Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

martedì 27 settembre 2011

La roulette greca dei banchieri europei

Le obbligazioni italiane a due anni calano e spingono il rendimento in alto di due punti base al 4,35 percento mentre il governo si prepara a vendere €14.5 mld di debito. Il Primo ministro greco George Papandreou, mette alla prova la forza della sua maggioranza mentre il parlamento si appresta a votare una tassa sulla proprietà ritenuta fondamentale per evitare l'insolvenza. Gli Stati Uniti criticano l'Europa per muoversi troppo lentamente nel trovare soluzioni alla crisi del debito. Il governatore della banca centrale cinese Zhou Xiaochuan, dice che é troppo presto per decidere come aiutare l'Europa.

Maurizio Piglia - Direttore investimenti della banca Savings & Investments a Auckland, Nuova Zelanda: "I banchieri hanno giocato alla roulette e hanno perso, hanno rastrellato una quantità di obbligazioni greche sul mercato contando sul salvataggio a spese del contribuente per pagarsi una ricca plusvalenza e bonus milionari".


5 commenti:

  1. Relativamente ai 1900 mld del debito italiano è vero che ogni punto percentuale di costo del debito comporterebbe 19 mld di spesa aggiuntiva, ma si omette di ricordare che la durata media attuale è di 7 anni.
    Altra omissione è relativa al fatto che, in presenza di inflazione, anche con crescita economica italiana pari a zero, con il pareggio di bilancio il rapporto debito/pil è destinato progressivamente a scendere, in quanto il pil incrementerebbe comunque grazie all'inflazione (crescita deflazionata 0, ma reale positiva).
    Io reitero le mie convinzioni... il mercato fa autoavverare ciò che desidera/prevede... quindi sarebbe bene smettere di urlare al default.. perché i numeri per uscire da questa situazione ci sono.
    Saluti e complimenti.

    RispondiElimina
  2. Ma cosa abbiamo fatto di male per meritarci questo momento storico dove casualmente i posti di comando sono in stragrande maggioranza occupati da perfetti idioti, incapaci, servi sciocchi e leccacu*o?
    Mah...
    Buona serata.
    PS: questi rialzini basati sui fondamentali tecnico-economici servono per fare la caduta più fragorosa?
    Riccardo

    RispondiElimina
  3. Buona sera.

    Ascolto sempre molto volentieri il Dott.Piglia ed apprezzo molto la sua coerenza.

    Si è vero, "....bisognerebbe far fallire la Grecia, mandare a casa i banchieri "truffaldini", nazionalizzare le banche."

    Questo è vero SI .........in un mondo perfetto.

    Una domanda (ed in questo condividendo alcune intelligenti perplessità di Luciano).

    Siamo cosi sicuri che l'economia Europea sia pronta ad un Default "classico" della Grecia e dell'Euro?

    Di un fallimento della Grecia ...... e dell'Euro chi ne benificerebbe?

    Grazie per la risposta.

    Grazie Luciano per la possibilità di riflettere.

    Aldo

    RispondiElimina
  4. fabio da ravenna27 settembre 2011 23:29

    Per risolvere la situazione italiana sul debito pubblico quasi tutti sanno come fare: patrimoniale sui grandi capitali ( e non da 500.000 euro o 1 milione di euro ma per esempio dai 10 15 milioni di euro)del 5% . inasprire le pene agli evasori col carcere duro e altro scudo fiscale con tassa stavolta al 30% 400 miliardi si ottengono da qui al 2014....
    Piu si va in alto verso chi comanda e piu ci sono idioti incalliti criminosamente artefici del disatro totale

    RispondiElimina
  5. @ Francesco Bellati
    Che la durata media sia 7 anni visto che la composizione va da trimestrale a trentennale, non mi stupisce affatto. Anche ieri, pero', c'era una scadenza da 14 Miliardi..ed e' costata di piu'..marginalmente, ma di piu'.

    Nel ragionamento sull'inflazione c'e' un difetto
    Quel che tu chiami "crescita deflazionata" e' appunto, quella reale. Quella dovuta all'inflazione e' soltanto nominale.E non viceversa.

    Il mercato non influenza la realta'. Accelera/ decelera solo la scoperta dei prezzi reali...quelli di scambio. Se la realta' e' un 'illusione creata ad arte..il mercato semplicemente la smaschera. Causa ed effetto non vanno confusi...gli "speculatori" non fanno accadere proprio niente. Fanno solo cadere le maschere , le falsita' e le illusioni...e quelli che hanno mentito e creato le falsita'...inventano poi "gli speculatori".

    Ti invito a riguardare bene il video. Il default di cui si "urla" e' Greco. Il mercato ti dice la verita'..titoli Italiani a 2 anni 3,75% titoli Greci a 2 anni 72%. Si vede bene chi e' insolvente e chi ancora no. Ma senza il mercato, i cialtroni si sarebbero ben guardati dal prendere l'iniziativa di pareggiarlo in 2 anni, il povero Bilancio Italiano.

    I numeri, per ora , ci sarebbero...vediamo a fine corsa quanti di questi numeri sono fantasia ( lotta all'evasione...col capo evasore Primo Ministro?!?!?) e poi vediamo quanto si riesce a diminuire i 2 trilioni...perche' la scommessa vera, e' quella.

    @ Riccardo
    casualmente...fino a un certo punto. Qualcuno li ha pur votati...mi sa che io e te no..ma qualcuno, si.
    Sul rialzino di short squeeze...l'orizzonte che conta e' fra 1 anno o due..non domani o dopo.

    @ Aldo
    Perfetto no, ne basterebbe uno dove chi governa non si sentisse e pretendesse di essere al di sopra e al di fuori della legge.
    Il default lo fa solo la Grecia...che defalti l'Euro e' una favola messa in giro dai banchieri..loro defalterebberop sul default greco...L'Euro ne potrebbe uscire rafforzato.

    Da un fallimento della Grecia...ne beneficerebbero i greci. Quello dell'Euro non accadra'...

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".