Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

mercoledì 23 febbraio 2011

Paradossi, ammortizzatori e senso del ridicolo

L'euro si rafforza e l'azionario asiatico cala in reazione alle preoccupazioni relative all'aumento del prezzo del petrolio che potrebbe spingere le banche centrali ad alzare i tassi di interesse per contenere l'inflazione. Il greggio sale dal livello di chiusura più alto in oltre due anni in seguito alla violenta repressione delle proteste in Libia. La Germania indica che l'Unione europea potrebbe rinegoziare i termini del salvataggio della Grecia.

Roberto Malnati - Responsabile gestione di Global Opportunity Investments a Lugano: "Una valuta forte in un momento di deciso apprezzamento del petrolio funziona da ammortizzatore e permette di assorbire i costi energetici, il deprezzamento dell'euro potrebbe essersi interrotto ed é possibile rivedere livelli importanti intorno a 1,40 dollari".

- Risposta a AndreaG: "Com'é che le banche chiedono maggiore liquidità alla Bce mentre dovrebbero averne una quantità enorme che però non inseriscono nel sistema?"


2 commenti:

  1. I prezzi delle azioni statunitensi se si usa il metodo di Shiller che mette a confronto i prezzi correnti con la media degli utili degli ultimi dieci anni sono sopra la media (di questo rapporto prezzi/utili) degli ultimi decenni. I prezzi delle azioni dunque non sono bassi rispetto agli utili.??
    Uno spunto per i nostri esperti
    Grazie e complimenti a tutti.

    RispondiElimina
  2. Grazie per la risposta. Alla prossima!

    Andrea G.

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".