Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

venerdì 14 ottobre 2011

Oro sgonfio, petrolio in forchetta, rame arrivato e forza OWS

Il maggiore calo dell'oro degli ultimi tre anni stimola le speculazioni sulla possibilità che la crisi del debito, il rallentamento della crescita e l'orso sull'azionario guideranno gli investitori verso il lingotto. Il greggio chiude la seconda settimana di guadagno sostenuto dalla promessa di un piano di aiuto per le economie europee e dai dati migliori delle attese sulle vendite al dettaglio americane. Anche il rame sale per la seconda settimana in seguito al calo delle riserve del London Metal Exchange e del rallentamento dell'inflazione in Cina. Occupy Wall Street cresce nel mondo mentre i protestanti di New York si accordano con la polizia.

Lorenzo Paloscia - Trader materie prime e gestore di Etruria Capital Management a Chicago: "L'ultima ondata di vendite sull'oro è arrivata in contemporanea con quella sull'azionario, bisogna considerare che l'oro chiude in positivo da 11 anni consecutivi e che un calo è possibile anche se la prospettiva di lungo termine rimane rialzista".


13 commenti:

  1. @ Lorenzo
    Nel farTi i complimenti per la chiarezza la competenza e la simpatia Ti chiedo quale potrebbe essere un target di medio lungo per l'oro a livello fondamentale tenendo anche conto della richiesta in aumento da parte dei paesi in via di sviluppo (dei privati e delle banche centrali). Ora come ora a quanto lo vedi tra 5/10 anni?

    RispondiElimina
  2. grazie per i complimenti

    un target plausibile potrebbe essere in area 2500$ entro un paio d'anni. Considera che il prezzo record in termini reali (ovvero corretto per l'inflazione) e' in area 2200$.

    Nel breve pero' vedo che la correlazione positiva con l'azionario e con l'euro mi sembra piuttosto forte.

    RispondiElimina
  3. A roma i violenti erano meno numerosi delle
    escort del .... Premier 1

    Clint

    RispondiElimina
  4. ottimo paloscia, molto interessante.

    la prossima volta possiamo sntire anche un commento al natural gas?

    RispondiElimina
  5. @Clint Dopo i fatti di Roma un Ministro degli interni serio si sarebbe dimesso. Non andiamo oltre...

    @Anonimo il gas e' la mia materia prima preferita se Luciano vuole la prossima volta ne possiamo parlare senza problemi.

    RispondiElimina
  6. Ritiene che in questo momento possano esserci materie prime nelle quali poter investire i propri risparmi in una visione di lungo termine?
    stefania
    ringrazio per l'attenzione e ancor prima per la qualità dell'esposizione

    RispondiElimina
  7. @Stefania

    se vuoi una visone molto generale credo che i prezzi delle materie prime continuarenno a rimanere alti anche nel 2012. In particolare agricole ed energetiche. Questo a meno di situazione tipo 2008. In generale il numero di eprsone sul pianeta e' in continuo aumento e lo spazio coltivabile in diminuzione, stessa cosa per il numero di automobili, il numero di persone che utilizza elettricita' e riscaldamento. Dal lato offerta sono pochissime le nuove scoperte di petrolio e soprattutto abbiamo picco produzione in quasi tutti i paesi non OPEC (eccezione Canada che pero' ha petrolio da scisti molto piu' costoso).

    Detto questo bisogna fare molta attenzione ad investire nelle commodities. Le materie prime si muovono in modo violento e dipende dal tipo di strumento che si usa si puo' rischiare di farsi molto male. Alcuni strumenti sono adatti al trading (orizzonti temporali inferiori a un anno) altri magari sono piu' adatti agli investitori (orizzonte temporale oltre l'anno).

    Non ho molta simpatia per gli ETF, ETC e ETN in particolare ritengo quelli in leva assolutamente non adatti all'investimento, ne tantomeno al trading di lungo periodo.

    Effetto contango e Volatility decay sono due effetti che distruggono gli etc in leva nel lungo termine.

