Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

martedì 15 novembre 2011

Tutta l'Italia è pronta a fare sacrifici tranne i politici

Il Presidente del Consiglio incaricato Mario Monti, affronta le resistenze della politica e i mercati finanziari mostrano preoccupazione sulla possibilità che riesca a gestire la crisi del debito. La Banca centrale europea compra obbligazioni italiane mentre il rendimento del decennale torna a superare il 7...
percento, gli investitori rimangono sugli attivi più sicuri e il costo dei finanziamenti sale nella zona euro. La crescita dell'economia europea si mantiene allo 0,2 percento, Germania e Francia durano fatica a limitare le aspettative di recessione.

Giulio Baresani Varini - Responsabile pianificazione del risparmio di Millenium Sim a Milano: "L'italiano è disposto a qualsiasi sacrificio pur di salvare se stesso e il proprio paese mentre i politici, nominati e non eletti dai cittadini, lontani anni luce ormai su Marte non lo sono e non capiscono".

- Risposta a Alessandro Venturi: "Mario Monti, eroe o liquidatore di Merkel e Sarkozy?"


18 commenti:

  1. Una settimana è passata.. ed in default ancora non siamo caduti... Berlusconi se ne è andato... ed oggi il btpi 2021 ha fatto nuovi minini storici... (con rendimenti assurdi...).
    Sono contento di sentire analisi che reputo obiettive e non catastrofiche che aprono a spiragli possibilistici di sostenibilità del debito attuale con obiettivi di riduzione a medio lungo periodo. Il problema è la fiducia, il mercato rischia di autoavverare le profezie.
    Ci vuole maggiore rigore, sia a livello politico e di gestione dell'apparato stato, sia a livello finanziario, dando mandato alla bce di stampare moneta (con svalutazione dell'euro, importazione di inflazione ed abbattimento del debito), introducendo la tobin tax e vietando le vendite allo scoperto su tutti gli strumenti finanziari (a livello mondiale) e non voglio sentire stupidaggini che le vendite allo scoperto rendono liquidi mercati illiquidi!! (un titolo si compra per qualche motivo e lo vendo solo se lo avevo già comprato!!).
    Complimenti a Giulio Baresani Varini

    RispondiElimina
  2. A me sembra che proibire le vendite allo scoperto sia una emerita cag*ta.
    Io proporrei di vietare tutte le vendite, così nessuno compra....ahahahaa!
    ^_^
    Buona serata, coperti perché fa freddo
    Riccardo

    RispondiElimina
  3. Grazie mille per la risposta; speriamo davvero che anche i gioielli di casa Italia come Eni e Finmeccanica non vadano in mani straniere. E speriamo che "ce la caviamo" grazie a Monti e che si cambi questa legge elettorale trufaldina prima delle prossime elezioni.

    RispondiElimina
  4. Maurizio Piglia16 novembre 2011 03:19

    Qualunque cosa puo' essere accettabile,nel suo contesto, ben venga la Tobin tax, se in una percentuale ragionevole...ma credere che proibire le vendite allo scoperto significhi incidere su qualcosa...dopo tutte le dimostrazioni contrarie, e'come minimo puerile, e nega l'evidenza dei fatti.

    Volete il capitalismo? E allora , se io vedo Netflix veleggiare a 170 volte (!!!) gli utili solo perche' qualche stupido momentum chaser ce la spinge, sono libero di vendervi tutte quelle che trovo in prestito dai babbioni che hanno deciso che quello e' un "core " holding...e notate che il prestito me lo fanno pagare, e dei tassi profumati. quindi non ho neppure un "carry" positivo dalla mia parte...

    Vendere allo scoperto fa scoprire i prezzi veri...e comporta rischi enormememnte superiori al comprare...che sono libero di correre.
    Chissa' perche' le "stupidaggini" sulla liquidita' le senti solo dai professionisti che rischiano in due direzioni per mantenere il valore dei soldi che gli sono stati affidati in qualunque condizione, mentre i cosiddetti gestori "long only" che di soldi ve ne hanno distrutti si vede non ancora a sufficienza, sono pronti a sottoscrivere sciocchezze come le proibizioni degli short.

    Ha ragione Riccardo, proibite le vendite al completo...cosi' vediamo chi compra!

