Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

martedì 11 gennaio 2011

Uno scenario estremamente complesso

Il mercato azionario europeo sale al massimo degli ultimi 28 mesi. Il Giappone ha promesso di comprare obbligazioni della zona euro affiancandosi alla Cina nel tentativo di alleviare la crisi del debito. Guadagnano i titoli bancari, i tecnologici, i minerari con l'aumento del prezzo del rame. L'euro si apprezza al cambio con dollaro e yen.

Gianluca Braguzzi - Direttore gestioni e strategie di Total Return Sgr a Mantova: "I mercati hanno degli spazi al rialzo che potrebbero essere ritoccati di diversi punti percentuali ma il problema é che le dinamiche non sono bene articolate, la disarmonia genera un percorso molto tortuoso dove é difficile pensare ad un bel movimento impulsivo rialzista".


5 commenti:

  1. Buona sera.

    Dopo la "voglia di disoccupazione" del Dott.Bonelli, "il non c'era, non ha fatto, non poteva fare" del Dott.Braguzzi.

    Capisco.

    Aldo

    RispondiElimina
  2. Gianluca Braguzzi12 gennaio 2011 10:31

    Mi scusi Aldo ma non ho capito...se mi chiarisce il suo intervento potrò precisare meglio il mio.
    Grazie
    Gianluca Braguzzi

    RispondiElimina
  3. Buon giorno.

    Grazie Dott. Braguzzi per l’opportunità di chiarire quanto detto, quanto penso.

    Il “capisco” era naturalmente provocatorio.

    Premetto che ritengo i suoi interventi sempre molto interessanti, professionalmente precisi ed equilibrati.

    Faccio riferimento all’ultima parte del suo intervento (dove Luciano, come aveva fatto con il Dott. Piglia ha puntualizzato).

    In particolare sul “dovremmo essere più oggettivi ed universalmente riconoscenti” verso un Ministro (attenzione, ritengo l’attuale Ministro un Giurista eccellente) che dal 1994 ad oggi (il non c’era?), rivestendo cariche di primo ordine nei Governi Italiani, ha (volente o nolente) politicamente vissuto (continuando quello che hanno fatto i Ministri precedenti) con ….”una crescita vertiginosa dell’indice della povertà relativa nelle famiglie con bambini, passando dal 14,2% al 16,7% per le famiglie di quattro componenti e dal 22,4% al 25,9% per le famiglie di cinque o più componenti....... (Dati Cies riferiti all’Italia alla 2008).

    Qualcosa è stato fatto (o forse non è stato fatto?) Si …. la carta acquisti, i bonus famiglia, l'abolizione dell'ICI sulla prima casa, il bonus elettrico.... che giustifica anche la voglia di disoccupazione del Dott.Bonelli.

    Ecco, mi perdoni ma questo non lo posso capire. Neanche alla luce di altre qualità e capacità.

    Aldo

    RispondiElimina
  4. Complimenti per il suo intervento dott.Braguzzi ma sopratutto la prima parte dell'intervista mi interessava particolarmente; la spiegazione è che ho ridotto momentaneamente la % sull'azionario perchè (nel mio piccolo) ritengo ci possa essere un rintracciamento a breve.
    Grazie dott.Braguzzi per l'indicazione sul Giappone x i prossimi 12 mesi. (sperando che stornino anche loro naturalmente)
    Cordiali saluti, Gianni.

    RispondiElimina
  5. Gianluca Braguzzi13 gennaio 2011 11:16

    I dati specifici che Aldo cita sono oggettivi e inconfutabili e mostrano che nemmeno Tremonti riesce ad andare oltre quando si parla di aiuto alla crescita e non di allontanamento da un possibile default. Ecco qui sta il punto: se ci compariamo con paesi che , come la Spagna, sino a due anni fa, si vantavano ed erano riconusciuti come molto meglio di noi, ebbene oggi possiamo ufficialmente dire che non è così e che siamo molto meglio noi e che il nostro paese è sicuramente più solido finanziarimaente e anche come prospettive.
    Se invece spostiamo l'attenzione sulla crescita , piuttosto che sull'occupazione o sul sostegno alle famiglie, ebbene qua i politici europei e quindi anche i nostri (però ritengo dovrebbero occuparsene altri ministeri) sono totalmente privi di idee, di fantasia e dunque di soluzioni. A destra si conserva lo status quo nonostante l'evidente fallimento del sistema capitalistico, a sinistra (dove governa) si aumentano le tasse disincentivando ulteriormente la voglia di impresa. Nulla di nuovo, nulla di risolutivo.
    Complimenti a Gianni per il giorno scelto per consolidare (noi stamani siamo scesi sui flessibili al 5% in apertura) spero che l'abbia fatto sui picchi di giornata. Comunque un eventuale storno sarà una nuova occasione di acquisto.

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".