    Sul magazine EFFE sto facendo una serie di articoli (a firma JT Livingstone) dove spiego quali sono i modi per investire nelle materie prime. Se lo trovi in giro prova a dargli un'occhiata, a meno che tu non sia gia' esperta.

    Se poi vuoi essere piu' specifica nel definire il lungo termine magari ti dico cosa preferisco per il long.

    P.S. Dammi del tu please

    RispondiElimina
  8. ciao lorenzo
    ti leggo su finanza.com e adesso grazie al link del tuo ultimo articolo ti posso seguire anke qua.
    una cortesia puoi essere piu preciso su effe(numero/mese,editore)xke non riesco a trovarlo
    GRAZIE 1000 X IL SERVIZIO GRATUITO KE OFFRI E NATURALMENTE UN GRAZIE ANKE A LUCIANO
    marco

    RispondiElimina
  9. dimenticavo:
    pensi ke la stagionalita di inizio novembre possa riportare henry sui 4$ (sono sicuro ke un tuo commento video sarebbe apprezzatissimo da molti)
    marco

    RispondiElimina
  10. @Marco

    EFFE magazine o F magazine e' edito da Brown editore ma non saprei dirti i numeri dove troverai i miei articoli www.effemagazine.it e' il sito con alcuni articoli visibili su internet

    se proprio sei interessato solo ai mie articoli mandagli una email magari ti mandano il pdf.

    sul gas, se guardi gennaio, febbraio e marzo sono tutti in area 4$ quindi che henry spot torni li' e' piuttosto probabile. Attenzione alla ciofeca LNGA, io lo ritengo lo strumento trappola per eccellenza.

    RispondiElimina
  11. Ciao Lorenzo, passo al tu con piacere, ti ringrazio molto per la cura che hai avuto nel rispondermi; condivido l'idea che prodotti agricoli ed energetici vedano aumentare la loro domanda, così pensavo di metterci dei risparmi di famiglia. Ma poichè degli etf etc ed etn so solo superficialmente cosa sono, mentre ignoro i certificati ed altri ev strumenti accolgo con entusiasmo il tuo suggerimento bibliografico.
    Come periodo pensavo uno od anche più anni ma non vorrei caricarti troppo con le mie richieste

    un grazie di cuore
    stefania

    RispondiElimina
  12. @Stefania

    Le decisioni di investimento non sono semplici da prendere e ovviamente comportano rischi. Pertanto prima di lanciarti sulle commodities dovresti innanzitutto conoscere il tuo profilo di rischio, la tua preparazione in ambito finanziario e la tua disponibilita' economica.
    Detto questo ritengo che allocare parte del proprio portafoglio in materie prime sia un'ottima idea. Diversificare il portafoglio e' molto importante bisogna pero' stare attenti a come allocare i pesi.

    Le possibilita' per allocare una parte del proprio portafoglio in materie prime sono diverse:
    ETF in tutte le salse, materie prime fisiche, azioni di produttori, valute di paesi produttori, future e opzioni su futures e i miei preferiti i managed futures account

    tenderei a sconsigliarti CFD e certificati poiche' praticamente giochi prevalentemente contro un market maker e evidentemente la tendenza a approfittarsi di te e' diffusa e legale.

    I miei articoli su EFFE sono un'introduzione e da soli non sono sufficienti per prendere decisioni di investimento.

    In ogni caso mettere i soldi in un qualsiasi prodotto finanziario comporta dei rischi. In particolare se si decide di fare da soli bisogna tener presente che le materie prime sono estremamente volatili. Non che le azioni siano da meno in questo ultimo periodo ma le materie prime sono comunque piu' volatili dell'azionario.

    In ogni caso sia che si faccia da soli sia che ci si affidi a professionisti bisogna sempre effettuare una attenta ricerca.

    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  13. Apprezzo molto lo scrupolo col quale mi hai risposto e le raccomandazioni che esprimi. Per quanto mi riguarda mi rendo conto di aver bisogno di una cultura più seria in materia, so che non potrò dedicarci troppo tempo ma mi piacerebbe esplorarla un pò di più.
    Ti ringrazio molto
    Auguroni di cose belle!
    stefania

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".