Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

venerdì 23 settembre 2011

Le materie prime sfogano la mancata aspettativa di liquidità

Le materie prime calano al minimo degli ultimi nove mesi mentre diminuisce il prezzo dell'argento, del rame e del nichel in reazione all'aumento delle preoccupazioni sulla possibilità che i politici stiano esaurendo gli strumenti per evitare un'altra recessione globale. Diminuisce la domanda di metalli, carburanti e alimenti. L'oro cala sotto ai 1.700 dollari l'oncia a New York.

Lorenzo Paloscia - Trader materie prime e gestore di Etruria Capital Management a Chicago: "La liquidazione su tutte le materie prime é stata scatenata dalla mancata offerta di liquidità da parte della Federal Reserve e dai timori sull'arrivo di una nuova recessione".


10 commenti:

  1. complimenti un ottimo intervento, puntuale, preciso e anche molto utile. speriamo in maggiori apparizioni. Alessio

    RispondiElimina
  2. bel video, bravo Lorenzo.

    RispondiElimina
  3. Il Trader, specialista in commodities, Giancarlo Dall'Aglio, lo aveva chiaramente pronosticato, anche su Vloganza, nei mesi scorsi.
    Il prezzo abnorme delle materie prime era provocato, in gran parte, dall'eccesso di liquidità "gratuita" del QE2.
    Questa è la conferma che aveva visto giusto.

    Cordiali saluti Luciano, grazie a Paloscia, e alla prossima!

    RispondiElimina
  4. Dunque questo e' il volto della speculazione......
    Video interessantissimo .
    Grazie .

    RispondiElimina
  5. @ Lorenzo DZ

    "Dunque questo e' il volto della speculazione......"

    Detto così sa quasi di "ecco chi sono i cattivi"

    Come Luciano e i suoi ospiti hanno più volte spiegato, Lorenzo e gli altri trader non fanno altro che comprendere prima di altri cosa conviene comprare/vendere e gestire di conseguenza i soldi per conto dei propri clienti.

    Di per se il lavoro non è molto diverso da quello dell'esperto capitano che porta il peschereccio dove ci sono maggiori chance di trovar pesce.

    La speculazione dei trader di per se non è altro che un giudice imparziale che si limita a valutare lo stato delle cose e trarre profitto da eventuali squilibri di prezzo. Se dei prezzi sono distorti, aiuta a equilibrarli e ne trae profitto.

    Detto questo, ci sono anche speculatori "cattivi" (Soros e Paulson tanto per citarne un paio) che non fanno semplicemente quello che conviene ma mettono in atto anche strategie "sconvenienti" nel breve volte a strangolare alcune entità economiche e saccheggiarle . Un po' come il panettiere che pur di far chiudere il concorrente dietro l'angolo decide di regalare il pane per un po' di mesi ai propri clienti con l'obiettivo di fare maggiori profitti una volta che il concorrente avrà chiuso.

    Non è però il volto del video.

    RispondiElimina
  6. @Lorenzo DZ @Dario

    commento parte 1
    in effetti sono uno speculatore. Ovvero tento di speculare sul movimento dei prezzi di alcune materie prime.

    Lo speculatore non e' ne buono ne cattivo semplicemente si ritiene piu' bravo della controparte e scommette sulla direzione del prezzo di un asset. Se effettivamente e' stato piu' bravo incassera' un guadagno altrimenti una perdita.

    Dall'altro lato ci puo' essere sia un altro speculatore che ha la visione opposta sulla direzione del prezzo oppure ci puo' essere un soggetto che usa quel mercato per trasferire il rischio di prezzo (nei mercati dei future sono definiti commercial). Il commercial non ha nessuna voglia di prendersi il rischio di prezzo, perche' di lavoro fa tutt'altro e pertanto e' ben contento di trasferire il rischio di prezzo allo speculatore. Esempio classico il produttore di petrolio che crede che il prezzo scendera', vende future sul petrolio per garantirsi un prezzo sulla consegna futura. Al contrario un raffinatore comprera' un future sul petrolio per garantirsi un prezzo soddisfacente sugli acquisti futuri.

