Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

lunedì 28 marzo 2011

Debito improponibile, estrema povertà, guerra e vecchio carbone

L'Irlanda intende condividere le perdite del settore bancario con i detentori di obbligazioni e il governo spagnolo cerca di costruire un muro di protezione per evitare il contagio dal debito portoghese. Il rialzo del prezzo del cotone potrebbe essere finito in seguito al primo aumento dei raccolti dal 2007. Le forze ribelli avanzano verso l'ovest della Libia mentre gli aerei della Nato colpiscono Sirte, la città natale di Gheddafi. Il mercato azionario asiatico é in ribasso per la prima volta negli ultimi tre giorni dopo che l'aumento del livello di radiazioni ha bloccato le riparazioni al reattore nucleare giapponese.

Roberto Malnati - Responsabile gestione di Global Opportunity Investments a Lugano: "Manca un controllo dei governi sulla gestione equa delle risorse e un'etica della produzione e della distribuzione, il settore finanziario é concentrato solo sul massimizzare la speculazione e rimane indifferente al destino di chi poi dovrà utilizzare queste risorse".


2 commenti:

  1. vorrei farvi leggere un post di un sito internet...
    http://intermarketandmore.finanza.com/economia-la-cina-non-si-ferma-mai-anzi-266692.html

    vi chiedo cosa ne pensate..e se è una cosa legale che la Cina appartiene al WTO senza far apprezzare la sua moneta alla stessa velocità della sua crescità causando squilibri sempre maggiori con l'occidente...
    domanda da porre anche a Maurizio Piglia o altri...

    RispondiElimina
  2. Maurizio Piglia1 aprile 2011 09:32

    Una volta Molotov, suo Ministro degli Esteri, disse a Stalin che non poteva fare qualcosa perche' il Vaticano era contrario...Stalin ci penso' su, poi chiese a Molotov: " Ma quante divisioni ha il Vaticano?"

    Magari, piu' che "legale" non e', intrinsecamente, giusto...ma chi vuole prendere di petto la Cina, oggi, fa meglio ad avere tanti, tantissimi soldi...oltre alle divisioni di staliniana memoria.
    I " rapporti di forza" si chiamano cosi' mica a caso....
    Un saluto

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".