Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

martedì 4 ottobre 2011

Questa crisi sembra peggiore di quello che é

I ministri delle finanze europee indicano la possibilità di perdite maggiori per il settore privato sul debito greco e rimandano la concessione della rata da 8 miliardi di euro. La Goldman Sachs peggiora le previsioni di crescita per l'economia mondiale e stima recessione per Germania e Francia. Il mercato azionario europeo cala per il terzo giorno con il diminuire dell'ottimismo sulla capacità dell'Europa di risolvere la crisi. L'indice Standard & Poor's 500 é a un punto percentuale dell'entrata ufficiale nel mercato orso.

Roberto Malnati - Responsabile gestione di Global Opportunity Investments a Lugano: "A differenza della crisi precedente le aziende non hanno problemi di liquidità, non ci sono difficoltà di approvvigionamento di materie prime o complicazioni  sul mercato immobiliare, rimane il problema del debito".


9 commenti:

  1. Malnati ha assolutamente ragione, i cds vengono emessi esclusivamente per affossare.... se l'opportunita'non esiste la si "crea", tramite appunto il cds

    RispondiElimina
  2. CDS si puo' tradurre come Scommesa sul fallimento .
    Non e' una assicurazione , quella e' un'altra cosa .
    Anche i lupi approfittano sempre delle prede piu' deboli piu' facili.
    Cosi' facendo , partecipano alla selezione naturale che crea organismi sempre piu' fit .
    Si puo' dire che e' grazie ai lupi e agli altri predatori che gli erbivori corrono , saltano e sono cosi' belli .
    Pero' restano lupi e qualcosa devono pur mangiare.......
    Se tra gli erbivori non ci sono capi malati o feriti o deboli ne prendono uno che non aveva niente che non andava , lo fanno correre , lo stancano , lo accerchiano e poi se lo mangiano.
    VIVO.

    RispondiElimina
  3. Daccordo sui Cds ...ormai sono una farsa grottesca che servono solo per "intonare " il mercato ,contrariamente allo scopo per cui sono nati ..ossia assicurare rischi.
    Di fatto non possono tecnicamente neanche assolvere allo scopo per cui sono nati...se paradossalmente salta il banco chi ripaga chi??

    Dire pero' che la crisi non esiste perche' le aziende "fanno utili " e vanno bene (a quali costi sociali ..?? chi consumera' questi utili se non si crea lavoro ??) con le montagne di debiti che girano per il globo e' come nascondere la polvere sotto il tappeto , o la testa sotto la sabbia...Al prossimo round le finanze degli stati sovrani chi dovranno salvare..??
    Il sistema e' ancora in piedi (moooolto precariamente )perche' si sono trasferite le porcate fatte sui libri privati (banche ,immobili etc..) sui libri pubblici ,ossia su noi tutti ...dobbiamo andare avanti su questa china ancora..??
    La strada non sara' lunga..e si interrompera' con una forte discontinuita' (si cadra' leteralmente da qualche ponte..)
    Non credo si possa parlare di economia sana ,utili etc. quando il monte debitorio e' diventato insostenibile e non piu' solvibile.
    I livelli degli indici americani sono poi del tutto fuorvianti ...sono mercati totalmene drogati e fuori controllo..quando ci sara' il vero avvitamento rivedremo l'87 ,per chi se lo ricorda .

    RispondiElimina
  4. Roberto i mercati emergenti continuano a scendere anche se la loro economia è solida; avendo come investimento un fondo su detti mercati lei mi consiglia di continuare o che altro?
    Forse spostarmi sugli obbligazionari della stessa area?

    RispondiElimina
  5. Ai mercati emergenti evidentemente la borsa non serve. Impegnati in cose VERE: PONTI, STRADE, CASE (anche troppe), AEROPORTI, ecc.. le loro borse appaiono abbastanza sterili.

    Le borse si impennano quando ha inizio la fine di quella economia, ogni riferimento.....

    notte

    RispondiElimina
  6. Il problema non è la speculazione ma la speculazione ad una via; quindi o le regole e i "giudizi" valgono per tutti oppure per nessuno.

    Tutto qui e visto che da tre anni vengon colpiti sempre i soliti, vedi banche e titoli tossici della allegra baracca anglosassone splendide, forse negare l'evidenza di questo è come esser come quelli che danno la colpa alla speculazione per le loro condizioni.

    Semplice.

    RispondiElimina
  7. I mercati emergenti avranno anche come dice lei "borse sterili" ma a me interessa investire per futuro proficuo inteso come ritorno...
    LORO le cose VERE le fanno, ma la domanda non era inerente a questo.

    RispondiElimina
  8. Secondo me la grande differenza tra la crisi del 1929 e quella attuale è che la prima fu inaspettata, quella odierna è stata prevista, favorita e inevitata, anzi voluta. Considerando l'enorme liquidità in circolazione sono convinto che se si volesse la crisi potrebbe finire oggi stesso, ma evidentemente i padroni del vapore hanno altri programmi.

    RispondiElimina
  9. Ma quale liquidita' ..???
    La liquidita' che vedi e' il futuro "mangiato " ai nostri figli iscritto sui libri di un sistema ormai collassato e da rifondare alle radici...i padroni del vapore semplicemente hanno le fette di salame sugli occhi ...
    Ed ancora con sta' storia che la crisi e' stata voluta ...la crisi e' esplosa in mano all'accozzaglia di escrementi umani che hanno speculato anche sulla dignita' delle proprie madri ,potendo contare su coperture politiche prezzolate ,pensando che potevano spremere limoni all'infinito...
    Se il nordafrica e' esploso contro i propri tiranni perche' nulla cambiava in un mondo ormai villaggio globale ,in occidente stiamo assistendo solo al prologo di quello che sara' il futuro prossimo se non la si smette di prendere per il culo la gente espropriandola di tutto per salvare le chiappe ad una oligarchia ladra e rapace .
    Dopo 3 anni ancora assistiamo a situazioni tipo Dexia che e' rimasta piena zeppa ,anche piu' di prima ,di liquami mentre strapaga miliardi i suoi magnaccia causa di disatri epocali che nulla hanno fatto per migliorare le cose ..anzi cercando ancora nuovi rischi..
    Ma io da contribuente dovrei pagare ancora per questi..e per quanto ancora..??
    Quando finiro' i soldi , e saremo in tanti , si andra' tutti a prelevare sti stronzi e ad appenderli ad un palo...
    Altro che liquidita'..
    Mi chiedo in che mondo vivete a volte..

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".