Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

lunedì 11 aprile 2011

Trimestrali, grande liquidità e bassi rendimenti spingeranno l'azionario

Il Fondo Monetario Internazionale peggiora le stime sulla crescita degli Stati Uniti a causa dell'aumento del prezzo del petrolio e della depressione del mercato del lavoro. Il mercato azionario europeo chiude con modesti spostamenti e rimane vicino al massimo mensile. Il maggiore fondo obbligazionario mondiale ha preso posizione contro il debito del governo americano. Il rendimento sull'obbligazione biennale tedesca arriva al massimo dal dicembre 2008.

Gianluca Braguzzi - Direttore gestioni e strategie Total Return Sgr a Mantova: "Il mercato azionario si sta stabilizzando vicino ai massimi mensili una situazione che normalmente prelude a dei movimenti rialzisti di grande interesse".

1 commento:

  1. Dow Jones vicino ad un nuovo crollo?

    Guardate la seguente immagine:
    http://4.bp.blogspot.com/-VcZ_ol9ICac/TaNj3pk3q4I/AAAAAAAAA1I/OpsFDFe8ZiM/s1600/leafknows_20110411.jpg

    La linea verde rappresenta l'andamento dell'Indice Dow Jones da inizio anno ad oggi;
    La linea arancione rappresenta il tasso di cambio Euro/Dollaro da inizio anno ad oggi;
    La linea blu rappresenta il future sul brent da inizio anno ad oggi.

    Cosa ci stanno dicendo questi movimenti? A mio avviso, nulla di buono...

    I tassi di interesse USA sono fissi al livello compreso tra lo 0% e lo 0,25%;
    Fino ad oggi, l'indice Dow Jones, tra cadute e risalite, ha avuto un trend comunque al rialzo, segno apparente (!) che il mercato borsistico sta riprendendosi dalla crisi finanziaria;
    Tuttavia: il continuo aumento del future indica che gli investitori scommettono su un prezzo di mercato futuro ancor più alto del prezzo del future attuale, cioè su un livello di tassi di interesse più basso di quello attuale. La prospettiva è di rivendere in futuro a pronti ad un prezzo inferiore a quello di mercato, quanto verrà acquistato a termine: così facendo, si possono ottenere grandi utili;
    Inoltre: il tasso di cambio Euro/Dollaro ha ripreso a rafforzarsi con forza, segno che i rialzi di Borsa non sono probabilmente dovuti (!) a maggiori afflussi di Dollari, ma a semplici aspettative di maggiori rialzi di Borsa futuri.

    La mia conclusione è la seguente: Se dovesse succedere che il prezzo del future comincia a diminuire sistematicamente (come oggi!), o che il tasso di cambio Euro/Dollaro si stabilizzi (come in questi giorni), potrebbe verificarsi a breve un nuovo crollo dell'indice Dow Jones!

    Post scritto su LEAF da Matteo Olivieri.
    http://matteoolivieri.blogspot.com/2011/04/dow-jones-vicino-ad-un-nuovo-crollo.html

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".