    RispondiElimina
  5. Mah, ora pensare che i problemi dell'Italia vengano risolti da una persona a mio avviso è un atto di Fede, visto che comunque Tremonti è stato sottosegretario al Bilancio nell'era Pomicino . Cito :
    "...Basta prendere il librone storico della Ragioneria generale dello Stato per avere una seconda doccia fredda. Al momento dell’insediamento Pomicino-Monti la spesa pubblica italiana ammontava a 254 miliardi, 418 milioni e 970 mila euro. Al momento del loro doloroso abbandono dell’esecutivo la spesa pubblica era di 371 miliardi, 209 milioni e 895 mila euro. Questo significa che in soli tre anni è cresciuta di 116 miliardi, 790 milioni e 925 mila euro. In termini percentuali significa un’esplosione del 45,90%, superiore perfino a quella del debito pubblico e da annoverare anche essa fra le pagine più nere dei conti economici della Repubblica..."

    RispondiElimina
  6. @ Riccardo
    Con la finanza creativa e le vendite allo scoperto si perde la realtà e la concretezza delle cose e va a prezzare i sottostanti come se si stesse a giocare al monopoli sfruttando il fattore psicologio del terrore.. purtroppo questo gioco va ad affossare il mercato reale.. quando poi Italia, Spagna, ecc. andranno in default.. sono felice di vedere quanto avrai da ridere...

    RispondiElimina
  7. Almeno in Italia le vendite allo scoperto saranno non più del 0,5-1,5% di tutto i movimenti. Nel mondo non so.
    In ogni caso se la società pinco pallina vale mezzo euro ci arriva con e senza vendite allo scoperto, se fallisce fallisce con o senza vendite allo scoperto.
    Saluti
    Riccardo

    RispondiElimina
  8. Sante parole sulla responsabilita' della Germania che sta approfittando della situazione (tassi sul debito inesistenti e export nell'area euro) e che ha le sue colpe avendo farcito le banche tedesche di titoli dei PIGS. D'altro canto l'Italia deve recuperare credibilita' ma e' necessario che la classe politica sia la prima a fare i sacrifici dando l'esempio ai Cittadini.
    marco

    RispondiElimina
  9. @ Maurizio
    Ciao Maurizio, la questione è risolvibile in funzione della prospettiva in cui la affronti. Se la prospettiva è vedere l'equazione mercato finanziario = luogo in cui potenzialmente guadagnare, ok accetto la Tua visione. Se invece ci scrolliamo definitivamente questa visione e purifichiamo l'ambiente, il mercato finanziario è un luogo in cui sono prezzate entità reali le quali hanno alla base persone, immobili, know how, capacità tecniche e valore aggiunto, entità che, in quanto tali possono crescere o morire. Con questo approccio, io investitore INVESTO su un qualcosa con una sorta di SPIRITO IMPRENDITORIALE (che nella finaza si è del tutto perso) ed INVESTO i miei RISPARMI dando fiducia alle prospettive della MIA AZIENDA (nella quale divento piccolo socio). Se poi ad esempio.. Brembo inizia a produrre prodotti scadenti.. ed io non ci credo più.. allora la vendo.. e questa vendita (sana) farà adeguare il prezzo del titolo. Questo è lo spirito che è stato del tutto perso, con le varie porcherie finanziarie introdotte in questi decenni. E non parliamo del blocco attuato in italia sui titoli finanziari.. la CONSOB non può andare a verificare all'estero cosa viene fatto e cosa no. Il Blocco dovrebbe essere TOTALE e MONDIALE.

    RispondiElimina
  10. Maurizio Piglia16 novembre 2011 11:00

    La finanza "creativa" e' quella che sfrutta, di solito, leverage irrealistici, o cose come i CDO, i CDS, etc. , che hanno vizi di fondo ben precisi, calcolo del rischio malfatto, oppure assicurare chi non ha sottostante etc.

    Ma quel che non si e' ancora capito, e' che i titoli italiani, spagnoli etc...non li vende nessuno allo scoperto. Li vendono e basta. Li vendono i fondi pensione giapponesi, le banche europee...li vendono perche' li hanno e non li vogliono piu' tenere...perche' si e' persa la fiducia che verranno rimborsati...e a ragione! Ci sono 3 trilioni di debito in Europa che devono sparire perche' e' cattivo debito...irrimborsabile! E per sparire devono essere cancellati dai libri di chi li ha comprati! E il capitalismo, quello sano, non quello corporativo/fascista degli amici degli amici, dice che che chi ha preso i rischi per il suo lucro privato....paga i rischi stessi se la "scommessa" va male. Stampare....fa pagare i rischi a tutti i detentori della valuta e ai contribuenti! Socializza solo le perdite! Il "mercato reale" e' quello che vedi la' fuori, e' quello che ha capito perfettamente che non solo Italia e Spagna...ma tutta Europa e' I N S O L V E N T E !!! Perche' ha speso per decenni piu' di quello che guadagnava e produceva!!!!! e si che non dovrebbe essere difficile...ma negare l'evidenza fa sentire meglio...forse.

