Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

lunedì 14 febbraio 2011

1500 ma anche 1600 di S&P500 per fine anno

Il Mercato azionario occidentale oscilla tra perdite e guadagni. Gli investitori riconoscono che l'indice Standard & Poor's 500 ha raggiunto i livelli di valutazione più costosi dallo scorso giugno e bilanciano l'ottimismo dal piano di transizione verso la democrazia in Egitto e dall'aumento delle esportazioni in Cina. Il Tesoro degli Stati Uniti avverte che le spese per la gestione del debito sono destinate a triplicare fino a 554 miliardi di dollari entro il 2015.

Marco Bonelli - Responsabile relazioni estere CL King & Associates a New York: "Correggo la previsione di fine 2010, l'indice S&P500 può segnare un guadagno del 20 percento entro fine anno perché c'é ripresa economica, le aziende producono buoni utili, c'é il solito discorso della liquidità e i rendimenti obbligazionari sono relativamente depressi rispetto a quelli azionari".




4 commenti:

  1. Luciano il volume è molto basso.

    RispondiElimina
  2. No niente, ho risolto.

    RispondiElimina
  3. Quasi tutti pensano che più cresce l’economia (come è misurata dal Pil), più crescono i corsi delle azioni (come misurati dagli indici). Se l’economia cresce, cresce la domanda e quindi i profitti e quindi i corsi delle azioni. Il ragionamento porta a preferire i paesi emergenti (che crescono molto) a quelli emersi (che crescono poco). Dunque, alla fine si ha la relazione crescita=azioni. Per fortuna i mercati finanziari esistono da un secolo ed esistono le statistiche. Sarà vero quanto appena detto? No, perché non esiste una relazione significativa stabile ed elevata fra crescita e azioni. Questa risultanza statistica è controintuitiva e mette in crisi un «luogo comune».
    Complimenti per l'ottima idea di Vloganza a
    Luciano.

    RispondiElimina
  4. Mah... in uno degli ultimi interventi lei aveva detto che il mercato era debole perchè l'AD line non confermava i massimi degli indici...
    Ora spara un +20% dopo il +100% già fatto dai minimi.
    Poi ci chiediamo chi crea le bolle...

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".