Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

venerdì 7 ottobre 2011

Il sistema è fallito perché è insolvente

La decisione della Bce di fornire liquidità al settore bancario concede più tempo ai politici per organizzare la ricapitalizzazione degli istituti mentre la Grecia si avvicina all'insolvenza. La Bank of England perde la fiducia nella capacità dei governanti europei di risolvere la crisi del debito. Angela Merkel e Nicolas Sarkozy si dividono sulle risposte da dare alla minaccia di insolvenza delle banche. Gli investitori aumentano la pressione sull'Unione europea perché presenti un piano di aiuto per il settore bancario prima dell'incontro del G20 di novembre.

Maurizio Piglia - Direttore investimenti della banca Savings & Investments a Auckland, Nuova Zelanda: "Gli investitori devono cacciare i soldi se vogliono la sicurezza, le banche le deve ricapitalizzare il cosiddetto mercato".


15 commenti:

  1. Porca miseria !

    vampiri, lupi mannari, cani di porcellana e gatti dalle sette code.... banche fallite.....
    Altro che bund, vado a comprare cibo e munizioni.

    RispondiElimina
  2. Fermi tutti, qui dobbiamo aggiungere anche un altra postilla. Se ricominciamo daccapo nelle condizioni prospettate il sistema legislativo per quanto riguarda la finanza va cambiato. Non è possibile ricominciare daccapo con questo mercato, ci deve essere più trasparenza e le banche DEVONO mettere a bilancio anche gli asset rischiosi, perchè sennò fra dieci anni siamo nelle stesse condizioni.

    Matteo.

    RispondiElimina
  3. Siamo cosi' abituati a prendercela in tasca che le parole di Maurizio ci sembrano surreali .
    Vincera' l'esperienza o la ragione ?

    RispondiElimina
  4. E gia' ..la verita' in genere e' un piatto difficle da digerire..
    Ma va messo sul tavolo ..e fortuna che esitono cuochi in grado di cucinarlo a dovere..

    RispondiElimina
  5. AndreaRM

    Maurizio sei un mito !!!! Il problema è che temo che prima di arrivare a soluzioni anni 30 i politici compreranno altro tempo buttando ancora via un botto di soldi ...... Grazie per le dritte date in precedenti interventi sulle obbligazioni da considerare in possibili investimenti ... cibo e poco altro appunto ..

    RispondiElimina
  6. Maurizio Piglia7 ottobre 2011 22:46

    @Matteo

    Proprio cosi' Matteo, hai perfettamente ragione, senza una radicale riscrittura delle leggi ( e aggiungo io, senza buttare fuori i banchieri e la loro influenza dai palazzi governativi)rivivremo tutto fra 10 o 20 anni....

    @Lorenzo DZ
    Lorenzo...ci stanno provando, la prova e ' che tutti si aspettano che i Governi ricapitalizzino le banche coi soldi dei contribuenti...quelli che servirebbero a fare scuole, ospedali, strade, centali elettriche per i nostri figlie nipoti. Ci proveranno Lorenzo..ma perche' chinare la testa e subire?? Se dobbiamo farci rubare il futuro...combattiamo, almeno. Almeno cadiamo combattendo, e non da schiavi.E combattere vuole dire opporsi e smascherare la menzogna.

    @ Anonimo
    I bund sarebbero ottimi se accettassimo di fare quello che e' giusto...ma siccome loro cercheranno di rubarci tutto, anche il futuro, per tenersi assurdi privilegi...beh..cibo e munizioni non e' un cattivo investimento.

    RispondiElimina
  7. Io non ci capisco piu' nulla!
    Ma in questo contesto, io piccolissimo risparmiatore con 50.000 Euro depositati sul conto in unicredit, cosa devo fare per tutelarmi?? Ritiro i soldi e li metto nel materasso? Mi compro un terreno agricolo? Compro le munizioni? Stringo il culo e spero che la tempesta passi?