    RispondiElimina
  11. A Ballati,

    pensa un pò che nel mentre abbiamo avuto due MEGA BOLLE, 2000/2007.

    Dico io, e c'eran le vendite allo scoperto...pensa un pò non ci fossero state dove andavano gli indici !!! altro che atterraggio morbido di Alan.....che manco quello fu.

    Spero che del 2007/2009 abbia tu memoria, anche se a sentir certe cose mi par di capire che le conseguenze dei blocchi alle vendite non siano state ben recepite; basta prendere le date e i grafici per vedere che sventole ha dato il mercato in assenza delle stesse.

    Non ci si può arrivare, non ci si vuol credere, occorre sempre un nemico, sempre sbagliato, però anche un pecorottaro direbbe " evidente ".

    Saluti

    Davide

    RispondiElimina
  12. @ Davide
    Seguendo i mercati assiduamente e giornalmente da 11 anni conosco bene le bolle che ci sono state (ma non solo al rialzo... anche al ribasso...) e nessuno mi toglie di testa i miei convincimenti dato che non cerco nemici e sono il primo a ritenere che "la gente crede a ciò che desidera" e per questo non ascolto neanche un "pecorottaro che direbbe evidente..." (ed evitiamo di offendere in modo strisciante.. grazie!)

    RispondiElimina
  13. Ieri, 15 novembre, il parlamento europeo ha votato a grande maggioranza un disegno di legge che proibisce le vendite allo scoperto e le contrattazioni dei credit default swaps, CDS, nel caso non si possegga una fetta del debito corrispondente.

    Il divieto dovrebbe diventare effettivo dal 1 dicembre in tutti i 27 paesi Ue.

    Al momento Italia, Francia, Grecia, Spagna e Belgio mantengono il divieto sulle vendite allo scoperto iniziato a agosto.

    La Gran Bretagna, il maggiore mercato finanziario europeo, ha preferito non imporre divieti insieme ad altri, ha criticato la mossa ritenendo che causi più danni che vantaggi e ha messo in dubbio l'autorità dell'Unione nei riguardi di una simile decisione.

    Aggiungo che l'evidenza della realtà mostra che né nei passati tre mesi né nei periodi precedenti in cui è stato imposto un divieto sulle vendite allo scoperto, il mercato non si è comportato in linea con gli obiettivi del divieto.

    RispondiElimina
  14. @ Luciano
    Grazie per l'intervento, ma devo evidenziare che solo ove fossero vietate mondialmente le vendite allo scoperto potrebbe funzionare (nude e con prestito titoli), in quanto davvero crediamo che la Consob possa motitorare tutti i movimenti e fondi hedge con sede in qualche paradiso fiscale? Come può materialmente la consob sapere se sono stati prestati titoli da x b o c per la vendita?? (poi ricomprati dopo pochi giorni e reintestati agli stessi? Allora se è naturale vendere allo scoperto, iniziamo tutti ad andare al bar a vendere allo scoperto un caffè (perchè è cattivo) e vediamoci allo scoperto anche la casa del vicino!! (tanto è normale.. e creiamo più liquidità!!).
    La verità è che le vendite allo scoperto fanno comodo solo a chi è abituato a guadagnare con le transazioni finanziare per il semplice fatto che si raddoppia l'operatività possibile (ed ecco.. la gente crede a ciò che desidera!!!)

    RispondiElimina
  15. Tutta l'Italia è pronta a fare sacrifici (?)tranne i politici ...e le corporazioni. Da 12 Ministri si è già arrivati a 18, con tanto di Passaera giusta per non dimenticare il conflitto di interesse.

    RispondiElimina
  16. La sai Francesco cosa andrebbe vietato? I 25.000 interventi annuali (ma forse sono pure di più) della Fed sui mercati (pro bolle ovviamente...)
    Saluti
    Riccardo

    RispondiElimina
  17. Monti inizia male...a un banchiere come Passera 2 ministeri...Son previsti 10mila esuberi in Intesa Sanpaolo di cui é AD e un titolo che ha perso l'80% in 4 anni, oltre ad avere il 20% della società ferroviaria di Montezemolo e gli si affida pure il ministero dei trasporti ahahah e oggi parlava si sviluppo e lavoro, mah

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".