Tra poco in video con Gaetano Evangelista - Amministratore unico di Age Italia da Bari: "La fiammata delle ultime settimane é stata inattesa e quindi mea culpa ma é una fiammata che dovrebbe rientrare, sul mercato italiano le prospettive non suggeriscono investimenti a cuor leggero, il rialzo degli indici non é giustificato dai dati economici e le probabilità non sono a nostro favore, il mio atteggiamento rimane di cautela a livello generale e di negatività sul nostro mercato fino a prova contraria" ~ Gli indici azionari degli Stati Uniti registrano nuovi massimi storici, mentre il mercato azionario italiano sale al massimo dell'anno e porta all'83 percento il rialzo dal minimo di due anni fa ~ Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi non esclude nuove misure di stimolo ma un'espansione del bilancio della Bce non implica necessariamente l'aumento della moneta in circolazione ~ L'indice Euro Stoxx 50 continua a salire anche se le sorprese macroeconomiche della zona euro risultano in prevalenza negative

mercoledì 26 gennaio 2011

La soluzione é alzare i tassi di interesse

Il mercato azionario asiatico chiude con una maggioranza di rialzi sostenuto dai guadagni delle società di servizi e dai finanziari, calano i produttori di materie prime e i farmaceutici. La Borsa di Tokyo segna la prima perdita in tre giorni. L'inflazione da prezzi importati in Germania aumenta al passo più veloce degli ultimi 29 anni. Il titolo Parmalat sale a Milano in reazione alle voci di cambiamento nel consiglio di amministrazione.

Riccardo Marzi - Trader indipendente a Londra: "I tassi di interesse a zero non funzionano e non hanno fatto crescere l'economia, dovrebbero essere alzati per garantire i depositanti e chi ha investimenti e risparmi che al momento sta perdendo a scapito di chi é pieno di debiti".


3 commenti:

  1. Sono daccordo.. la soluzione paradossalmente è proprio quella di alzare il costa del denaro e riportarlo a valori ragionevoli.. Nel medio lungo periodo sarebbe la ricetta giusta, ma ormai i nostri politici e anche Obama che si è rivelato tanto fumo e poco arrosto guardano solo al brevissimo periodo, al prossimo trimestre, proprio come i ceo del big company preoccupati per le loro stock option..
    Il denaro se è piu caro viene usato per investimenti oculati e produttivi, quello a gratis per creare bolle speculative e falsare quello che dovrebbe essere un libero mercato.

    Sempre FORZA VLOGANZA!!

    bruno

    RispondiElimina
  2. Riguardo il rialzo dei tassi accennato nell'intervista dal Sig.Marzi francamente a "prima botta" ho condiviso il commento del Sig.Luciano che ha detto che gli sembrava un autogol, ma siccome vedo concorde anche Bruno spero che ci siano altri interventi al riguardo.
    Se oggi il petrolio in Asia veniva scambiato a 100$ state tranquilli che a 120 la Bce sicuramente dovrà intervenire!

    Grazie x l'intervento Marzi.
    Cordiali saluti,Gianni.

    RispondiElimina
  3. Gianluca Braguzzi27 gennaio 2011 14:32

    Vi siete chiesti perché non alzano i tassi nonostante l'andamento tutto sommato positivo dei mercati finanziari e dell'economia?
    Il sistema bancario e assicurativo è, nel suo complesso (fatte salve sporadiche unità di medio piccole dimensioni), FALLITO , ogni riazo dei tassi o drenaggio di liquidità può provocare una frana mai vista a cominciare dal settore obbligazionario.
    Proprio per quello che scrive Bruno io penso che prima o poi inizieranno ad alzarli i tassi e allora, ben prima, dovremo cominciare a prepararci al peggio...

    RispondiElimina

Per commentare é necessario un indirizzo email "@gmail.com". Se non ce l'hai puoi farlo qui, oppure iscrivendoti al vlog. Altrimenti puoi usare una delle altre opzioni disponibili nel menù "Commenta come".