Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

mercoledì 21 settembre 2011

La questione greca é cruciale per la soluzione della crisi

La crisi del debito in Europa ha generato 300 miliardi di euro di credito a rischio per le banche europee, secondo il Fondo monetario internazionale. La Federal Reserve, a corto di strumenti per curare l'economia americana, potrebbe annunciare ulteriore stimolo monetario. L'Unione europea comunica di avere ottenuto buoni risultati nelle trattative con la Grecia mentre prepara una nuova missione ad Atene.

Claudia Segre - Segretario generale Assiom Forex a Milano: "La dimostrazione di un decisionismo forte da parte dei paesi euro nel risolvere la questione Greca prima e la crisi sovrana a seguire rimane il punto nodale per l'arrivo di nuovi investimenti in Europa".


5 commenti:

  1. ... non mi sembra che ne abbia indovinate molte..


    FIORENTINO DISPETTOSO

    RispondiElimina
  2. Il proprietario di Standard & Poor's e' semplicemente la Mc Graw Hill, compagnia di media specializzati nell'informazione finanziaria, di dimensioni globali.

    E il maggiore azionista di Mc Graw Hill e' ancora la famiglia Mc Graw, tant' e' che il Chairman e CEO e' Harold Mc Graw III.

    Francamente, non ci vedo oscure trame su " chi sono i proprietari....". Parafrasare Berlusconi, seguendo la sua linea di pensiero con altre parole, oggi come oggi, puo' portare su strade poco edificanti dal punto di vista dell'autorevolezza professionale....meglio dissociarsi e fare un minimo di ricerca.

    Sarei molto,molto, molto piu' preoccupato se qualsiasi agenzia di rating fosse sotto "l'egida" del Fondo Monetario.

    Basterebbe far pagare il costo del rating non a chi emette ma a chi compra bond, con una semplice , piccolissima "imposta" su qualsiasi transazione secondaria, e il conflitto di interessi non esisterebbe piu'....ma attenti a quello che desiderate, che poi, potrebbe avverarsi, e un' agenzia di rating seriamente indipendednte potrebbe farvi scoprire che meta' della carta che tenete a libro a prezzi ridicoli...e' pura spazzatura.

    Good night and good luck.

    RispondiElimina
  3. complimenti per la maglietta

    RispondiElimina
  4. A me par di si anzi e finalmente si parla della cosa più normale del mondo ovvero assegnare all'FMI il compito di giudicare gli stati visto che poi è lui stesso ad intervenire.

    RispondiElimina
  5. Chiedi a un Argentino come si vive sotto il Fondo Monetario...o meglio, prova un paio d'anni sulla tua pelle. Il FMI NON voleva che l'Argentina facesse default...che e' quello che l'ha salvata, a suo tempo, cosi' come pretendeva che L'Islanda onorasse il debito delle sue banche private....cosa che non ha fatto e si e' salvata.
    il FMI e' un cancro che condanna le popolazioni a sofferenze indicibili per salvare il c**o di banchieri e finanzieri...

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".