunati, ai tosati come pecore,ai vitelli grassi,ai finti professionisti finanziari, agli indovini di turno che fanno cambiare aria alle fauci e si dilettano a spararle più grosse su target di qualsiasi asset che puntualmente vengono smentiti, agli analisti tecnici che interessano corsi o vendere libri e uno ci casca credendo che si sono arricchiti con i mercati salvo poi scoprire che sono dei veri disperati,a quelli fenomenali che ti chiedono l'abbonamento per eventuali segnali, questi sono splendidi, senza ne arte e ne parte inventandosi un mestiere tirando le righe da un picco ad un altro,ai gestori paragonabili al divino mago otelma.
    Ai veri trader auguro un 2012 degno di essere ricordato e che le stelle siano con noi.

    RispondiElimina
  7. bellissima chiusura di fine anno vi auguro il meglio per il 2012 e che i maya ci accompagnino nel nuovo anno più bello beata ignoranza vero

    RispondiElimina
  8. Auguri Luciano, per un 2012 proficuo e di rinascita..non solo economica!

    E auguri per un Vloganza sempre + diffuso e conosciuto.
    Ottimo lavoro!

    RispondiElimina
  9. Grazie Luciano per il lavoro che in questo anno hai svolto...
    Per Piglia un grazie per la sua simpatia e la sua preparazione regaleataci con parole comprensibili,che fa capire un po di economia anche a chi non è del metiere, senza usare sinonimi incomprensibili.
    agrzie, grazie di tutto, e buon 2012

    RispondiElimina
  10. RINGRAZIAMENTI E AUGURI

    Sento il bisogno di ringraziare Luciano Giovannetti e Vloganza;
    essendo questa diventata per me un appuntamento
    fisso,prioritario e gradito della giornata.
    Sono da oltre mezzo secolo lettore di quotidiani
    economici italiani e non ho quasi mai provato il piacere dell'informazione diretta e genuina che provo sempre con Vloganza.
    Mi sto chiedendo per quale motivo continuare ad
    abbonarmi al quotidiano economico cartaceo che
    mi fornisce solo informazione lobbystica, tendenziosa,pseudoaccademica e fastidiosa che è
    di qualità di gran lunga inferiore a quella di Vloganza

    Auguri di continuare a lavorare con libertà,
    indipendenza e genuinità nel 2012 e oltre.

    -------- 20111231 ------- CLINT

    RispondiElimina
  11. Auguri, auguri e ancora tanti auguri a Vloganza per il nuovo anno che sta arrivando. Grazie a Luciano, al quale faccio i complimenti per la professionalità e il coraggio, e a tutti i suoi ospiti, ai quali chiedo di continuare a dare il loro prezioso contributo, come finora hanno fatto.

    RispondiElimina
  12. LUIGI GIRARDINI31 dicembre 2011 08:35

    AUGURI DI BUON ANNO A LUCIANO, MAURIZIO E TUTTI CHE SEGUONO VOGLANZA.MI AUGURO DI POTER FARE QUALCOSA QUESTO NUOVO ANNO DA POTER CAMBIARE PER BENE QUESTO MONDO, PER ME, MIEI FIGLI E TUTTE LE PERSONA PER BENE.ANCORA AUGURI A TUTTI.

    RispondiElimina
  13. Io non capisco una cosa : Le banche , che colpa hanno per l'enorme debito pubblico e per la scarsa efficienza dell'amministrazione pubblica italiana?
    E' lo stato che in Italia fallisce a causa delle banche , o non e' piuttosto il contrario ?
    Una domanda di fine anno per Maurizio Piglia : Un Italiano in questo anno nuovo dovrebbe comprare debito italiano ?
    Buttarci anche solo qualche migliaio di euro servirebbe ?
    Viva Vloganza.

    RispondiElimina
  14. MI limito ad affermare a Voi due: "grazie di esistere". Oltre che contribuire ad accrescere la consapevolezza, siete anche di conforto per coloro che ancora pensano autonomamente e non si lasciano omologare ...

