Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

venerdì 2 dicembre 2011

Raffreddore, tosse, naso chiuso? Con Eurobond non passa!

La Germania e la Francia spingono verso un maggiore legame tra le economie della zona euro e una applicazione più rigida delle regole di bilancio per contrastare la crisi del debito, snobbando le richieste degli investitori per un supporto più deciso da parte della Bce. Le obbligazioni italiane salgono per il terzo giorno dopo...
l'avvicinamento del Presidente francese Nicolas Sarkozy al concetto di maggiore disciplina voluto dalla Germania. Risolvere la crisi del debito sovrano è una maratona estenuante che non può terminare con la scorciatoia degli eurobond o gli acquisti della Bce, ribadisce il Cancelliere Angela Merkel.

Maurizio Piglia - Direttore investimenti della banca Savings & Investments a Auckland, Nuova Zelanda: "Gli eurobond usano il merito creditizio della Germania e lo spalmano su chi quel merito non ce l'ha, non farebbero nient'altro che stimolare la propensione dei politici degli stati più deboli a infilarsi in altro debito che non si possono permettere".

- Risposta a
Clara: "Investire in fondi è meno rischioso che tenere i soldi sul conto corrente?".
Luca Scozia: "Cosa comprare nell'eventualità di fallimento dell'euro?".
AndreaB: "Mia sorella lavora in Cina, trasferisco sul suo conto o compro lingotti d'oro?".


15 commenti:

  1. luciano....sei proprio cattivo....hihihihi

    RispondiElimina
  2. ahahah direi invece geniale luciano... come trasformare in forza le debolezze di un video raffreddato!

    e a parte il naso chiuso concordo con quanto detto... pagate voi formiche per noi cicale, ecco chiarito perché agli italiani e specialmente a tvemonti piacciono gli eurobond

    tanti auguri a maurizio... aglio, cipolla e sesso magari!

    eman

    RispondiElimina
  3. Gli eurobond con lo statuto attuale dell'europa sono una pessima idea, ma mi sembra di aver capito che gli eurobond verranno dopo la modifica ai trattati per una politica fiscale unica a livello europeo. In tal caso i politici non potrebero spendere più di quello che gli si assegna a budget da bruxelles.

    RispondiElimina
  4. In Italia è possibile e legalmente ineccepibile avere anche un c/C in Dollari!!

    RispondiElimina
  5. carissimo PIGLIA
    per il tuo rafreddore prenditi 15 gocce di clorofilla "aether"in mezzo bicchiere di acqua
    la trovi nelle erboristerie
    è un toccasana magnifico
    vedrai che ti passa per sempre ....fammi sapere

    ivano

    RispondiElimina
  6. i' Fattorekappa2 dicembre 2011 18:36

    " e un so' voi, ma qui in Toscana i' Piglia e ci garba anche co' i' raffreddore ". Oh Luciano,venvia su, ora e si fa un fan club dal nome : - i' Piglia ci garba e ci Piglia ! - " che vi garba ?


    i' Fattorekappa

    RispondiElimina
  7. ma le obbligazioni di cui parla Maurizio come si possono comprare??? Da un punto di vista teorico è una scelta condivisibile però alla pratica come si fa? Scusate la domanda se risultasse banale ma io avevo provato alcune settimane fa a sentire tramite la mia banca come fare per comprare obbligazioni nestlé e non mi hanno dato nessuna soluzione. grazie a chi fosse in grado di aiutarmi, a Maurizio per i suoi interventi e a Luciano per la sua professionalità e voglia di divulgare

    RispondiElimina
  8. I mercati sono autolesionisti?
    Fino a quando spareranno sull'ambulanza e/o invece si ottureranno il naso, gireranno la testa dall'altra parte e (pace x tutti) toglieranno gli spilli dal di dietro?

    Grazie del video.

    RispondiElimina
  9. Caro Piglia,
    innanzitutto i miei complimenti per le tue chiare posizioni che condivido pienamente;purtroppo ci siamo fidati del nostro stato e siamo rimasti incastrati (almeno nel breve periodo)
    Dovendo procedere ad uno smobilizzo totale delle posizioni detenute in bond italici con perdite del 15% e riallocando su asset indicati da te nell'intervista:solidi corporate bond in valuta estera e "una spruzzata d'oro" su quali scadenze consiglieresti di posizionarsi considerando anche gli spread denaro lettera di tali corporate? Normalmente con le nostre piattaforme bancarie possiamo andare su mot, euromot ed extramot, ma tali corporate non sono presenti. Come procedere all'acquisto e quale sistema per il calcolo dei ratei utilizzare visto che mi sembra sia diverso da quello utilizzato per i tds?
    saluti

    RispondiElimina
  10. stavolta piglia non era in gran forma e si è visto .-)

    maurizio, hai risposto in modo un po' troppo frettoloso. in caso di disastri il modo di proteggersi c'è. esempio. se si tornasse alla lira (e la moneta si svalutasse) non si sarebbe coperti nel caso si avesse tutto, che ne so, in un grande fondo obbligazionario globale?

    certo, ancora meglio avere un conto in norvegia, ma anche asset non italici proteggerebbe anche in caso di default della propria banca. magari l'operatività sarebbe congelata per 1 settimana ma il risparmio arebbe salvo, non sei d'accordo?