    Ho il terrore di svegliarmi domani e scoprire che il bancomat non mi restituisce piu' i miei soldi!

    RispondiElimina
  8. Luciano lei durante il video ha detto che l'aumento del QE da parte della BOE viene letto come un segno di mancanza di fiducia nei confronti degli europei "per quello che possono fare x risolvere la propria crisi" - http://www.youtube.com/watch?v=sg2ndXkeIkQ&t=9m8s

    La maggioranza degli analisti si aspettavano un rialzo il prossimo mese del QE ma lo statement della BoE sottolinea come il ritmo di espansione globale è rallentato, in particolare nei mercati dove il Regno Unito è esportatore. Tensioni che mettono quindi a repentaglio la ripresa economica britannica.

    "La decisione di aumentare subito l'ammontare del QE ci suggerisce che la Banca d'Inghilterra è molto più preoccupata per lo stato dell'economia del Regno Unito rispetto a quanto aveva indicato nei precedenti annunci", commenta a caldo Michael Hewson, analista di CMC Markets.

    Le ho scritto Luciano per capire se cè discrepanza tra quello che ha detto lei rispetto a quello che si legge altrove.

    RispondiElimina
  9. Siamo spacciati, io preparo i miei soldi per il funerale....
    Se mai ci sarà qualcuno disposto a farmelo..

    RispondiElimina
  10. Gianni,

    io non vedo "discrepanza". Non commento sul copia e incolla da altri siti. Confermo la notizia riportata nel video di Vloganza.tv e la sua lettura.

    RispondiElimina
  11. Maurizio for president ! Magari anche i governi avessero il coraggio di dire le cose come stanno, anche se spiacevoli... di fatto, i governi europei stanno ipotizzando di salvare gli interessi di banche e istituzioni finanziarie con cui hanno commistioni, invece che tutelare il contribuente e il risparmiatore che li ha eletti...
    Temo che la tua previsione "munizioni e cibo" si avvererà...

    RispondiElimina
  12. Mi par che oggi il vice presidente della BCE abbia detto le uniche cose che, credo tutti, riteniamo sensate: le banche devono essere ricapitalizzate dal mercato e dagli azionisti.
    Io aggiungerei: requisire pure tutte le proprietà del management, metterli dentro e buttare via la chiave.
    Saluti
    Riccardo

    RispondiElimina
  13. @Maurizio Piglia :La seguo sempre e mi piacerebbe
    avere una sua oppinione sulla seguente
    analisi fatta da Giorgio Arfaras che ritengo una
    persona libera e preparata come Lei.
    http://www.centroeinaudi.it/qlettera-economicaq/asset-allocation-economiacentroeinaudiit-100/1280-il-fabbisogno-di-capitale-delle-banche-europee.html
    Ringrazio Maurizio e Luciano per l'impegno e la
    passione che mettete a nostra disposizione.
    Alessandro

    RispondiElimina
  14. Maurizio Piglia11 ottobre 2011 11:20

    @Alessandro
    Mi sembrano un filo ottimisti, propenderei per qualcosa intorno ai 600 miliardi...cioe' circa tutto il fondo di stabilizzazione, con Grecia , Portogallo e Irlanda a 30/50 cent per euro e Italia e Spagna a 70. Ma almeno si porta il marcio a galla.
    Ma se salvi le banche e i banchieri senza penalizzarli e senza una robusta legge di riforma del credito...tra 10 anni siamo daccapo...e introduci il principio che chi sbaglia...non paga, anzi, viene pagato....poco sano per il futuro.

    RispondiElimina
  15. Questi fanno riforme? Questi fanno pagare solo noi, altro che i bankster.
    Speriamo che questi recidivi distruttori di ricchezza usino tutto il malloppo per medicinali e stanze d'ospedali...
    Scusate ma mi stanno un filino sulle (quelle).
    Buona serata
    Riccardo

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".