Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

lunedì 6 giugno 2011

La fine del mercato rialzista e l'intuito della tecnologia

Il mercato azionario globale é in ribasso per il quarto giorno, ha cancellato oltre $2.000 mld di capitalizzazione dal massimo del 1 maggio. Le ultime cinque settimane di perdita dell'azionario americano hanno portato le valutazioni delle aziende tecnologiche al livello minore di oltre dieci anni con una perdita del 7% e di circa $190 mld di valore dal 18 febbraio, il settore peggiore dopo il finanziario. L'euro tocca il massimo dal 5 maggio contro il dollaro a 1,4658 per poi calare a 1,4606.

Riccardo Marzi - Trader indipendente a Londra: "Siamo di fronte a un'inversione di tendenza del mercato rialzista, il futuro potrebbe essere più triste di quanto visto finora. Attenzione a cosa chiamiamo tecnologia, ci sono molte aziende che sono forti oggi ma che tra pochi anni potrebbero scomparire".

- LinkedIn, Groupon, Hewlett-Packard, Yahoo, Microsoft


3 commenti:

  1. Ciao Riccardo, come la vedi STM?

    RispondiElimina
  2. onestamente la STM non e` un titolo che seguo molto.
    comunque STM produce semiconduttori , non sara colpita in maniera estrema da questo cambiamento verso le tavolette e gli smartphone.
    ad esserne colpite saranno le societa` piu` esposte sui PC, come Microsoft

    Riccardo Marzi

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".