Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

martedì 12 aprile 2011

Stiamo entrando in una fase molto pericolosa

Il Giappone alza il tasso di severità della crisi nucleare fino al massimo e allargare la zona di evacuazione mentre altre scosse secondarie scuotono il paese. Il mercato azionario asiatico registra il maggiore calo dell'ultimo mese, il petrolio guida il ribasso delle materie prime, il franco svizzero si apprezza. La Fiat aumenta la partecipazione nel Gruppo Chrysler al 30 percento con l'intenzione di raggiungere il controllo entro fine anno. Le banche americane potrebbero comunicare entrate deludenti nel primo trimestre in seguito al calo della richiesta di finanziamenti. La fiducia degli investitori tedeschi cala oltre le attese mentre l'inflazione accelera al passo più veloce degli ultimi due anni e mezzo.

Roberto Malnati - Responsabile gestione di Global Opportunity Investments a Lugano: "La situazione del Giappone é drammatica e inciderà sulla macchina produttiva mondiale. Il passo della Fiat su Chrysler viene giudicato dal mercato come un azzardo finanziario. Il QE non sta per nulla facendo ciò per cui é stato pensato e progettato. Il calo della fiducia tedesca esprime l'incertezza sulle prospettive dell'economia europea".


Nessun commento:

Posta un commento

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".