Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

mercoledì 6 aprile 2011

Non é detto ci sia rifugio nell'oro né che le materie prime non esplodano

L'oro sale al massimo storico per il secondo giorno consecutivo sostenuto dal peggioramento della crisi del debito in Europa e dalle prospettive sull'aumento dell'inflazione. Il mais più costoso in oltre due anni e mezzo spinge al rialzo i prezzi del grano. Il petrolio tratta vicino al massimo di 30 mesi con gli investitori che cercano riparo contro l'inflazione. Il mercato azionario asiatico é misto tra i guadagni della Cina e le perdite del Giappone. La banca centrale americana potrebbe dovere affrontare divisioni interne nel caso volesse proseguire il programma di acquisto di obbligazioni statali oltre giugno.

Giancarlo Dall'Aglio - Analista materie prime di LombardReport.com a Napoli: "L'oro e l'argento alternano comportamenti da beni rifugio a quelli di strumenti finanziari altamente speculativi mentre la liquidità sul mercato compra tutto, il prezzo da pagare per il proseguimento del QE potrebbe essere di aumenti fino al 500 percento su tante materie prime".

- Risposta a Franco: "La zona euro sarebbe protetta dalla forza della moneta nel caso di un eccesso di inflazione?"


4 commenti:

  1. interessantissimo, complimenti!
    finalmente un vero esperto (e trader di commodity). da sentire tutte le settimane.
    un bravo al mio concittadino!

    bravi!
    Luigi da Napoli

    RispondiElimina
  2. dal nord (varese) al sud ...
    mi associo...
    bravo Luciano
    Mary

    RispondiElimina
  3. Molto, molto interessante. Il mondo delle materie prime è per la maggior parte degli investitori retail italiani, un mondo ancora tutto da esplorare.
    Dall'Aglio è un professionista ben preparato e riesce a "esplorare" bene questo mondo, nell'interesse di chi lo ascolta.
    Spero proprio (essendo io un trader in commodities) che questo incontro tra Luciano e Dall'Aglio, diventi un'"abitudine" settimanale.

    Grazie a entrambi e a ben risentirvi...

    RispondiElimina
  4. si sarebbe opportuno fare si che questo incointro avvenga con periodicità almeno settimanale

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".