Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

giovedì 24 novembre 2011

Se la Buba rinuncia al rigore la Merkel continua a sorprendere

L'Italia farà i compiti a casa, promette il Presidente del Consiglio Mario Monti al vertice di Strasburgo con Germania e Francia che assicurano il loro sostegno. Secondo Il Cancelliere Angela Merkel, l'emissione di obbligazioni euro congiunte manderebbe un segnale sbagliato anche perché guiderebbe i tassi di interesse...
verso la convergenza. La fiducia dei consumatori italiani aumenta inaspettatamente a novembre, anche se le misure di austerità e la crisi del debito fanno temere l'arrivo di una recessione. Fitch Ratings riduce a spazzatura il merito creditizio del Portogallo.

Vanni Lucchelli - Consulente indipendente e socio di Compagnia Fiduciaria Lombarda a milano: "La Merkel sorprende ogni giorno e non si riesce a capire se ci faccia o ci sia, se stia dicendo delle cose che veramente ha pensato e se le ha capite, la contrarietà della Germania dipende dal fatto che ha iniziato un gioco che sta diventando pericoloso anche per lei".

- Risposta a Emanuela: "Come salvaguardare i risparmi delle normali famiglie italiane?"


6 commenti:

  1. Da sempre elenco blog e siti nel web per passione e conoscenza personale, anche di carattere economico, e devo affermare che questa TIVU' se ormai possiamo chiamarla così sta diventando un faro di rara bellezza nel panorama italiano. Ma perchè nelle TiBu' non vengono mai intervistate queste persone e si invitano sempre pagliacci a parlare di economia? me lo sono sempre chiesto? Un giovane capisce che per fare fortuna in Italia o sei ladro o sei un pagliaccio..stiamo parlando di Economia e allora invitiamo a parlare chi ne sa come fa Luciano.. ma possibile che gente come Luciano abbia così poco spazio nella TiBu di servizio pubblico? Nel mio piccolo condivido sempre queste pillole di saggezza e questo modo diverso di fare televisione. Fatelo tutti.

    RispondiElimina
  2. Non penso che la bundesbank abbia stampato, ma in ipotesi dovrebbe aver impiegato liquidità che aveva disponibile.
    La Banca d'Italia avrebbe invece tutto interesse ad acquistare sul secondario btp a lunga scadenza in quanto abbatterebbe il debito (btp a 100 comprati ad 80/70 mi abbatte la quota parte). In tal senso la BCE potrebbe prestare denaro alla Banca d'Italia per fargli acquistare sul secondario i BTP a -20/-40% (vedi btpi) ed abbattere automaticamente il debito. La sola notizia farebbe riadeguare automaticamente i prezzi a livelli accettabili.
    Complimenti a Vanni ed a Luciano.

    RispondiElimina
  3. per quanto riguarda le bei che tipo di garanzie hanno a differenza dei titoli di stato statali nel caso saltasse l'euro questi che fine farebbero

    RispondiElimina
  4. qualcuno potrebbe spiegarmi il senso dell'articolo "die wahrheit" apparso sul giornale tedesco Handelsblatt...con parole semplici come voi altri siete bravissimi a fare...grazie! angelo

    RispondiElimina
  5. Il mercato autoavvera ciò che teme.
    Se solo la BCE dichiarasse di voler stampare tutta la moneta necessaria per sostenere i tassi a livelli non superiori al 4%, il mercato automaticamente si riadeguerebbe senza la necessità per la BCE di stampare un solo euro. Questa situazione di stallo, con l'egoismo di chi è scoperto di titoli di stato italini e se la ride (dicendo ve lo avevo detto), con l'egoismo della Merkel che si ostina con la propria politica autodistruttiva, con gli operatori finanziari esteri che vedono una opportunità di guadagno al ribasso, stanno affondando i prezzi dei ns. tds, con le seguenti conseguenze immediate..
    "Se i tassi dovessero rimanere a questi livelli per tutto il 2012, solo di Bot significa 4-5 miliardi di in più di costi di finanziamento, rispetto all'ultimo scenario ufficiale, che ipotizzata tassi Bot al 3,5%" spiega Chiara Manenti di Intesa Sanpaolo. "Se poi si considerano anche i Cct, legati ai Bot, che rappresentano ancora una parte consistente dei titoli in circolazione, l'aggravio per il Tesoro arriva a circa 10 miliardi di euro".
    Con questi tassi ci siamo giocati nell'immediato una finanziaria.. e non solo.. immaginiamo il costo di rifnanziamento per le bance e di converso per le imprese... Vogliamo davvero stare qui a guardare senza fare nulla?? Non è necessario che gli stati riacquistino immediatamente la propria sovranità senza cederla, come stanno facendo, ai mercati finanziari?

    RispondiElimina
  6. Angelo,

    ho provato a cercare l'articolo a cui ti riferisci ma ne ho trovati più di uno. Magari passami il link diretto e provo a guardarlo, anche se non parlo tedesco.

    Ciao

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".