Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

domenica 6 febbraio 2011

Bunga bunga e altre storie insolite - VlogaLive

É stato rivoltato il concetto di delitto e castigo - dice Maurizio Piglia, Responsabile investimenti della banca Savings & Investments a Auckland, Nuova Zelanda - ma così arriviamo a saturare le cose allo stesso modo in cui Maria Antonietta informata che il popolo non aveva pane disse mangiate le brioches, Maria Antonietta l'ha pagata la lezione".

"Berlusconi é riuscito ad agire sulla mente degli italiani abituati ad accodarsi al ducetto di turno - dice Roberto Malnati, Responsabile della gestione di Global Opportunity Investments a Lugano - é l'espressione massima degli affari propri che ciascuno cerca di farsi in Italia, una volta andato arriverà un altro come lui, non aspettiamoci rivoluzioni, l'Italia é il paese degli accomodamenti".

"La tempesta perfetta arriverà, più che il se é il quando che rimane in dubbio - dice Gianluca Braguzzi, Direttore gestioni e strategie di Total Return Sgr a Mantova - sicuramente il centro del terremoto é e rimarrà il mercato obbligazionario, oggi tutto il mondo delle obbligazioni si regge sul nulla, su basi che non hanno un mercato, la tempesta perfetta é li che sta covando".

7 commenti:

  1. va benissimo lo sfondo nero, si vedono meglio i video. Il sito è ben pensato.
    Saluti, bravissimi, Franco

    RispondiElimina
  2. mooolto bello e interessante;
    un'unica nota: troppo lungo.

    martino.

    RispondiElimina
  3. Avanti così che state andando alla grande!!!

    Grazie a te Luciano ed ai tuoi bravissimi ospiti....

    Purtroppo ho seguito la registrazione e non la diretta...

    RispondiElimina
  4. Ottimo Malnati ..le banche d'affari fabbriche di tagliole finanziarie sono parassitarie e criminali .
    Andrebbero levate di mezzo con un colpo di spugna dalla sera alla mattina..i mercati sarebbero piu' stabili ,le transazioni piu' trasparenti la droga in circolo per evitare che il sistema imploda (o esploda secondo i punti di vista) molto minore...
    Le banche vere che servono per creare investimento e impresa avrebbero molto piu' spazio.

    Sul bunga bunga non vale la pena pronunciarsi.
    C'e' gente (da giovinastri senza ne' arte ne' parte a vecchiette rincitrullite) che intervistata ha profferito di voler essere al posto del vecchio satiro affetto da priapismo farmacologico neurodegenerativo...mah!

    RispondiElimina
  5. salve
    credo che l'unico modo per dare fiducia nuova alla gente nei confronti delle banche ,bisogna creare nuove regole e sopratutto regole semplici ,che siano capite da tutti ,
    un esempio :
    sulla rendicontebilità, si puo dire che lo stipendio massimo di una persona dotata di cervello pensante, sia al massimo di 100000 euro o dollari, a meno che non porti un certificato in cui ci sia scritto che di cervelli non ne abbia 2

    RispondiElimina
  6. Complimenti, bellissimo!
    Sul Bunga Bunga Maurizio rideva, a me veniva da piangere...
    Bravo Luciano, ti seguo con attenzione ed interesse!

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".