Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

martedì 8 febbraio 2011

Percezioni, paragoni, puntualizzazioni

Le Borse asiatiche sono miste tra i guadagni dei titoli finanziari e le perdite dei tecnologici. La Toyota migliora le previsioni sugli utili annuali del 40 percento. La Volkswagen accetta la richiesta di aumento dei salari dei propri dipendenti per evitare scioperi mentre aumenta la produzione. In Gran Bretagna le vendite al dettaglio crescono al passo più veloce degli ultimi 10 mesi. Goldman Sachs invita gli investitori a comprare titoli bancari europei.

Maurizio Piglia - Direttore investimenti della banca Savings & Investments a Auckland, Nuova Zelanda: "Buone aziende che investono in tecnologia e design, invece di portare vecchi impianti in paesi dove il costo del lavoro é inferiore, alla fine ottengono dei risultati tali da rendere conveniente pagare meglio la forza lavoro per incrementare la produttività".

- Risposta a Fiorenzo: "Come proteggere i risparmi e anticipare l'eventuale tempesta perfetta?"


3 commenti:

  1. Ricordiamoci che in Usa aministrazione e camera di commercio stanno lavorando con grande discrezione per creare le premesse moralmente accettabili e plausibili perchè le aziende facciano rientrare circa 2000 mld di dollari con uno scudo fiscale sul modello europeo... e, finto il QE2, se gli riuscisse credo che veramente potremmo vedere le quotazioni lì dove Gianluca Braguzzi ipotizza...

    Andrea G.

    RispondiElimina
  2. Ossequi dottor Piglia,
    volevo cortesemente chiederle se ancora è dell'avviso di destinare alla borsa non più del 10% del portafoglio.

    RispondiElimina
  3. Maurizio Piglia8 febbraio 2011 20:38

    Caro Lucio,

    Sto, a malicuore e con riluttanza, aumentando la mia esposizione al 15%...forse arrivero' fino al 20%, ma li' mi fermo, perche' io ho un mandato "total return" e il 20 e' il massimo che posso impiegare in una "scommessa" direzionale. Peraltro, di quel 20%, due terzi e' long e un terzo e' short....
    Ricorda che io posso dirti cosa sto facendo io...ma non consigliarti su cosa fare, primo, perche' a sbagliare siamo tutti bravissimi da soli, secondo , perche' non ho una visione complessiva del tuo portafogli ne' dei tuoi obiettivi di investimento.
    Ciao
    Maurizio

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".