Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

mercoledì 4 maggio 2011

Dollaro rivalutato azionario monetizzato

Il mercato azionario asiatico chiude in ribasso in seguito al calo dei produttori di materie prime, ad alcune trimestrali deludenti e alla possibilità che la Cina continui ad alzare i tassi di interesse. L'euro si riavvicina al massimo di 18 mesi in attesa che la Bce annunci ulteriori restrizioni della politica monetaria. Il Portogallo comunica di avere raggiunto un accordo per un pacchetto di aiuto da 78 miliardi di euro.

Roberto Malnati - Responsabile gestione di Global Opportunity Investments a Lugano: "Dovesse rivalutarsi il dollaro assisteremo ad una bella presa di profitto sull'azionario, la vendita dell'argento sui massimi dà la stessa indicazione, siamo vicini al punto in cui il dollaro potrebbe dire esisto ancora".


3 commenti:

  1. grande malnati!!!!! come sempre.

    RispondiElimina
  2. Le materie prime calano per un motivo a mio avviso semplice. La politica restrittiva della BCE strozzerà l'europa.. i salari subiscono il salasso anche della benzina. Ma come pensate si possa crescere nella produzione in europa se i consumi sono fermi? A chi giova questo aumento se non al carry trade dei soliti noti? Aumentare
    i tassi europei significa anche deprimere la borsa. Insomma aumenta l'effetto povertà in Europa ovvero il freno allo sviluppo. Insomma la BCE applica la politica monetaria della Cina. solo che la Cina cresce al 9% e fischi !

    RispondiElimina
  3. Se non sbaglio a detta di Malnati il petrolio non sarebbe più sceso sotto i 100 dollari....

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".