Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

giovedì 10 marzo 2011

L'energia rinnovabile ha bisogno di politiche di mercato

Il futuro del settore elettrico é di fondamentale rilevanza economica e sociale. Lo sviluppo di un sistema elettrico sicuro ed efficiente è basilare per la crescita di ogni economia moderna. Nell’ultimo decennio i vari paesi europei hanno progressivamente trasformato i rispettivi mercati chiusi della generazione di energia verso un'apertura concorrenziale crescente che farebbe pensare ad un conseguente aumento della competitività e dell'efficienza e a una diminuzione delle tariffe.

Tatjana Eifrig - Analista del settore energia di Banca Finnat a Roma: "É stato giusto dare una spinta al segmento delle energie rinnovabili con degli incentivi ma purtroppo quasi tutti sono finiti nelle mani di chi non ha realizzato produzioni da fonte rinnovabile, tanti si sono buttati su questo settore per beneficiare esclusivamente degli incentivi".

"La competitività nel settore energetico - dice Tatjana Eifrig - é legata ai costi di produzione che in Italia sono tra i più alti d'Europa, é necessario continuare a lavorare sul miglioramento dell'efficienza delle energie rinnovabili accanto all'energia nucleare".


Nessun commento:

Posta un commento

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".