    RispondiElimina
  11. grazie mille per la risposta!da quando vi ho scoperto vedo tutto meno nero, nonostante il pessimismo un pò catastrofista (che adoro perchè l'ho subito percepito come strarealistico), di Maurizio Piglia..
    Anche se non ve l'ho chiesto io, volevo un chiarimento sul conto cinese, perchè mia figlia, diciannovenne, sta studiando a shangay e si sta informando per aprirsi un conto alla bank of china, dove trasferire i suoi risparmi dal conto italiano: pare sia, invece, fattibilissimo..ci sarà, però, da fidarsi (dei cinesi) ad aggiungere qualche piccola sommetta?
    buona guarigione dal raffreddore!
    clara

    RispondiElimina
  12. Maurizio Piglia5 dicembre 2011 01:17

    Innanzitutto...grazie a tutti dei consigli anti-raffreddamento. E' un 'allergia che dura al massimo 24 ore...ma causa un'irritazione del naso micidiale!!!

    Venendo ai vari argomenti:

    @Anonimo
    In Italia e' legalmente possibile avere c/c in dollari...oggi. Un domani, misure piu' severe potrebbero cancellare dalla sera alla mattina la "legalita'" di questo per i residenti in Italia. Da pensarci...

    @Grifolino
    La tua banca ti fa solo ostruzionismo..e non credo per pura ignoranza soltanto.. Ogni obbligazione ha un numero identificativo che si chiama ISIN. Il "borsino titoli" di una filiale decente ha accesso ad un sistema informativo che contiene tutti i numeri ISIN delle obbligazioni regolarmente trattate in Europa..corporate inclusi. Le banche fanno resistenza..particolarmente se sanno che volete spostare 2.500 euro di controvalore...ma basta minacciare ( e mantenere..) di chiudere tutto e portarselo da un'altra parte per farli lavorare.
    @gianni
    criptico come periodo..Monti NON e' l'ambulanza ne' l'uomo del destino...e' il liquidatore, l'uomo dei burocrati europei e dei banchieri, l'uomo della servitu' della gleba perpetua del debito...non griderei al miracolo, ne' accuserei i mercati, che sono l'effetto e non la causa.
    @Anonimo
    Per le scadenze dei corporate non andrei oltre il 2017, e "tenere conto dello spread denaro/lettera...non serve, lo spread lo paghi e basta, come piccolo investitore...e se sei grosso, non sparisce, si stringe (marginalmente) e basta. Per come procedere all'acquisto , vale il discorso di sedersi li e' costringere , con le buone o le cattive, l'uomo dei titoli a estrarre l'ISIN del corporate che vi sta bene, poi, si e' costretti a comprare a mercato, come retail. (Un filo di controllo a che non vi spennino vivi...serve sempre.). Che io sappia i ratei di un'obbligazione dovrebbero essere uguali, nel calcolo, per tutte le obbligazioni.
    @Anonimo
    Vero, non ero in formissima...ma non credo di aver detto niente in contrasto a quel che dici.

    Un "grande fondo obbligazionario globale" ha probabilmente, per sua natura, una quota di sovereign Europa che non saresti contento di avere, e la chiave , poi, non e' il "grande fondo"...ma in che valuta e' denominato. Probabilmente, il PIMCO Total Return denominato in $USA sarebbe abbastanza al sicuro...perche' in $ US, principalmente.
    Asset non italici...infatti io parlavo di corporates principalmente non italiani...e il conto in Norvegia, sarebbe ok quanto uno in Svizzera...meglio se non in Euro. Abbastanza d'accordo si..
    @Clara
    E' fattibilissimo per te, perche' tua figlia e' residente in Cina, e quindi tu "aggiungeresti" su un conto a suo nome. Tieni presente che lo Yuan e' "agganciato" al $ USA..per il momento. Ma una sua (dello yuan..) rivalutazione e' inevitabile...piu' avanti.

    Un saluto a tutti

    RispondiElimina
  13. gentilissiomo maurizio piglia,
    nel ringraziarti per i sapienti consigli, volevo chiederti, sempre nell'ambito di una diversificazione del portafoglio in solidi coprorate esteri in valuta, cosa ne pensi delle emissioni bei in $ (in particolar modo in prospettiva di un crollo della UE) ed ancora, riguardo la tua "spruzzata d'oro" , come vedi eventuali canali di acquisto in oro fisico tipo LLC holding o bullionvault? Quest'ultimo assicurerebbe anche una custodia viamat e un riacquisto con spread molto contenuti (premetto che non mi fido molto dei depositi che non siano banche solide e preferirei tenerlo in tasca anziche in un deposito estero)
    Infine un consiglio:riguardo il crolllo dello spread odierno ritieni giusto attendere ancora un po' per liquidare le posizioni italiche o vedi uno spiraglio di recupero al 100% (ho scadenze biennali e quadriennali)? grazie e saluti

    RispondiElimina
  14. Maurizio Piglia5 dicembre 2011 22:44

    @Anonimo
    La BEI e' una banca...il cui capitale e', tra l'altro, fatto di promesse di paghero' di governi europei, e la cui tripla A deriva da delle tripla A messe in crisi dalle 19.30 circa di stasera..
    Perche' mai dovresti prenderti un petardo di questo calibro in portafogli???!!! Io ho indicato anche , con precisione, i settori dei corporate...alimentare e/o energetico. Dio ci scampi dalle banche!!
    L'oro fisico, per sua natura...e' meglio comprarlo, ritirarlo e metterselo in una cassaforte a casa.
    Per il crollo dello spread odierno...io facessi i mercati obbligazionari, che non faccio, il BTP lo rishorterei da qui.
    Il rischio, valutalo tu...tu sei in Europa...tu credi che rinforzando i trattati, svendendo le sovranita' nazionali ai burocrati europei, alla fine la saturazione da debito non prevarra? Ritieni che saranno capaci di architettare una soluzione duratura e finale al debito, al problema dell'eccesso di debito delegando ai creditori di dettare le condizioni??
    Vedi tu, se pensi che tra 2/4 anni questo possa essere il risultato...hai trovato la tua risposta.
    Un saluto

    RispondiElimina
  15. sempre puntuale e gentilissimo, grazie maurizio

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".