Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

lunedì 14 febbraio 2011

Il boccino si é spostato ad oriente

Il Pil giapponese diminuisce meno delle stime nel quarto trimestre, la domanda estera stimola la produzione dopo che il paese ha perso la posizione di seconda economia mondiale a favore della Cina. Il surplus commerciale cinese risulta minore delle attese in seguito alla ripresa dell'economia e all'aumento del prezzo delle materie prime che hanno assecondato un guadagno del 51 percento delle importazioni. Le Borse dei mercati emergenti registrano il maggiore rialzo dell'ultimo mese. L'euro si deprezza mentre i ministri europei delle finanze si incontrano a Brussels per rivedere gli obiettivi di riduzione del debito.

Roberto Malnati - Responsabile gestione di Global Opportunity Investments a Lugano: "Oggi potrebbe essere un giorno importante per la ripresa dei mercati emergenti dopo che sono rimasti al palo con un differenziale di oltre il 25 percento in tre mesi rispetto all'indice S&P500, bisogna ritornare a pensare a quelli che i soldi ce l'hanno davvero e non li stampano".


Nessun commento:

Posta un commento

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".