Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

venerdì 24 giugno 2011

Il ribasso azionario durerà ancora diverse settimane - Analisi tecnica

"I mercati ancora una volta hanno visto giusto - dice Gaetano Evangelista, Amministratore unico di Age Italia a Bari - quando a febbraio hanno iniziato questo processo ribassista anticipando un rallentamento economico di cui ora si inizia ad avere una traccia concreta a livello globale"

"Il rallentamento della crescita Usa registrato nel primo trimestre é temporaneo - dice Evangelista - perché é dovuto all'aumento del prezzo del petrolio che ha limitato i consumi e al blocco della produzione giapponese che ha pesato sull'attività manifatturiera americana, due fattori che si ribalteranno nei prossimi trimestri"

"A meno di non avere un'elevata propensione al rischio - dice Evangelista - per gli investitori sul mercato azionario é preferibile aspettare la fine dell'attuale fase di consolidamento che richiederà ancora diverse settimane"


12 commenti:

  1. Gaetano: MAGNIFICO, non c'è altro aggettivo.

    Franco.

    RispondiElimina
  2. anche meno di diverse settimane, direi da un minimo di 3 a un massimo di 10 giorni di borsa aperta.

    RispondiElimina
  3. Sono propenso a credere che, salvo l'insorgere di altri "cigni neri", la correzione dei mercati azionari potrebbe esaurirsi nella prima decade di Luglio.

    RispondiElimina
  4. complimenti gaetano evangelista...sei un vero professionista. lorenzo

    RispondiElimina
  5. Vorrei sapere dal dott. Evangelista se ritiene opportuno entrare sul petrolio a questi prezzi o se è meglio aspettare ancora. Grazie

    RispondiElimina
  6. Come suggerivo venerdì, aveva un senso comprare petrolio qualora la parete inferiore del canale a 93 dollari e rotti avesse retto. Con la violazione di questo argine, sarei incline per il momento a soprassedere; a meno di un immediato rientro all'interno del canale.
    Stamattina qui mi hanno fatto notare una circostanza interessante: gli hedge fund hanno venduto posizioni sul petrolio negli ultimi tre mesi, ma sono ancora piuttosto esposti:

    http://www.ageitalia.net/grafici/CL.gif

    Per cui il rischio è che si trovino nella posizione di dover vendere ancora per evidenti motivi. Al momento il saldo netto è pari a quasi il 10% del mercato: penso che un momento ideale per comprare sarebbe non prima che il saldo netto scenda sotto il 5%.
    A quel punto saremmo idealmente a ridosso della parete inferiore del canale più grande, a 83-84 dollari per barile.

    RispondiElimina
  7. Ciao Gaetano,
    ti seguo oramai da diverso tempo e ti ringrazio per le analisi sempre molto chiare e puntuali.
    Una domanda :
    ritieni più probabile in questa fase una correzione a "V" o piuttosto una fase di accumulazione lenta che porti poi ad una ripresa dei corsi?
    Grazie e buon lavoro

    RispondiElimina
  8. Penso che una reazione "a V" sia parte di un consolidamento che non è ancora terminato, e che disturberà ancora durante il prossimo mese. Una cosa comunque è certa, anzi due:

    1) il bull market iniziato a marzo 2009 non è ancora terminato.
    2) la nostra borsa non raggiunge il minimo prima che si compia la capitolazione degli investitori (e degli analisti). Venerdì accennavo al fatto che non c'è minimo a piazza Affari prima che al termine della discesa il MIB non perda almeno il 2.5%. Lunedì poi il Greed Index, indicatore di sentiment della borsa italiana, è sceso finalmente sotto i 40 punti, dando il là al rimbalzo:

    www.ageitalia.net/grafici/Greed.gif

    Mi dispiace non essere più presente nelle discussioni, ma purtroppo in questo periodo sono impegnato nella redazione dell'Outlook per il secondo semestre, che assorbirà tutte le mie residue energie. Su Vloganza l'appuntamento con i miei quattro seguaci è per venerdì 22 luglio.

    RispondiElimina
  9. Scusate ma il 24 giugno ore 15,41 viene detto che il ribasso durerà ancora alcune settimane, il 27 (25 sabato, 26 domenica) viene tirato in ballo il greed a 40 e si esulta per l'inizio del rimbalzo che ad oggi è +4-4,5%.
    Boh...
    Cordiali saluti
    Riccardo

    RispondiElimina
  10. l'avevo detto che il ribasso sarebbe durato pochissimo ;)

    RispondiElimina
  11. in borsa hanno tutti ragione, nessuno dice compro ora a tot e vendo il tale giorno a tot. Normalmente si prevede il passato!

    RispondiElimina
  12. Credo che la regola sia una: se la stamperia è aperta la borsa va su, se la stamperia è chiusa la borsa va giù.
    Inoltre credo che la borsa non anticipi una bella mazza, ma più semplicemente che ci siano gli stampanti che si fanno le fotocopie dell'ordine del giorno dettato dal capo stampista alla segretaria.
    ^_^
    Cordiali saluti.
    Riccardo

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".