    RispondiElimina
  15. Complimenti a Giovanetti per questa sua cosa che è Vloganza.
    Il tentativo di farci capire come funzionano le cose nella finanza attraverso tante "voci" è splendido, cercare di renderci CONSAPEVOLI si era detto in un intervento, Maurizio PIGLIA senza peli nella lingua ci dice nella realtà spesso come stanno le cose.
    Ottimo il commento di Neriana, concordo, quello dopo sul prestito dell'Italia dei 23 miliardi anche, mi fa venire in mente che sembra di essere un pò come quando si era ragazzi che si giocava a un qualcosa a cui si erano date delle regole, poi finiva che qualcuno superava certi limiti e allora ci si riuniva e si allargavano le maglie delle regole dicendo però di non esagerare e poi il gioco continuava. Ecco sembra che ogni tanto nell'Alta Finanza qualcuno fa la pipì fuori dal vasetto e poi per recuperare si stampa moneta, perchè in questo caso la Banca d'Italia può farlo (chissà perchè?) e poi tutti a ricominciare a giocare facendo finta di niente tanto così "noi" (inteso sempre come quelli che muovono i fili) ci salviamo.
    Un pò complottista oggi, ma mi è venuta.
    Buon Anno a tutti.
    Hans Castorp

    RispondiElimina
  16. Auguri a Luciano e alla sua creatura Vloganza.. Auguri ai lettori del vlog, passati presenti e futuri.. Prosperità e speranza che il 2012 porti un po di normalità a questa sgangherata Italia! Un primo passo è gia stato fatto, non abbiamo piu a palazzo chigi un venditore di fumo malato di sesso.. Non è poca cosa sulla strada verso la normalità..

    bruno

    RispondiElimina
  17. grandissimo piglia per il sigaro accompagnato dal buon bicchiere di vino in attesa della fine del mondo...intanto auguri anche a te
    franco

    RispondiElimina
  18. grazie a Luciano Giovannetti e ai suoi ospiti per la preziosa informazione che incessantemente trasmettono con VLOGANZA. Grazie e buon anno!
    Tony

    RispondiElimina
  19. Grazie a Vloganza che continua a dare un'informazione seria e attendibile fuori dal coro. Complimenti e buon anno a tutti.
    marco

    RispondiElimina
  20. Auguri a Vloganza, a Luciano che ci permette di conoscere grandi persone come Maurizio Piglia. Tanti auguri a tutti di buon 2012

    RispondiElimina
  21. Grazie a tutti e ancora tanti auguri... Buon 2012!

    RispondiElimina
  22. Grazie a Luciano e a tutti i suoi ospiti.Maurizio seduto con il sigaro, un buon bicchiere e ci aggiungerei un buon numero di veri amici,mi sembra il miglior mondo possibile del"Candido" di Voltaire.Per tornare alla nostra situazione di m...dove m non stà per mondo,io ho la soluzione per tirarci fuori dai problemi partendo da un assunto inconfutabile.Ci troviamo nei guai,perchè siamo vissuti in un sistema drogato per almeno 30 anni.Chi più ha accumulato in questo arco di tempo,più deve contribuire a tappare il buco.Questo io credo debba essere la partenza del programma elettorale di un partito serio.Con la certezza che si ritornerà sull'argomento,vi saluto con stima e affetto.

    RispondiElimina
  23. paolo da brescia1 gennaio 2012 10:54

    grazie Luciano, e a tutti i tuoi ospiti complimenti e continuate così!

    RispondiElimina
  24. Un particolare grazie a Luciano e un augurio di Buon Anno a tutti su Vloganza.
    Mi spiace che alcuni qualificati ospiti si vedono raramente, speriamo che in questo nuovo anno verranno intervistati se è possibile, un pò più frequentemente. (Antonio Banfi/ Francesco Sylos Labini/ Alessandro Libri/ Elena Loddo/ Irene Tinagli/ Loretta Napoleoni/ Michele Boldrin)

    RispondiElimina
  25. grazie di cuore a Vloganza per il suo servizio di informazione economica....una dei pochi competenti e completi nello scenario italiano.
    Buon 2012.
    "il cassettista".

    RispondiElimina
  26. Grande duetto come sempre tra Luciano e Maurizio, grazie ad entrambi per il bel lavoro che fate, auguro a tutti gli ospiti e agli ascoltatori di vloganza un buon 2012
    Pierantonio Fabrizio Maria

    RispondiElimina
  27. grazie luciano, auguri anche se in ritardo

    RispondiElimina
  28. semplicemente grandiosi!
    non so come ringraziarvi * e augurarvi molto più! di ciò che possiate desiderare * * *
    stefania

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".