Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

lunedì 11 aprile 2011

Utili in dubbio, condizioni impossibili e litigate da cortile

Il mercato azionario asiatico chiude in ribasso e lo yen si apprezza in reazione al terremoto di magnitudo 7.1 che ha colpito il Giappone. I ribelli libici sono pronti a  rifiutare l'accordo sul cessate il fuoco raggiunto dall'Unione Africana se non comporta l'uscita di Gheddafi. La Germania avverte sul pericolo del debito greco mentre il Portogallo cerca un pacchetto di aiuto da 80 miliardi di euro. Il presidente Obama dovrà affrontare un'altra battaglia contro i repubblicani sui limiti del debito governativo.

Maurizio Piglia - Direttore investimenti della banca Savings & Investments a Auckland, Nuova Zelanda: "Quello che conta in realtà é il premio che il mercato deciderà di chiedere per continuare ad assorbire debito americano, se gli Stati Uniti devono sfondare il tetto e emettere altro debito non riusciranno a classarlo a costo zero come adesso".


2 commenti:

  1. ciao Luciano, mi piacerebbe sapere come spiega il bravo Maurizio il primo deficit trimestrale della bilancia commerciale della cina dopo 7 anni nonostante la svalutazione dello yuan.
    In secondo luogo vorrei una sua opinione su questa UE pronta a puntare il dito contro i paesi indebitati ma menefreghista circa il problema dell'immigrazione in Italia. Sarebbe favorevole o contrario all'uscita dell'Italia dall'europa? e magari anche a un ritorno della lira? cosa succederebbe?

    grazie, a presto

    Lux74

    RispondiElimina
  2. Maurizio Piglia12 aprile 2011 04:33

    Caro Lux74
    Innanzitutto, lo yuan, pur ancorato al $USA, ha rivalutato, lentamente, contro la valuta americana, che ha invece continuato a perdere. Credo lo youan abbia "spostato" il peg col $ US di circa il 7% solo quest'anno...ma non e' questo il punto principale.
    Il punto e' che i Cinesi hanno sotituito la crescita dell'export con la crescita interna, e il deficit commerciale , sia pure ridotto in valore assoluto, ne e' il risultato piu' visisbile.
    La mia opinione sulla UE, e' la stessa che nel video, e' un 'accozzaglia di interessi divergenti, non e' mai stata una nazione, e non lo diventera' con queste regole o con un'unione puramente monetaria. Per questo lascia il problema dei suoi confini...agli Stati di confine, anche se penso che la recente polemica del nostro Primo Ministro abbia molto di strumentale nel deviare l'attenzione da se e deviarla su qualcos'altro, che comunque e' un problema.Non ero un entusiasta dell'Euro, penso che il vero cambio lira/euro sia stato fatto a 1,000 lire per prezzi degli asset e dei generi di consumo e a cambio ufficiale per i salari. Risultato: potere d'acquisto dimezzato in meno di 2 anni. Un ritorno della lira? Il costo dei nostri input diventerebbe proibitivo, visto che non avremmo esitato a svalutare... Il cosa succederebbe richiederebbe un libro...e forse non basterebbe.
    Un Saluto

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".