Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

venerdì 29 luglio 2011

Una anormale normalità

"Se in Italia le illazioni sui supposti speculatori sono un modo per fare passare in parlamento delle misure necessarie allora ben venga anche lo spettro della speculazione - dice Giovanni Beliossi, socio fondatore di FGS Capital a Londra - altrimenti sono storielle perché il vero problema é la credibilità del paese, occorre fare politiche economico finanziarie più assennate".

"Alla fine il conto del quantitative easing andrà pagato - dice Beliossi - le valutazioni delle varie classi di investimento sono state alterate con in più il fenomeno della fortificazione dei bilanci bancari che non si é riversato sull'economia reale, però un QE3 arriverà di sicuro in qualche forma".

"Gli squilibri tra i vari attivi finanziari riflettono una brusca presa di coscienza del mercato sul rischio delle obbligazioni governative - dice Beliossi - che ha creato una situazione esagerata ma anche di ragionevole consapevolezza del pericolo".


7 commenti:

  1. Leggete questo articolo. Che ne dite ?

    http://angelocristofanelli.blogspot.com/2011/07/prima-110-miliardi-poi-altri-160-ancora.html

    Rolfo 2000

    RispondiElimina
  2. Le banche..banchettano coi soldi gratuiti della Fed!
    ...ma non dura.

    Grazie Luciano e Beliossi.

    RispondiElimina
  3. In questo agosto finanziario turbolento si sente la mancanza della vloganza quotidiana. Saluti

    RispondiElimina
  4. @Rolfo 2000: ho letto l'articolo che indichi.

    Non capisco perché in quell'articolo ci sia tanta ritrosia ad ammettere che Keynes, l'Immacolato Cavaliere dell'aiutino statale all'economia, incarni in realtà il fallimento di ogni teoria che veda l'interventismo dello Stato o delle banche centrali. E' storia di questi anni, difficile ignorarlo.

    "Against stupidity even the gods are helpless." E allora perché mettere tanto potere nelle mani di pochi?

    Perché non lasciare che ***OGNI CITTADINO*** decida ***PERSONALMENTE*** dei suoi soldi in un regime di Libero Mercato?

    Chissà quanto manca ancora a capire che un regime monopolista, quale è quello dello Stato in molti settori cruciali (sanità, istruzione, giustizia, sicurezza) è e sempre sarà fonte di inefficienza e corruzione.

    Viva Hayek ( due simpatici video sono questo http://www.youtube.com/watch?v=d0nERTFo-Sk e questo http://www.youtube.com/watch?v=GTQnarzmTOc&feature=relmfu)

    Viva Vloganza

    RispondiElimina
  5. vloganza...dove sei ?
    qui nel bel paese si trema...non lasciarci soli...
    luigi da napoli

    RispondiElimina
  6. Possibile che 3 giorni fa abbia visto il prezzo del petrolio a 73 euro e oggi a 87?
    20% in 3 giorni!
    Ma quando cappero la smettono di regalare i soldi per farci spremere?
    Ma quando cappero la smettono di regalare soldi per far fare utili tossici?
    Capitalismo del c..ppero...
    Buon Ferragosto
    Riccardo

    RispondiElimina
  7. Ops...ieri la sala bingo (richieste dei sussidi di disoccupazione) ha estratto numeri molto ma molto meglissimo delle attese.
    Ora tocca agli alcolisti anonimi (consumer confidence) e poi agli imballatori (scorte)
    ^_^
    Riccardo

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".