Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

martedì 29 novembre 2011

Bisogna veramente sperare e pregare

I titoli di stato calano per la sesta volta in sette giorni e forzano il governo a pagare rendimenti superiori al 7 percento per la vendita di 7 miliardi e mezzo di debito, un ammontare inferiore all'obiettivo massimo dell'asta odierna. Il Presidente degli Stati Uniti, Barak Obama, rinnova le pressioni sui politici europei...
affinché evitino la frattura dell'euro. Il mercato azionario e le materie prime guadagnano per il secondo giorno mentre i ministri delle finanze tornano a incontrarsi per trovare una soluzione alla crisi del debito.

Gianluca Braguzzi - Direttore gestioni e strategie di Total Return Sgr a Mantova: "La produttività italiana è destinata ad azzerarsi abbassando ulteriormente il Pil, diminuendo le entrate fiscali, provocando un ulteriore inasprimento del debito pubblico in una spirale viziosa difficile da interrompere e ancora di più da invertire".

- Risposta a Attilio: "L'Italia non è insolvente, è dunque solo una questione di fiducia?".


14 commenti:

  1. Caro Luciano, a Monti si chiede il tempo di governare, a Berlusconi il giorno successivo la sua elezione venne subito chiesto 1000000 di posti di lavoro.

    RispondiElimina
  2. Maurizio Piglia30 novembre 2011 04:05

    Cosa che il Banana ha infallibilmente mantenuto 17 anni dopo vero??

    RispondiElimina
  3. OT: Buongiorno, (ciao mitico M.Piglia)
    vorrei chiedere a Luciano se potesse fare un intervista focus con oggetto la valutazione dell'impatto nell'eurozona e nel Mondo qualora l'Italia non ce la facesse e/o intervenisse il FMI in aiuto, ocnsiderando il nostro peso economico ed il nostro debito pubblico.

    Grazie.
    Sergio (il Cassettista).

    RispondiElimina
  4. non capisco mi sfugge qualcosa...ma di cosa stiamo parlando? si parla di crisi dell'euro e il dollaro sta sguazzando nel pantano dei minimi da molto tempo svalutato nei confronti dello Yen e di tutte le altre valute. C'è stato un rimbalzello ora ma di poco conto per ora...La Sterlina poi ai minimi di sempre con l'euro sempre il 30£ e oltre in più del dollaro..ma di cosa stiamo parlando? il termine corretto è crisi del debito non crisi dell'euro e se si parlasse di crisi del debito scopriremmo che USA GB e Giapan hanno debiti di gran lunga più elevati di noi...
    ma robe da mat

    RispondiElimina
  5. Carissimi Luciano e Maurizio sono esterefatta per aver scoperto Vloganza e la trovo straordinaria:finalmente una fonte di informazioni che mi da l'idea di non servire nessuno, se non la gente!
    potrei sapere, per favore, se è vero che investire in fondi o etf (ad es. monetari) sarebbe, in assoluto, meno rischioso che tenere i soldi sul conto corrente?
    mi scuso per l'anonimato, ma non so ancora identificarmi, grazie Clara

    RispondiElimina
  6. Complimenti a Braguzzi, ma dopo questo video son sempre più spaventato...Una domanda forse scontata e banale, ma che ripercussioni avrà la fine dell' Euro sull' America? E invece per gli italiani questo cosa vorrebbe significare?

    RispondiElimina
  7. Molto apprezzabile,non solo ma in particolare, la franchezza con cui Braguzzi espone le ipotesi sulle cause del possibile disastro finanziario che attende le economie occidentali.

    RispondiElimina
  8. L'attuale scenario catastrofico sarebbe stato impensabile sino a 1 mese fa.
    Fa riflettere la totale mancanza di reazione dell'Europa.
    Se a fronte dei sacrifici economici dei cittadini non ci sara' un'azione forte della BCE sara' tutto inutile.
    La BCE dovrebbe imporre un tetto max. al rendimento dei titoli di stato in emissione con massicci acquisti degli stessi al pari della FED. Se cosi' fosse gli Investitori tornerebbero ad aver fiducia nell'Eurozona e i tassi scenderebbero. Al risanamento delle economie europee seguirebbe anche il risanamento finanziario.
    marco

    RispondiElimina
  9. Oggi la Fed interviene e le borse volano. In pratica, di fronte a una Bce che si rifiuta di stampare moneta, la Fed metterà a disposizione dollari alle banche europee, pur di scongiurare un credit crunch. Ma ci vuole un premio nobel per capire che questo non è il momento dei falchi in politica monetaria? Mi ricorda tanto la crisi del 29, solo che in America l'hanno studiata a fondo e sanno come evitarla di nuovo, in europa sono fermi a Weimar e si vede.

    RispondiElimina
  10. @Attilio. Non so chi interviene ma credo che quando fanno 'ste mosse a mercati aperti devono fare un "regalo" ad un paio di banche caracollanti.
    Buona serata
    Riccardo

    PS: il gatto è morto, quando si muove è perché tirano i fili legati alle zampette.

    RispondiElimina
  11. gianluca braguzzi1 dicembre 2011 09:19

    @ pigreco come ho detto io stesso non è in crisi l'euro come valuta, concordo sul fatto che i cambi non hanno rispecchiato per nulla una vera crisi , viceversa euro dolaro sarebbe ben sotto 1,2 ma è in cirsi l'idea politica di Europa; si fa leva sul debito (che come incremento non giustificherebbe questo scenario) per colpire l'idea stessa di Europa. Guarda caso quando molti paesi arabi ed asiatici hanno annunciato di voler sostitituire, nei propri forzieri di riserve, i dollari con gli euro è partita questa dinamica. A chi giova???

    RispondiElimina
  12. gianluca braguzzi1 dicembre 2011 09:27

    @Alessandro: già a novembre 2008 scrissi il documento è ancora disponibile sul nostro sito sotto Progetto Sicurezza quello che sta accadendo. La prossima fase sarà quella del diffondersi dei disordini sociali e fors'anche di guerre civili. Solo un'era di catarsi globale di pulitura totale del mercato che consenta il fallimento di tutte le banche ormai a patrimnonio netto negativo (buona parte delle grandi banche)liberando gli stati dagli impegni presi appunto a sostegno del sistema bancario potrà evitare a questa generazione una nuova fase di guerre e violenze diffuse.
    Queste sono le prospettive più significative, detto questo le prospettive di tipo economico e finanziario, su cui si potrebbe scrivere un libro, sono decisamente di serie B...certo dire alla gente che ha i soldi in banca (nelle più svariate forme obbligazionarie/monetarie) che i propri risparmi non ci sono più del tutto o quasi NON sarebbe semplice ma, per me, sarebbe l'unica soluzione.

    RispondiElimina
  13. Forse uno scenario di guerre civili in europa mi sembra davvero eccessivo. Altri paesi hanno dichiarato default, vissuto 2 3 anni di buio e poi si sono ripresi. Forse basta solo toccare veramente il fondo per potersi riprendere. intanto il deleveraging continua e un decennio alla giapponese sembra lo scenario più probabile, e senza crack.

    RispondiElimina
  14. Gianluca Braguzzi5 dicembre 2011 13:56

    @Attilio lo voglio certamente sperare ma le prospettive di disoccupazione REALE sopra il 20% danno grande preoccupazione proprio a livello di tenuta sociale del paese. Oltre a ciò le spinte secessioniste potrebbero contribuire ad esacerbare gli animi favorendo uno scenario di tipo "Jugoslavo"...

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".