Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

lunedì 21 novembre 2011

O la Bce stampa denaro o crolla l'intero sistema finanziario

Gli Stati Uniti rischiano un ulteriore declassamento del merito creditizio se i legislatori non riescono a trovare un accordo su una riduzione della spesa da $1.200 mld. Mariano Rajoy vince le elezioni spagnole con la più grossa maggioranza degli ultimi 30 anni e annuncia l'arrivo di tempi difficili per la nazione. Le prime...
cinque banche italiane potrebbero avere bisogno di un aumento di capitale complessivo da €6,1 mld in seguito al deterioramento del valore delle obbligazioni governative che possiedono.

Roberto Malnati - Responsabile gestione di Global Opportunity Investments a Lugano: "O si trova una soluzione orrenda come quella americana in cui la Bce si mette a stampare enormi masse di denaro oppure l'intero sistema finanziario franerà con la continua svalutazione dei debiti sovrani".

- Risposta a Fiorentino dispettoso: "Come posso difendere i pochi risparmi ancora rimasti?".


10 commenti:

  1. Il nobel per l'economia Krugman scrive sul New York Times che la difesa della credibilità dell' euro annunciata da Draghi è di per sè incredibile, dando ormai quasi per scontato la fine della moneta unica europea. C'è poco da sperare da questa politica economica: chi deve investire sta scappando dall' Europa; dopo Francia toccherà a Germania come dice Roberto Malnati...siamo davvero alla tragica fine della comica crisi europea?

    RispondiElimina
  2. Buonasera
    Gentile Dott. Malnati visto che scende tutto che fare? uscire da tutto? soldi in casa?

    RispondiElimina
  3. Non si potrebbe, visto il momento particolarmente grave, permettere alle banche italiane di valutare i titoli di stato al valore nominale visto che a scadenza saranno rimborsati a 100? Credo che questa sia al momento l'unica soluzione vista la totale inettitudine da parte dell'unione europea che non e' piu' una democrazia ma e' diventata una dittatura economica dove a decidere e' solamente la Merkel!
    marco

    RispondiElimina
  4. ci vuole qualcosa di epocale.

    questi non riescono a mettere d'accordo dopo 2 anni nemmeno sui bond europei-

    o sono incapaci o sono in malafede-

    RispondiElimina
  5. ... ringrazio per la risposta in video alla mia domanda.. dalla quale si intuisce che tutti navighiamo a vista .. questo conferma la Vs. sincera professionalità in un momento così difficile ; restano facili i complimenti al sig. Malnati e a Lei come conduttore .

    FIORENTINO DISPETTOSO

    RispondiElimina
  6. Maurizio Piglia21 novembre 2011 22:34

    @ Fiorentino

    Sia detto a onor di Roberto..TUTTI navighiamo a vista, perche' nessuno ha mai tracciato una mappa di queste acque.

    Io lavoro dal '92 in Finanza, e alcuni sacri principi, sono cambiati, e se non cambi idea..il mercato ti fa a pezzi.
    Una situazione in cui TUTTI gli asset scendono, in cui le controcorrelazioni che funzionavano non funzionano piu'..da un giorno all'altro, non si era ancora vista.

    Nel 2008 abbiamo visto riscatti dai nostri fondi...che andavano bene, e sono rimasti liquidi...alla domanda " Perche' riscattate?" la risposta: " Perche' il valore dei vostri e' rimasto quello precrisi, i vostri sono ancora liquidi, quindi li riscattiamo per mettere cash nell'asset allocation al posto dei fondi pieni di CDO che sono bloccati e non valgono piu' niente"....." Eravamo diventati il bancomat degli incapaci e dei falliti. Li han fermati i loro clienti, quando se ne sono accorti...e questi erano, a loro dire, professionisti...

    Nessun paradosso mi stupisce piu' e prepararsi all'impossibile e' una missione giornaliera....

    RispondiElimina
  7. Scusate la domanda, ma non capisco una cosa: in tutto questo ambaradam cosa vuol dire che si creano possibilità di una o due vite? Alla luce di quello che diceva Piglia, come si fa e chi ci può guadagnare da una crisi così?

    RispondiElimina
  8. cosa ne pensi di obbligazioni di stato svizzere??????? come garazia.
    luciano mi puoi dare una risposta

    RispondiElimina
  9. Maurizio Piglia22 novembre 2011 10:31

    Alessandro
    Guadagnare sara' difficile...difendersi si puo'. Come ho gia' spiegato, obbligazioni corporate, preferibilmente in dollari US di solide societa' alimentari (Nestle', Kraft, Mc Donald) o enrgetiche (Exxon Mobil, BP etc.). Credo che le obbligazioni di stato svizzere...non ci siano, la Svizzera non ha debito pubblico..per clausola costituzionale. E comunque, la mossa di ancorare il franco svizzero all' euro non la rende sicurissima.
    Quando dico che si creeranno possibilita' uniche...dico che tra un paio d'anni, quando la disperazione e gli indici avranno toccato il fondo, ci saranno occasioni uniche di acquisto nell'azionario...ma in pochissimi le vorranno..perche' quella e' una caratteristica dei minimi...che nessuno vuole piu' i titoli, ma solo (forse) contante.
    Un saluto

    RispondiElimina
  10. Grazie per la risposta Maurizio, sempre attento e puntualissimo.

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".