Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

venerdì 4 marzo 2011

Primi accenni a una brusca fine del QE

Alcuni funzionari della Federal Reserve indicano la possibilità che il programma di acquisto di obbligazioni possa finire con il prossimo mese di giugno. Le Borse asiatiche salgono per il quarto giorno consecutivo in reazione ai segnali di miglioramento dell'economia americana. Il prezzo del greggio sta per chiudere la terza settimana di guadagno in seguito al perdurare delle violenze in Libia e alle proteste in Iran e Oman. I prezzi record delle materie prime alimentari sono destinati a rimanere alti a causa dell'aumento della domanda, secondo il Fondo monetario internazionale.

Maurizio Piglia - Direttore investimenti della banca Savings & Investments a Auckland, Nuova Zelanda: "Il Quantitative Easing é quello che ha portato i mercati finanziari dove sono adesso, é chiaro che l'importanza di notare cenni di cambiamento é fondamentale per capire se si é arrivati ad un'inversione o meno di questa politica monetaria, mi chiedo se effettivamente verrà tolto il metadone al drogato".


4 commenti:

  1. Questo può interessare:
    Albert Edwards, responsabile del team di strategia globale di Société Générale dice: "E' incredibile come sia forte il legame che esiste tra lo S&P e la dimensione del bilancio della Fed. Io ritengo che siano stati il QE1 e il QE2 a far salire i prezzi dei mercati azionari, e che questi ultimi abbiano sostenuto la ripresa dell'economia".

    Segnalo il link dell' articolo: http://www.wallstreetitalia.com/article.aspx?IdPage=1091986

    RispondiElimina
  2. Ciao Grandeindio, grazie per la segnalazione. Verrebbe però da dare il buongiorno sia al signor Edwards che a Wall Street Italia per la sagace scoperta.

    Tra le altre possibili conseguenze del QE, come Vloganza testimonia da mesi, l'indebolimento del dollaro, la crescita degli utili delle banche Usa, l'aumento dell'inflazione che segue al rialzo del prezzo delle materie prime e l'inasprirsi delle tensioni con Cina e Asia in generale. Immagino che qualcun altro in Italia ne parlerà prima o poi.

    Forse nemmeno a Vloganza é stata fatta abbastanza chiarezza. Sto pensando di realizzare un video interamente dedicato al Quantitative Easing, presto spero.

    RispondiElimina
  3. ottima idea luciano, sarei molto curioso di un speciale sul QE.
    Luigi

    RispondiElimina
  4. Maurizio Piglia9 marzo 2011 02:33

    Edwards di SocGen e' un ospite fisso di ZeroHedge da oltre 2 anni e uno di quelli che correda le sue opinioni di ottimi numeri.
    Lui li chiama steroidi, io metadone...intendiamo la stessa cosa.

    Sul fatto che Wallstreet Italia sia in notevole ritardo, ha ragione Luciano.
    Ho notato la stessa Wall street Italia ha pubblicato svariate traduzioni di articoli di Zerohedge senza i "credits"..il che mi fa pensare che abbiano accordi con Zerohedge per farlo.
    Penso...credo.

    Comunque, uno degli ultimi interventi di Edwards, articolato in inglese e non minimalista come in Wall Street Italia che fa un riassunto generale e' qui:
    http://www.zerohedge.com/article/albert-edwards-resurgence-conspiracy-optimism-groupthink-back-record-levels

    Ripeto Edwards e SocGen sono coerentemente da un paio d'anni su questa tesi. Non da ieri...
    Wall Street Italia.... beh e' molto piu' recente come scoperta, per loro.

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".