    Dall'altro lato c'e' lo speculatore che invece e' convinto che il prezzo andra' nella direzione opposta.

    La classica posizione long di chi compra azioni come investimento puo' essere considerata comunque speculativa. Chi e' long di sottostante ritiene infatti o che l'azione crescera' di valore o che la stessa produrra' un dividendo interessante. Se l'investitore non copre sistematicamente la sua posizione diventa di fatto uno speculatore sulla direzione del prezzo.

    ...

    RispondiElimina
  7. commento parte 2
    ...
    Gli speculatori sono molto importanti per correggere le distorsioni del mercato e per ridurne la volatilita'. La teoria economica insegna che maggiore e' la presenza di soggetti nel mercato, maggiore e' la quantita' di informazioni presente su quel mercato e maggiore pertanto e' la probabilita' che il prezzo sia effettivamente espressione dell'incontro tra domanda e offerta. Teoria appunto, nella pratica ci sono un bel po' di cosette in piu' da tener presente che sono legate piuttosto alla psicologia dei partecipanti al mercato. Ma qui entriamo in un argomento un po' troppo ampio definito Finanza comportamentale (Behavioral Finance)

    Tornando alla speculazione e agli sppeculatori. I privati come Paulson o Soros, non sono cattivi ne tantomeno buoni. Semplicemente prendono posizioni rischiose perche' hanno individuato delle distorsioni di mercato. Se Soros sbaglia perde soldi, cosi' come Paulson che al momento e' sotto piu' del 20% per l'anno in corso.

    Tra gli speculatori cattivi metterei invece le banche d'affari. E vi spiego il mio punto di vista.

    Queste banche oltre a creare dei mercati fasulli e poco trasparenti su prodotti complicati (vedi CDO e CDS sui muti subprime in USA) che quindi prezzano un po' come cavolo gli pare, sono anche in grado di influenzare i governanti per farsi allocare risorse pubbliche. TARP e vari QE in USA.

    Ovvero prima prendono posizioni altamente speculative, se vincono si pagano bonus stratosferici mentre se perdono vanno a piangere dal governo per essere salvate.

    E' successo in USA con i mutui subprime, succede adesso in Europa con il debito sovrano.

    Da tenere presente che quando queste banche si costruiscono i loro bei giochini rischiosi non vogliono assolutamente che il governo interferisca mettendo troppe regole. Anzi speso il governo e' ben contento di fare accordi con le banche, vedi Goldman Sachs con il governo greco, giusto per rimanere in Europa.

    Insomma ce ne fossero stati di piu' di speculatori come Paulson e Soros in giro, e se i governi fossero intervenuti solo per mettere regole per creare un campo di gioco il piu' trasparente possibile, forse tutto sto macello poteva essere evitato.

    ...

    RispondiElimina
  8. commento parte3

    ...Le banche di affari agiscono nel pieno rispetto delle regole (a parte alcuni casi) e sfruttano alla grande vuoti normativi o mancanza di regole per creare enormi guadagni nel breve e medio termine. Non si preoccupano assolutamente di rischiare di mettere in ginocchio l'economia reale nel lungo termine.

    Spesso la parola speculazione e' associata invece a comportamenti truffaldini e fuori dalle regole, in questo caso non si tratta di speculatori in quanto i soggetti che mettono in atto queste pratiche sono assolutamente certi che ne trarranno profitto. Non speculano su niente in quanto sanno gia' che il risultato sara' a loro favore.


    Ciao
    Lorenzo

    P.S. Scusate per i tre spezzoni di commento ma non mi faceva postare il commento in un unico post

    RispondiElimina
  9. Giusto per coerenza

    Nel video mi lancio in un BUY gold tra 1550 e 1600 onestamente al momento sono poco convinto e sono flat su oro. Attendo che si formi un minimo convincente il 1535 fatto in overnight non mi piace molto.

    Un mercato che e' salito ininterrotamente per 11 anni potrebbe anche prendersi una bella pausa, come segnala Jim Rogers

    Ciao
    Lorenzo

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".